Condò: “Milan-Napoli ha la variabile più importante di tutti i quarti”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

In un editoriale sulle colonne di Repubblica, il giornalista Paolo Condò ha presentato l’andata dei quarti di finale di UEFA Champions League: Benfica-Inter e Milan-Napoli.

“Ripetiamo da agosto che l’inedita pausa mondiale d’autunno influenzerà la stagione, ma senza sapere esattamente come. La ripresa di gennaio ha cominciato a fornire risposte: il Psg, protagonista in Qatar con la finale illuminata da Messi e Mbappé, non solo ha nuovamente fallito l’assalto alla Champions ma sta rischiando perfino in Ligue 1. Le novità della stagione, il Napoli e l’Arsenal, hanno dato al Mondiale un contributo modesto. Delle otto qualificate ai quarti di Champions, una — il Chelsea — sa di potervi tornare solo vincendola mentre altre due, Inter e Milan, alternano alla brillantezza e alla tigna europea percorsi interni deludenti. In più sono arrivati due esoneri del tutto irrituali: il Bayern ha cacciato Nagelsmann e il Chelsea si è liberato di Potter”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – CAPELLO: “MILAN-NAPOLI E’ 50-50! SPALLETTI PENALIZZATO… DI UN 5%”

Condò su Benfica-Inter
“Attorno all’Inter s’è ormai creata la narrazione dell’adrenalina da “dentro o fuori” come unico propellente, e in effetti il gruppo di Inzaghi ricorda quei plotoni condannati a guardare sempre avanti, perché dando fuoco ai ponti attraversati si sono vietati ogni ritirata. L’Inter di campionato è quinta e tende al peggio (4 punti nelle ultime 6 gare), l’Inter di Champions si è lasciata dietro il Barcellona e il Porto. Non c’è coerenza, e giunti ad aprile è inutile cercarla: si procede in rotta di collisione col Benfica, prodigio che dopo aver incassato follie in estate con Nuñez e in gennaio con Fernandez propone al mercato — suo sbocco tradizionale — il centravanti Gonçalo Ramos (21 anni, 25 gol, un caterpillar che al Mondiale ha tolto il posto a Ronaldo). Che il Benfica giochi meglio dell’Inter è un’ovvietà, ma stasera ha mezza difesa fuori e la sua vita non finisce con la Champions. Chissà se la cosa lo avvantaggia”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – DA NAPOLI LA PROVOCAZIONE A MALDINI: “LASCIAMO ILLUDERE IL BEL PAOLO…”

Condò su Milan-Napoli
“L’ultimo derby italiano in Champions è datato 2005, quarto di finale in cui il Milan travolse l’Inter (5-0 complessivo) due anni dopo l’edizione in cui sempre il Milan fece fuori l’Inter in semifinale e la Juve in finale. Sono tempi lontani che Spalletti ha evocato per negare il proprio status di favorito: per riaprire il pronostico ha fatto di più lo 0-4 del Milan al Maradona in campionato. Delle magnifiche otto il Napoli è quella che ha giocato di meno (38 gare, il Milan una in più) ma il suo ruolino di marcia — 31 vittorie, 4 pari, 3 sconfitte — è inferiore soltanto a quello del Benfica (media punti 2.58 contro il 2.55 partenopeo). Il Napoli ha anche il terzo attacco (Bayern 2.95 gol a partita, City 2.60, Napoli 2.44), mentre il Milan con 1.56 ha fatto meglio del solo Chelsea. Ma sono innanzitutto i 25 gol di Osimhen ad avvalorare la candidatura europea di Spalletti: 25 come Benzema e come Ramos, i tre migliori dietro Haaland. Il suo recupero è la variabile più importante dei quarti”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

condò milan napoli

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate