Milan, Ordine: “Conte, l’amicizia con Pioli e quel che si doveva sapere”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Dietro alla candidatura di Antonio Conte al Milan con Franco Ordine: il retroscena del giornalista

Intervenuto questa sera in diretta a Telelombardia, il giorno dopo le dichiarazioni del vice di Conte Cristian Stellini che tanto sono circolate all’interno del mondo Milan, Franco Ordine analizza la proposta del tecnico al club rossonero. Infatti, per molti sarebbe proprio l’allenatore pugliese a spingere per sedere sulla panchina dopo Pioli.

L’analisi dell’esperto in diretta

ORDINE: “La candidatura di Conte non nasce ieri, ma nasce da alcuni giornalisti e soprattutto dall’opinione pubblica milanista che individua in Conte la soluzione per procurare quell’elettroshock positivo di cui avrebbe bisogno il Milan. A chi ha la possibilità di parlare con lui ha tenuto a dire che non ha mai ricevuto telefonate. A tal proposito, in tempi non sospetti a questi disse ‘è bene che si sappia, perché sono molto amico di Stefano Pioli.

Ricorderete che è stato uno dei pochi che ha fatto i complimenti subito dopo lo Scudetto vinto da Pioli. Dal Milan, invece, una cosa sappiamo sicura: che è straniero (il prossimo allenatore, ndr). Questo ci dicono”.

Ultime news

Notizie correlate