Cardinale Milan, Pellegatti: “Prima spiazzato, ora curioso” (ESCLUSIVA)

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Curiosità è la parola chiave di Carlo Pellegatti dopo l’intervista del proprietario del Milan: il commento alle dichiarazioni di Gerry Cardinale

Intervenuto come ogni venerdì alle 16 sul canale Youtube di Radio Rossonera, Carlo Pellegatti ha toccato a “Pelle Rossonera” il tema Gerry Cardinale, il proprietario del Milan. Inevitabile, alla luce dei parecchi spunti, commentare il giorno dopo la sua lunga intervista al Football Summit di Londra.

Un solo aggettivo:

“Il mio atteggiamento nei confronti di Gerry Cardinale, uso questo aggettivo, è curioso. Vediamo se la curiosità mi porterà al sorriso, ma voglio capire dove andremo con queste visioni particolari e di qualcuno che lavora nello sport americano. A livello di organizzazione, ovviamente, lì sono superiori”.

Comunicazioni di Scaroni e Cardinale agli antipodi:

“Onestamente non ci avevo pensato, colpevolmente. Mi aveva spiazzato questo sostegno di Scaroni e dello stesso Cardinale a Pioli. Per usare un eufemismo, la sua delusione di ieri sugli infortuni è un punto focale. Un’accusa a quel che non è andato sul piano tecnico. In effetti cozza su quanto detto qualche giorno fa dal presidente. Non per fare il buonista, ma mettiamola così: nelle aziende conta di più il presidente o il proprietario? Se il proprietario dice che vuole solo vincere, rispetto le opinioni di Scaroni sul minimo obiettivo, ma sono molto contento. Sarei molto preoccupato se fosse il contrario. Chi mette soldi e strategie in mano dice che vuole arrivare primo”.

Infine, chiude:

“C’è da capire adesso cosa succederà. Se terranno Pioli, se Pioli avrà ancora una chance… O magari rimane lui perché significa che cambia solo lo staff e al proprietario va bene così. Ci restano tante incognite e tante curiosità dopo l’intervista di ieri”.

Ultime news

Notizie correlate