Dest: “La Serie A mi renderà completo. E sul Milan…”

0 cuori rossoneri

Tra pochissimo LIVE su Radio Rossonera la conferenza stampa del nuovo talento del Milan, Sergino Dest.

Era destino che venissi al Milan? (Anche Seedorf aveva genitori del Suriname) “Non amo parlare della mia famiglia, ma si un po’ il fato ha inciso, per me è un onore ripercorrere la carriera di Seedorf, spero di fare come lui”.

Le tue caratteristiche? “Sono molto versatile, la mia posizione migliore è sulla fascia, ma ho anche caratteristiche offensive, poi decide il mister”.

Perché il Milan dovrebbe riscattarti? “Darò il mio 100% e dimostrare così di poter restare in questo club”.

Ambasciatore del calcio americano in Europa, come ti fa sentire? “Mi sto concentrando di più sul team, su vincere, su dare il massimo, sono contento che ci sia una proprietà USA, ma non ha inciso nella mia decisione”.

Come va l’ambientamento? “É tutto così veloce, siamo in un momento in cui si gioca ogni 3 giorni e quindi non ho potuto visitare ancora bene la città, con la squadra sta andando bene, sono gentili, faccio ancora un po’ fatica a ricordarmi i nomi”.

Paragone con Serginho? “Lo conosco, ma non l’ho visto tantissimo, ovviamente è bello, spero di fare bene come ha fatto lui, se non di più, devo concentrarmi su di me e poi vedremo”.

Leggi QUI – Haaland omaggia Ibra dopo il gol: le sue parole

Maggiori difficoltà della Serie A? “Questo campionato mi aiuterà a diventare più completo, l’Italia è famosa per la buona difesa, dovrò migliorare in quello e sviluppare le mie capacità”.

Pioli usa i terzini anche come interni, ti piace come cosa e giocare nel Milan? “Innanzitutto è un onore essere in questo club, con questa storia e questo presente. Il gioco di Pioli mi piace e mi permette di svilupparmi meglio, con anche i terzini che spingono, le mie capacità spero potranno aiutare questa squadra”.

Qualcuno ti ha aiutato a inserirti in particolare? “Sono arrivato da poco, tutti mi hanno aiutato, con Vranckx ho maggior confidenza, ma direi che il bello è essere legati a un gruppo, non con qualcuno in particolare”.

Diverse metodologie di squadra e con i tifosi? “Con Ajax e Barca era più un gioco di possesso, qui siamo più diretti e in difesa si difende tutti. É difficile fare i giusti paragoni, a fine stagione saprò rispondere meglio”.

Qualche giocatore che ti viene in mente della storia del Milan? Qualche giocatore che ti ha impressionato adesso? “Mi ricordo Ronaldinho, Maldini. Leao è un gran giocatore, ma l’importante è la squadra, se faccio un nome sembri che penalizzi gli altri”.

É l’ambiente giusto? “Si 100%, anche le strutture sono fantastiche, sono in un buon flusso, spero di dare il mio meglio”.

photocredit: acmilan.com

Segui la nostra pagina Facebook per sapere tutto quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live