Conte, le priorità dicono Milan? Il Corriere e il “gioco della sedia”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Le priorità di Antonio Conte e il possibile futuro al Milan: il Corriere della Sera fa il punto su un ipotetico “gioco della sedia”

Sulla stampa italiana si torna a parlare di Antonio Conte e della possibilità che il prossimo anno sieda sulla panchina del Milan. In un focus nell’edizione di oggi, il Corriere della Sera inserisce l’ex CT come “osservato speciale” in un “ipotetico gioco della sedia“, visto e considerato il numero di grandi panchine che, dalla prossima estate, saranno libere. Ma quante sono le probabilità al momento che Antonio Conte possa sostituire Stefano Pioli e guidare il Milan nella stagione 2023/2024?

Le volontà di Antonio

Il quotidiano ragione partendo dai presupposti di base, quelle che dovrebbero essere le volontà di Conte per il ritorno in panchina. La prima, già emersa nelle ultime settimane, è quella forse più importante: “Non gli dispiacerebbe restare in Italia“. Allargando il discorso, scrive il Corriere, “un fatto è certo: l’allenatore dell’ultimo scudetto nerazzurro punta a un campionato della top five europea (non l’Arabia)“.

Ma non è tutto. Per quanto riguarda la tipologia di squadre che potrebbero fare al caso suo, il quotidiano sottolinea che “nonostante abbia confessato di aspirare a vincere la Champions League, non punta necessariamente a uno squadrone pronto a dominare ma accetterebbe un progetto dove incidere e contribuire alla crescita“.

Conte al Milan?

Nonostante l’ultimo “paletto” dei 3 definiti potrebbe andare d’accordo con le logiche e le dinamiche societarie del Milan di RedBird, il Corriere della Sera frena. “Il Milan”, scrive la giornalista Monica Colombo, “sembra orientato su profili diversi in caso di addio a Stefano Pioli (Thiago Motta?)“. Al momento, quindi, la pista che porterebbe Antonio Conte sulla panchina del Milan non sembrerebbe essere particolarmente percorribile.

Photocredits: IMAGO / PPAUK

Ultime news

Notizie correlate