Milan, A. Giudice: “Cardinale magnetico, sorrido a certe ricostruzioni”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Alessandro Giudice parla del proprietario del Milan Gerry Cardinale e del suo debito: la risposta alle false ricostruzioni

Alessandro Giudice, manager, e consulente aziendale, ha avuto l’opportunità di incontrare Gerry Cardinale, il proprietario di Redbird e del Milan. Al canale Youtube di Carlo Pellegatti, l’esperto di finanza spiega perché finanziarsi con il debito può anche essere più conveniente che farlo col capitale degli azionisti. Un estratto delle sue pillole di finanza.

Innanzitutto, l’incontro con Cardinale: “A me è piaciuto, mi è sembrato una persona molto magnetica, molto determinata. Sarà un percorso interessante, secondo me”. Poi, parte: “Io devo dire che sorrido quando ascolto queste ricostruzioni sul debito da ripagare entro un anno. La struttura finanziaria di un’azienda è fatta di capitali, di azionisti e debito. Le aziende vivono con il debito, dobbiamo uscire dallo stereotipo dell’individuo”.

Ecco che spiega:

“Finanziarsi col debito, entro una certa soglia, è più conveniente che finanziarsi con il capitale degli azionisti. Sul debito pago un interesse, so quel che pago, mentre sul capitale degli azionisti pago un costo ancora maggiore. Perché l’azionista che mi dà i soldi e li mette nel mio fondo non si accontenta dell’8%, vuole il 12 o il 13%. E poi nella finanza chiunque è in cerca di investitori. È probabile che Cardinale lo stia facendo. Il debito di Cardinale si può rifinanziare o rischedulare, non è una cosa drammatica. In ogni caso, scade tra un anno e mezzo, non domani”.

Ultime news

Notizie correlate