Ballo-Touré

Ballo-Touré si presenta: “La Ligue1 è più fisica, per la Serie A ci vuole più concentrazione”

0 cuori rossoneri

Ballo-Touré

Oggi è il giorno della presentazione ufficiale del neo acquisto Fodé Ballo-Touré. L’ex terzino del Monaco, arrivato al Milan a titolo definitivo per 5 milioni di euro, ha incontrato i giornalisti presenti a Milanello. Di seguito le sue dichiarazioni:

Che cosa ti ha spinto a venire al Milan?
“Sono contentissimo di essere qui. Sapevo dei contatti tra Paolo Maldini ed il mio agente, ma ho iniziato a crederci quando il Monaco è stato coinvolto. Ci ho creduto totalmente una volta arrivato a Milano”

Come vanno i primi giorni a Milanello e i primi approcci con i nuovi compagni?
“Molto bene, sono stato accolto benissimo da tutti. Conoscevo già Leao. L’incontro con il Mister Pioli è stato positivo. Mi ha spiegato cosa si aspetta da me. È molto disponibile. Capisco meglio l’italiano col passare dei giorni”

In Ligue1 non hai mai segnato. Credi che la tua crescita passerà anche dai gol?
“Sicuramente è un aspetto da migliorare. Spero di crescere sotto porta come ha fatto Theo”

Quali sono i punti in comune e le differenze con Theo?
“Ognuno ha il suo stile di gioco. Mi accomuna con lui il fatto di essere veloce e rapido. Io devo migliorare sotto molti aspetti, ognuno si distingue con le proprie caratteristiche”

E’ bello ritrovare Maignan al Milan?
“Sono molto contento di giocare ancora con Mike. Abbiamo condiviso assieme le esperienze al Psg e al Lille. È un fratello e mi da spesso consigli”

Nel 2016 hai giocato la finale di Youth League contro il Chelsea di Tomori. Che effetto ti fa ritrovarlo come compagno al Milan?
“È un grande piacere. Il mondo del calcio è piccolo. Non abbiamo ancora avuto l’opportunità di riparlare di quella gara”

Quanto è stato importante Paolo Maldini per il tuo approdo in rossonero?
“Sono fiero che Paolo Maldini mi abbia voluto al Milan. Lui è un riferimento in campo e fuori”

A quale giocatore ti ispiri?
“Non voglio paragonarmi a nessuno. Da piccolo mi piacevano di più gli attaccanti. Non ho un giocatore preferito”

Pioli punta molto sui terzini. Lo scorso anno Calabria, Theo, Kalulu e Dalot sono cresciuti molto. Credi che Pioli possa aiutarti nel salto di qualità definitivo per la tua carriera?
“Lui da molta importanza al gioco sulle fasce. Sarà molto importante essere concentrati in tutte le fasi della gara ed essere allenato da lui mi aiuterà a crescere”

Cosa credi possa darti la Serie A per farti migliorare?
“Potrò migliorare sia offensivamente che tatticamente”

Perché hai scelto il numero 5?
“Di solito prendevo il 3 oppure il 5. Ovviamente il 3 non era disponibile, quindi ho scelto il 5”

Theo appena arrivato in Italia ha passato un periodo di adattamento, specie difensivamente. Credi di dover migliorare in fase difensiva?
“Dovrò e potrò migliorare difensivamente, e la Serie A mi aiuterà molto in questo”

Quali sono le tue principali caratteristiche?
“Sono aggressivo e rapido”

Che cosa non ha funzionato al Monaco?
“Nel calcio alcune cose riescono ed altre meno. Ci sono periodi caratterizzati da alti e bassi. Ora sono al Milan e darò il massimo”

Quali sono state le motivazioni per scegliere il Milan, nonostante la presenza nel tuo ruolo di Theo?
“Il Milan è un grande club e non potevo farmi sfuggire questa occasione. Sarà il Mister a fare le scelte. Io penso a lavorare per il meglio”

Quanto sarà difficile gestire il periodo di gennaio vista la Coppa d’Africa?
“Sono felice di poter rappresentare la mia nazione. In caso di necessità sono a disposizione della società”

Pensi che la colonia francese al Milan ti aiuterà nell’ambientamento?
“Certo. Mi possono aiutare con la lingua, e supportarmi nelle prime difficolta in campo e fuori. Mi faranno sentire a mio agio”

Quali credi siano le difficolta per un calciatore francese nel campionato italiano, dovendo misurarsi con una situazione tattica e tecnica particolare rispetto alla Francia?
“La Ligue1 è più fisica ed intensa. La Serie A, per quello che ho visto, è più tattica e necessita di massima concentrazione. Le difficolta vanno affrontate senza timori”

photocredits acmilan.com

Rileggi QUI l’intervista di Pioli a “Il Fatto Quotidiano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live