Milan, Criscitiello: “Conte strumentalizzato” Poi allude sui tempi

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Uno dei tormentoni degli ultimi mesi in ottica Milan è il futuro di Antonio Conte: Michele Criscitiello torna a discuterne

A distanza di qualche tempo, il direttore di Sportitalia è tornato a toccare il tema Conte, soprattutto in ottica Milan e Napoli. Citando espressamente le due squadre, Criscitiello sostiene che ci sia una sorta di preconcetto sul tecnico e fa una riflessione in diretta. Di seguito, la sua esposizione.

Criscitiello, “i presidenti”, e i tempi sbagliati

«Molti presidenti, e non parlo solo del Napoli, si stanno nascondendo dietro al nome di Antonio Conte per farsi belli con i tifosi e allo stesso tempo dire “Ah, ma Conte guadagna troppo”. Lo sai quanto guadagna Conte? “Ah ma Conte è un allenatore che vuole poi determinati giocatori e devi fare gli squadroni”. Cosa non vera, perché doveva valorizzare la Juventus e l’ha valorizzata, così come l’Inter con Lukaku. In questo momento, bisogna parlare chiaro, viene strumentalizzato da molti presidenti.

Napoli, Milan, Roma, Albinoleffe, Mantova e tutti quelli che volete: se volete Antonio Conte, avete il numero. Lo chiamate. L’hanno chiamato? Probabilmente no. O chi l’ha chiamato, l’ha fatto nei tempi sbagliati. Detto questo, se uno vuole raggiungere un obiettivo va dritto al punto. A mio avviso, in molti non sono andati dritti al punto. Capitolo Milan, l’abbiamo spiegato tantissime volte. Capitolo Napoli, possiamo entrare nel merito ma attenzione: se lo vuole, il numero è lo stesso di gennaio».

Ultime news

Notizie correlate