il 31/01/2024 alle 09:13

Conte chiede troppo al Milan? Criscitiello: “Ecco perché non è un problema”

0 cuori rossoneri

Il direttore di Sportitalia Michele Criscitiello risponde alla domanda del tifoso: “Come può il Milan soddisfare le richieste di uno come Antonio Conte?”

Tra valutazioni societarie, ipotesi e ragionamenti legati alla rosa, Michele Criscitiello ha spiegato ai microfoni di Sportitalia che le richieste di Antonio Conte non sarebbero un problema per il Milan. Dopo la notizia (ri)lanciata due sere fa dal giornalista Luca Momblano, il nome dell’ex allenatore di Inter è Juventus è tornato prepotentemente a girare in orbita rossonera per la prossima stagione. Alla domanda del tifoso, il direttore di Sportitalia ha confermato che “tutto sembrerebbe andare in quella direzione“: Antonio Conte sarà il prossimo allenatore del Milan?

Il direttore di Sportitalia Michele Criscitiello risponde alla domanda del tifoso: come può il Milan soddisfare le richieste di uno come Antonio Conte?

“La squadra non dispiace”

La domanda del tifoso al telefono è una domanda che si stanno ponendo tanti appassionati dei colori rossoneri e non solo: “Come può una società come il Milan soddisfare le richieste di uno come Antonio Conte con la politica che ha a livello di ingaggi e di calciomercato?“.

CONTE STRAVOLGE IL MILAN, VIA ANCHE FURLANI? L’ANTICIPAZIONE DI DAGOSPIA

La risposta di Michele Criscitiello è la seguente: “Innanzitutto, il mio ragionamento è che a Conte questa squadra attuale non dispiace, e il Milan ha messo in preventivo che deve prendere almeno 4 giocatori nella prossima sessione di calciomercato. Conte sa che il club non può prendere 4 giocatori da 8 milioni di ingaggio l’uno, come sa benissimo che l’Inter non lo può più allenare, la Juventus non la allena e con le alternative Roma e Napoli la priorità è quella del Milan. Ovviamente vuole giocatori forti, potrebbe avere delle garanzie sull’identikit del giocatore, ma siccome non è stupido, sa benissimo che la situazione del Milan non è come quella del Tottenham e sa benissimo che le cose in Italia sono cambiate. Quindi, i 4 giocatori (2 difensori, 1 centrocampista, 1 punta che diventano 2 se Giroud se ne va) lui li vuole, li vorrebbe, con determinate caratteristiche“.

MILAN, QUANDO CONTE DISSE SU IBRAHIMOVIC: “LUI QUESTO LO SA BENE! INFATTI LO STIMO”

“Non è un problema: Conte e il Milan lo sanno”

Continuando sul punto, e tornando al succo della domanda posta dal tifoso al telefono, Michele Criscitiello ribadisce che la politica societaria del Milan non rappresenta un problema se rapportata alle richieste che storicamente un allenatore come Antonio Conte ha fatto al proprio club. Il motivo spiegato dal direttore di Sportitalia:

E io credo che il punto di incontro sul calciomercato non sia un problema, così come credo che non sia un problema neanche sotto il punto di vista dell’ingaggio: il Milan sa che deve spendere di più, ma parte da una buona base. E allo stesso tempo, Antonio Conte sa che non può chiedere 12 milioni di euro l’anno per allenare una squadra in Italia. Per questo, se c’è la volontà seria e concreta delle parti e soprattutto in questo momento sembrerebbe andare tutto verso quella direzione, l’accordo potrebbe farsi non ora, ma tra un mesetto: tra la fine di febbraio, inizio marzo“.

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

NOTIZIE MILAN