ESCLUSIVA – Pellegatti: “Leao deve decidersi, ecco le parole gravi di Calabria”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Carlo Pellegatti tra i postumi di PSG-Milan come le dichiarazioni di Calabria, le critiche a Leao e il ruolo per la più che idea del ritorno di Ibrahimovic

Carlo Pellegatti è intervenuto in esclusiva come ogni venerdì in Pelle Rossonera per parlare dei temi di attualità di casa Milan. Il giornalista ha detto la sua opinione su Rafael Leao non alimentando le critiche nei confronti del portoghese, ma non assolvendolo del tutto chiedendo di far di più per fare lo step da campione a fuoriclasse. Pellegatti è tornato anche sulla confusione che si è creata intorno alle parole di Davide Calabria dopo PSG – Milan e sull’idea di riportare Zlatan Ibrahimovic in un ruolo ben definito e di primaria rilevanza. Qui un estratto delle parole di Pellegatti in esclusiva a Radio Rossonera.

ESCLUSIVA, PELLEGATTI: “PIOLI PRESUNTUOSO? IL PROBLEMA È UN ALTRO”

Critiche a Leao la moda, Pellegatti fa la distinzione

“Quando Sacchi e altri, anche Seedorf, mi sembra anche Del Piero criticano Leao, il portoghese deve essere contento perché pretendono da lui qualcosa in più. Leao deve decidersi, in questo momento è un grande campione, che fa la differenza, ma deve decidersi se rimanere un grande campione oppure diventare un fuoriclasse. Non per niente contro il Lussemburgo, il Portogallo ha segnato 8 gol ma lui non ha segnato. Gli vogliamo bene, ma vogliamo vederlo un giocatore che esprima le sue straordinarie potenzialità. Mbappé ha l’istinto del gol mentre l’altro gioca per divertirsi. Le critiche a Leao è la moda,  ma sulla presenza in area di rigore deve migliorare. Non so se alla sua età e con queste attitudini possa veramente migliorare, perché è come un che a 24 anni gioca male a rete e può lavorare…. Io non scendo dal carro di Leao ma devi mordere di più ed essere più presente in area di rigore”.

ESCLUSIVA, ORDINE: “MILAN TRA CORTOCIRCUITI, PANICO E ANALISI DA CLOWN”

Ecco le parole gravi di Calabria secondo Pellegatti

“Calabria ha detto che ci si fa un grande mazzo per giocare queste partite, bisogna rimboccarsi le maniche, chi non se la sente e non ha questa voglia può stare a casa e sono state sottolineate queste parole. Le parole gravi di Calabria non sono queste. Le parole gravi di Calabria è quando dice tatticamente 1 vs 1 ci danneggia e siamo sbilanciati tatticamente. Queste sono le parole importanti, perché difficilmente un giocatore critica o sottolinea una mancanza in quel momento e raramente si vede un giocatore che sottolinea questi aspetti tattici”.

 Ibrahimovic fondamentale al Milan

“Da questo io dico che è fondamentale, ma non futura lontana, siamo già in ritardo di 2 giorni, di Zlatan Ibrahimovic. Mi dicono che non sa ancora cosa fare, ma si va la e si insiste a oltranza. Un aggiunta a Pioli, perché lui non può gestire anche la persona giocatore. Giorgio Furlani con tutti i problemi da Amministratore Delegato non può andare a confrontarsi con il giocatore X. Secondo me la presenza di Zlatan Ibrahimovic diventa fondamentale. Il ruolo è consulente personale di Gerry Cardinale e hai carta bianca dopo esserti confrontato con Furlani e Cardinale”.

ESCLUSIVA, PELLEGATTI: “ADESSO E’ TARDI, AL MILAN SERVE IBRAHIMOVIC”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Pellegatti Milan

Ultime news

Notizie correlate