Condò: “Leao svagato, le partite durano 90 minuti! Ora serve praticità, ma…”

DiDavide Giovanzana

Mar 14, 2022

Nel classico editoriale del lunedì su La Repubblica, Paolo Condò commenta la prestazione del Milan e il rush finale scudetto.

“Il primato del Milan non è più virtuale: dopo il pari dell’Inter Pioli e i suoi uomini sono padroni del loro destino, e a nove gare dalla fine comincia ad essere un fattore importante. Il campionato ha cambiato ancora direzione all’inizio del lungo rettilineo finale, quello in cui rimane soltanto uno scontro diretto (Juve-Inter tra due turni) e il resto sarà una stressante crono dove ciascuno pedalerà in solitudine.”

“L’ultimo quarto di campionato, quello in cui il risultato diventa davvero l’unica cosa che conta, è il periodo della stagione nel quale più grave appare la distanza con la Premier. Lì a primavera i grandi sistemi di gioco danno il meglio, perché è il momento di competere per vincere la Champions e senza qualità individuale e collettiva non vai da nessuna parte. In Italia, invece, sparisce quel tanto di bello che si era visto fin qui, ed è solo praticità: al massimo qualche giocata individuale capace di premiare lo sforzo dei tanti lottatori di stanza in A.”

-Leggi QUI anche “Milan, ora devi essere perfetto! Le insidie del calendario”-

“Esempio sono le combinazioni come i raddoppi di Hernandez e Leao sulla fascia sinistra del Milan: peccato che alla squalifica del primo sia corrisposta la svagatezza del secondo, intermittente come se la vittoria sull’Empoli fosse ineluttabile, e quindi perché tenere la testa dentro la partita per 90 minuti? C’è voluto invece un colpo da biliardo di Kalulu (che non era prevedibile) per cresimare la prima delle tappe che mancano al traguardo. Leao si è acceso tre volte, tutte nel primo tempo, e il gol della sicurezza si è avvertito nell’aria. Non è arrivato, e la ripresa è diventata una passeggiata notturna in un parco male illuminato: alla fine i pericoli reali sono stati due, le inquietudini molte di più. La doppia pressione relativa al primato da conservare e ai precedenti problematici con le piccole ha avuto un ruolo nei languori di sabato. Ma era un esame, ed è stato superato.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan