Milan, Loftus-Cheek e l’aneddoto su Conte: “Se te lo chiede devi farlo”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Il centrocampista del Milan Loftus-Cheek stravede per Conte: la prima volta che lo ha visto è rimasto impressionato

Uno dei nomi accostati alla panchina del Milan è quello di Antonio Conte, Ruben Loftus-Cheek racconta cosa vuol dire essere allenato da lui. La trattativa per l’arrivo dell’ex tecnico di Inter e Juventus è complicata, ma il centrocampista del Milan stravede per il suo vecchio allenatore. Loftus-Cheek non si sbilancia su Conte al Milan, ma racconta come ha portato il Chelsea al successo.

Le due facce di Conte

Loftus-Cheek ha rilasciato un’intervista a Cronache di Spogliatoio: i ricordi con Conte sono straordinari.

“È una persona fantastica, molto intensa ed un allenatore straordinario. Lo ricordo sempre perché non sapevo molto di lui prima che arrivasse al Chelsea. Quando l’abbiamo incontrato era molto tranquillo ed educato, poi la prima volta che è entrato in campo è diventato l’opposto di com’è fuori dal campo. È uno molto appassionato in campo. Ci sono delle grandi differenze tra dentro e fuori dal campo. Ci dava il programma per il giorno dopo, se sei nel calcio e il tuo allenatore vuole questo devi sempre cercare di fare quello che ti chiede. Se tutta la squadra fa questo, tutta la squadra avrà successo, ed è questo quello che è successo con Conte“.

Ultime news

Notizie correlate