Milan, Cardinale si racconta: “Io, D’Annunzio, Milano e… Djokovic”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Nell’intervista di Gerry Cardinale a “Sette” c’è anche tanto costume: la storia del rapporto del numero 1 del Milan con l’Italia

Nella lunga intervista rilasciata ai microfoni di Sette, settimanale del Corriere della Sera, il n1 di RedBird (fondo proprietario del Milan) Gerry Cardinale ha raccontato per la prima volta la sua storia. Dal legame con l’Italia alle origini della famiglia, passando per Milano, il rapporto con lo sport, il calcio negli USA e quello in Arabia Saudita.

L’Italia del numero uno del Milan, Gerry Cardinale

“Sono nato l’8 maggio, come Franco Baresi. Mia madre è una D’Annunzio, imparentata con il poeta, la sua famiglia viene dall’Abruzzo, quella di mio padre dalla zona di Napoli e dalla Sicilia. Ero qui nel 1982 quando gli Azzurri hanno vinto la Coppa del mondo: guardavo Franco Baresi, Daniele Massaro, Paolo Rossi… ne dovrò parlare con Franco e Daniele! Ero in un paesino in provincia di Salerno, Santa Maria di Castellabate, ho festeggiato con i tifosi per strada, avevo 15 anni e non avevo mai vissuto un’esperienza così. Per questo sono andato in Duomo è stato come ripercorrere un momento emotivamente molto forte, una sensazione molto intima. Quella fotografia rivela il mio essere appassionato, ma non emotivo, c’è differenza”.

E’ riuscito a visitare Milano? Cosa ha apprezzato di più?

“Amo andare in giro e scoprire ristorantini che non conosco, voglio integrarmi, diventare un po’ milanese. Amo essere milanista, parte di questa comunità. Ora le persone mi riconoscono, mi piace che si avvicinino”.

A Harvard e Oxford lei praticava canottaggio, lo sport le ha insegnato qualcosa?

“Sono cresciuto a Filadelfia, lì John Kelly, il fratello di Grace Kelly, era un canottiere molto famoso. Il bello del canottaggio è che è lo sport di squadra per eccellenza: quando si rema in realtà si va all’indietro, a ogni bracciata si crea un vortice in acqua e tutti possono vedere chi ha tirato e chi no. Questa è l’etica del canottaggio. Oggi vogo più sulla macchina e gioco a tennis, che mi interessa come investimento per RedBird. Ho un ottimo rapporto con Novak Djokovic, grande tifoso del Milan”.

Non è attivo sui social, ma pensa abbiano un ruolo nel calcio?

“Di base sono moralmente contrario. Ho dei figli piccoli, una di 16 anni che è abbastanza brava a non seguirli troppo, ma per i ragazzi possono diventare pericolosi. Io credo nella comunicazione faccia a faccia, nello scrivere una lettera, nel fare una telefonata. I social possono essere ottimi per unire la nostra comunità di tifosi, ma vanno usati responsabilmente”.

Com’è il rapporto tra gli americani e il calcio?

“Bella domanda. Ora che lo streaming ha permesso al calcio europeo di essere trasmesso in diretta in America, sarà molto difficile competere, la maggior parte dei tifosi USA guarda le squadre europee. L’arrivo di Messi ha portato a un aumento dell’interesse, ma 15 anni fa lo ha già fatto Beckham: due giocatori non portano il calcio americano dove deve essere”.

Cosa ne pensa del fenomeno dell’Arabia Saudita? Durerà?

“Non so se durerà, ma ho un enorme rispetto per i sauditi. Se come sembra, vogliono entrare nell’ecosistema dello sport mondiale e migliorarlo, portare nuove idee, penso che sia positivo. In generale oggi chi ha soldi investe nello sport: si è verificata una massiccia escalation delle valutazioni. L’ho già detto in America, siamo in una bolla. Ma nulla sale sempre e comunque. È necessaria un’evoluzione nel tipo di capitale che possiede le squadre sportive. Io non stacco assegni, io scrivo business plan. E se scrivete il business plan e lo sottoscrivete con gli altri componenti della catena del valore, come i tifosi, come le istituzioni locali, come i media, scriverete un business plan che funzionerà”.

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

cardinale milan italia

Ultime news

Notizie correlate