Cardinale, retroscena su Milan-PSG: il bodyguard, la voce bassa e i 100 “5”