ESCLUSIVA – Pellegatti: “Camarda come un puledro, mi ricorda Dzeko!”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

L’opinione di Pellegatti su Francesco Camarda, la tipologia di calciatore dell’attaccante classe 2008 e le news di formazione per Milan – Fiorentina

Carlo Pellegatti è intervenuto in esclusiva come ogni venerdì nel programma Pelle Rossonera per parlare dei temi di attualità del Milan, come la convocazione record di Francesco Camarda per la sfida di domani sera a San Siro con la Fiorentina. Il giornalista ha parlato delle qualità di Camarda e lo ha paragonato ha un grande attaccante contemporaneo. Pellegatti ha fornito le ultime notizie sulla formazione che scenderà in campo con i viola e parlato del problema infortuni che continua a colpire la rosa gestita da Stefano Pioli.

MILAN – FIORENTINA, PIOLI: “CAMARDA? IL TALENTO NON HA ETÀ! IBRA SE TORNASSE…”

Il paragone di Pellegatti per Camarda

Carlo Pellegatti in esclusiva a Radio Rossonera ha risposto a una domanda di un ascoltatore che chiedeva del pericolo di ripetere con Francesco Camarda l’errore fatto con Mastour: “No, perché dobbiamo andare a prendere Mastour, ma iniziare come ha iniziato Paolo Maldini di cui si parlava molto bene, come di Franco Baresi e Gianni Rivera, erano dei talenti. Mastour veniva da un’altra squadra, questo ha segnato 500 gol, c’è un pò più di sostanza. Un giocatore come un puledro, se vai a prendere Camarda e vai a prendere un puledro. Camarda non sai dove arriverà, ma continua a segnare gol eccetra, ma lo sa anche Camarda. Predestinato è una parola che non sopporto. Questo è l’unico giocatore che ha segnato e di chi gioca del 2008 in Youth League. Questo gioca da 2-3 stagione con quelli di 1-2-3 anni più grandi e a livello giovanile è una cosa fuori totalmente. Chiaro che fa a volte un pò fatica, ma continua a segnare gol. Non è un giocatore spettacolare: dribbling e fuga veloce. Camarda distribuisce il pallone, cross in area e si sa muovere molto bene. Io se dovessi paragonarlo è un giocatore tipo Dzeko: non spettacolare, ma c’è sempre”.

DI STEFANO: “LA FAMIGLIA CAMARDA MI CONFORTA, ECCO PERCHÉ È DIVERSO DAGLI ALTRI!”

Il centrocampo di Milan – Fiorentina

Pellegatti nel suo intervento ha parlato delle possibilità di vedere Camarda in campo domani e ha aggiunto alcune notizie sulla sua famiglia: “Se il Milan non sta andando bene e siamo disperati, metterà una punta e l’unica è Camarda, se il Milan va bene e vince 2-0 a 10-15 minuti dalla fine chiaro che lo vedremo in campo per una passerella. Tanto è un ragazzo equilibrato con una famiglia brava nel quartiere Comasina. La mamma è attenta ai compiti. Lui è 3 o 4 anni che si parla di lui, forse un pò di più. Camarda è abituato a giocare con i 3 anni in più”. Pellegatti rispondendo a un ascoltatore si è espresso così sul problema infortuni: “Chiaro che ci sia il problema infortuni”. Infine, le ultime sulla formazione con focus sul centrocampo che sfiderà dal 1′ la Fiorentina: “Centrocampo dovrebbe essere Musah, Reijnders e Pobega con l’olandese vertice basso. Esatto, perché Musah, Loftus-Cheek e Krunic potrebbero essere pronti per la partita con il Dortmund”.

MILAN – FIORENTINA, VISCIDI SU CAMARDA: “L’ESPERIENZA SI FA GIOCANDO”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

 

Ultime news

Notizie correlate