Conte al Milan, Ordine: “Nessun contatto, ma il tecnico gradisce per 3 motivi”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Conte sarà il nuovo allenatore del Milan? Per Franco Ordine, il tecnico ex Inter e Juventus gradirebbe la destionazione rossonera

Il noto giornalista Franco Ordine ha manifestato la sua opinione, come di consueto, in un editoriale sulle colonne de Il Giornale. Ordine ha voluto parlare del successo rotondo del Milan di Stefano Pioli in Europa League e della posizione del tecnico parmigiano, con l’ombra di Antonio Conte sempre sullo sfondo.

MILAN, QUELLO DI CONTE UN MESSAGGIO A CARDINALE? L’IPOTESI DEL QUOTIDIANO

“Europa League, vittoria soddisfacente per tre motivi”

Odine ha esordito parlando di Europa League. Dopo il successo rotondo del Milan nella sfida di andata contro il Rennes, il giornalista ha vouto sottolineare i tre aspetti più positivi di questo successo: “Il primo: la conferma di Loftus Cheek nel ruolo chiave di trequartista con una bella striscia di gol. «Mi ricorda Miljnkovic Savic» racconta Pioli che non se l’aspettava così decisivo dopo il recupero della buona salute (smaltita la pubalgia) con il contributo al periodo positivo. Il secondo motivo: il ritorno di Leao al gol, e che gol, sull’asse mancino con Theo Hernandez a dimostrazione che il portoghese è una risorsa e non un problema per i rossoneri. E può diventare – se le voci provenienti da Parigi trovassero conferma – una grande risorsa finanziaria qualora il Psg volesse esercitare la clausola rescissoria da 175 milioni che Rafa ha appena concordato con il Milan. Il terzo e ultimo motivo è riferito a Stefano Pioli: tra il pranzo Uefa prima del Rennes e il dopo Rennes con i tre gol e un clima «da Champions» secondo Florenzi, sia Scaroni che Furlani hanno ripetuto stima e fiducia nei confronti del tecnico”.

LOFTUS-CHEEK MILAN, CUDICINI: “CONTE GLI FECE USCIRE IL FUMO DALLA TESTA”

“Conte considera il Milan una destinazione gradita”

Questo significa che Pioli sarà confermato sulla panchina del Milan? Secondo Ordine non necessariamente, ma sicuramente va tenuto in considerazione il momento attuale dei rossoneri: “Il club, così come avvenne in passato con Rangnick, non ha fatto alcuna mossa pubblica o privata per preparare il futuro, come confermano le diverse indiscrezioni pubblicate in sequenza. Lo stesso Conte – che pure considera in privato il Milan una destinazione gradita per la giovane età del gruppo, per la sua ottima cifra tecnica e per la solidità dei suoi conti – non ha avuto contatti. Infine anche Pioli dal suo canto sa altrettanto bene che nonostante le lodi societarie, al prossimo inciampo tornerà di moda il tormentone tra i tifosi che sotto sotto non gli hanno mai perdonato i 5 derby persi di fila”.

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate