ESCLUSIVA – Pellegatti: “Difendo Theo, smentita un’altra sciocchezza…”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Carlo Pellegatti dopo Milan – Fiorentina ha difeso Theo Hernandez dalle critiche e salvato lo spirito non il gioco in vista della sfida di Champions League

Carlo Pellegatti è intervenuto in esclusiva nel postpartita di Milan – Fiorentina su Radio Rossonera per commentare l’andamento del match di San Siro. Il giornalista si è schierato dalla parte di Theo Hernandez criticato da molti addetti ai lavori per il suo rendimento altalenante poi si è concentrato sul ribadire l’importanza dei 3 punti conquistati anche per come sono arrivati. Infine, si guarda già a martedì sera per la sfida decisiva di Champions League contro il Borussia Dortmund.

MILAN-FIORENTINA 1-0, POBEGA: “LO ABBIAMO FATTO ANCORA E NON RIUSCIAMO A CAPIRE PERCHE’…”

Pellegatti in difesa di Theo dopo Milan – Fiorentina

“Difendo totalmente Theo, avrà giocato 140 partite negli ultimi due anni, è alla quinta partita in 15 giorni, giocatore che spinge ed effettua scatti da 60 metri per ogni partita. Sta pagando 2 anni molto pesanti, quindi difendo Theo, pur rispettando le opinioni. Quando perdiamo Theo, un altro come lui non lo troviamo”.

MILAN-FIORENTINA 1-0, PIOLI: “NON PENSO MAI CHE POSSA ESSERE LA MIA ULTIMA PARTITA”

Vittoria di grinta e determinazione

“Il Milan mi è piaciuto tantissimo non certo sul piano spettacolare, ma sul piano della grinta e della determinazione e su quello dello spirito di sacrificio. Una vittoria nel finale fortunata come altre volte siamo stati sfortunati. Quando giochi con questa voglia di portare a casa la vittoria abbiamo smentito un’ altra sciocchezza: che la squadra non sia vicina a Pioli o altre stupidaggini del genere. Volevo una vittoria così e e sono entusiasta di una vittoria così. Non sto parlando sul piano spettacolare. Ci voleva questa vittoria. Sarò contento di leggere i Pioli out e la squadra ha giocato male. Sono 3 punti e distacco di 6 dalla Lazio e 7 dalla Fiorentina, 7 dall’Atalanta e mi gioco la Champions League in attesa che ritornino tutti”.

MILAN-FIORENTINA 1-0, CALABRIA: “CAMARDA? ECCO PERCHE’ DEVE LAVORARE PIÙ DEGLI ALTRI”

Spirito giusto, non il gioco per battere il Borussia

“Un Milan con questo spirito, ma non con questo gioco può battere il Borussia. Rientra Giroud e un Loftus-Cheek che nel pezzettino giocato ha inciso. Giocherà Krunic e Reijnders nella sua posizione. Giocherà questa difesa e il Milan di oggi è questo. Senza Leao è tutto un altro Milan”. Pellegatti sui crampi patiti da Mike Maignan nel secondo tempo: “Mi hanno sorpreso i crampi di un portiere (Maignan) a metà del secondo tempo. Non me li ricordavo in un portiere in generale e in un portiere del Milan. Non so cosa avesse, forse la tensione, ha finito la partita ed è stato eroico con quella parata di viso nel finale e li ho visto la palla in porta, perché praticamente era già gol e siamo stati fortunati con la parata di faccia, ma non dimentichiamo che abbiamo lasciato lì il 2-0 con Jovic anche se devo dire con una parata di Terracciano”.

MAIGNAN POTEVA NON GIOCARE MILAN – FIORENTINA! NON SOLO FEBBRE: IL RETROSCENA

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate