Milan, Sala (DAZN): “Troppi cartellini rispetto all’Inter: guardate Barella” (ESCLUSIVA)

I più letti

Piero Mantegazza
Nato il 21-11-2000. Laureando in Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo all'Università Cattolica del sacro cuore di Milano. Redattore di Radio Rossonera, innamorato del Milan e dello sport in generale.

Federico Sala di Dazn in ESCLUSIVA ha parlato delle discrepanze sui cartellini del Milan: l’Inter con Barella ne è un esempio

Il bordocampista di Dazn, Federico Sala, è intervenuto in ESCLUSIVA dopo aver seguito Verona Milan: i cartellini sono eccessivi. L’inviato ha ricostruito l’ammonizione data a Theo Hernandez e ha portato alcuni esempi per parlare della differenza nell’utilizzo dei cartellini rispetto ad altre squadre.

Caso Cartellini: l’analisi di Sala

Troppa facilità nell’ammonire i giocatori del Milan?Non credo a una sudditanza contro il Milan. Nel mondo arbitrale ci sono alcuni giocatori che vengono recepiti più provocatori rispetto ad altri. Non penso che però il Milan abbia un trattamento diverso da altre squadre. C’è però una discrepanza sul regolamento, non c’è uniformità sugli episodi: l’applicazione è soggettiva. Stride comunque il numero di cartellini rispetto all’Inter, credo che in certe situazioni manchi sensibilità da parte degli arbitri. Un esempio è di ieri: a Barella non hanno dato un’ammonizione sacrosanta”.

Campionato riaperto? “Non credo proprio, la paura del popolo del Milan è legata alla possibilità di giocarsi il campionato nel derby e gli storici delle ultime stagioni non fanno ben sperare. L’Inter ha fatto un cammino eccezionale quest’anno, ma il Milan sarebbe potuto rimanere più attaccato, tanti punti persi in partite sotto controllo. Non ci sono 14 punti di differenza sull’Inter, ma a livello generale e di rosa ci sta che l’Inter vinca lo scudetto, non dimentichiamoci che il Milan è anche stato rivoluzionato in estate”. 

Ultime news

Notizie correlate