Cardinale: “Non solo analisi dati: così applico le mie competenze al calcio”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Cardinale racconta se stesso e RedBird al New York Post: tra informazione, cinema e analisi dati

In un’intervista rilasciata ai microfoni del New York Post, il proprietario del Milan Gerry Cardinale ha parlato a lungo delle ambizioni della sua RedBird e dei piani per il futuro, compreso ciò che meno gli piace. Tra le dichiarazioni di Cardinale, spazio anche al modo in cui sfrutta le sue competenze mettendole a disposizione dell’azienda. Di seguito, le parole del patron della società americana riportate da Milannews.it.

Informazione, sport e cinema

RedBird possiede squadre sportive, società di media e persino aziende di mobilità aerea urbana. Come si integrano questi asset? Cardinale comincia così:

“Molti parlano di sinergie di portafoglio, ma in RedBird stiamo davvero vedendo questo aspetto prendere forma. Skydance Media a Hollywood si occupa di tutto, dai film per il cinema ai contenuti sportivi originali. Questo si collega a ciò che LeBron James sta facendo alla SpringHill production e anche a ciò che Ben Affleck e Matt Damon stanno facendo alla Artists Equity – il nostro primo film è la storia di Air Jordan. Abbiamo un’attività di analisi dei dati nello sport che affonda le sue radici nel baseball e che ora stiamo applicando al calcio europeo, quindi la connessione è profonda e sta decisamente accelerando”.

I prezzi delle squadre sportive professionistiche sembrano non fermarsi.

“C’è sempre qualcuno o qualche entità disposta a pagare il prezzo di vendita, ma questo può essere un gioco pericoloso, perché alla fine della giornata le persone si tappano il naso e si buttano, confidando nel fatto che le cose continuino a salire. Ma qualsiasi studente di storia economica sa che questo non è sostenibile, almeno non con il ritmo e la traiettoria attuali. Non credo che a lungo termine lo sport sia sopravvalutato, ma credo che sia sopravvalutato rispetto al momento attuale. Tra oggi e allora, si potrebbero verificare delle dislocazioni in cui il denaro viene assorbito e ridotto”.

Lei ha la propensione a coinvolgere grandi nomi di talento, non solo cinematografici, ma anche dirigenziali.

“Sono poche le celebrità con cui faremmo affari. Ma se si guarda a Dwayne Johnson, LeBron James, Ben Affleck, Matt Damon, Tom Cruise, tutti hanno una mentalità imprenditoriale e si possono costruire aziende intorno a loro. Non credo che l’inserimento di una celebrità aumenti il valore di un’azienda. Ma quando trovi un Ben Affleck, che è una delle persone più intelligenti con cui abbia lavorato e che fa il suo mestiere da 30 anni come io faccio il mio da 30 anni, e fai una diagramma di Venn tra noi due, per me è davvero interessante. Vede l’industria dei media in modi che noi non potremmo mai vedere, e noi possiamo mostrargli come renderla operativa e monetizzabile”.

La vostra filosofia di private equity sembra molto più simile a quella del venture capital – investire in qualcosa a lungo termine – piuttosto che cercare semplicemente di ottenere un rapido ritorno e un’uscita. Ma avete anche un braccio specifico di venture capital presso RedBird. Come valuta questi investimenti?

“Non sono entusiasta di come si è evoluto il settore del venture. In troppi casi, qualcuno si presenta per un round di finanziamento di Serie B e quell’investitore del round di finanziamento di Serie B si preoccupa solo di promuovere il round di finanziamento di Serie C, in modo da cristallizzare il proprio ‘carry’ e stabilire dei “segni” teorici per aiutare a raccogliere il prossimo fondo. L’approccio che adottiamo nella nostra attività di venture è coerente con il modo in cui investiamo nella nostra attività di growth equity in una fase successiva. Quando ci presentiamo per il round di finanziamento di Serie B, l’azienda è fatta: saremo presenti per tutti i successivi round di raccolta di capitale, che sottoscriveremo insieme ai fondatori e ai team di gestione”.

La strategia di RedBird e le competenze di Cardinale

Ci sono altri settori in cui vorreste operare di più?

“Uno dei mandati della nostra impresa RedBird IMI è di fare di più nel settore dell’informazione. Quando si guarda alle notizie, ci sono davvero due estremi: le notizie digitali e i grandi operatori, ed entrambi sono in difficoltà in termini di traiettoria di accelerazione dei profitti e del flusso di cassa. I media digitali devono essere consolidati, mentre i grandi devono innovare. Stiamo cercando di capire questo panorama e ci sono poche persone al mondo che possono orientarsi meglio del nostro partner Jeff Zucker”.

Ogni società di Private Equity ha una strategia. Qual è la vostra? Chiude Gerry Cardinale:

“Tutti pensano che io sia un esperto di private equity, ma in realtà non lo sono. Utilizzo le competenze e la mia formazione, ma il viaggio che sto percorrendo è qualcosa di diverso. Non so come definirlo, ma quello che stiamo costruendo è un ibrido tra private equity, impegno operativo e creazione di aziende con una mentalità di soluzioni di capitale: ci piace portare capitale scalabile per risolvere i problemi. Circa il 40% delle aziende in portafoglio è costituito da società nate da zero, tutte con flussi di cassa positivi o in pareggio fin dall’inizio e che stanno risolvendo una lacuna o una dislocazione nei rispettivi settori. Se si guarda al private equity, negli ultimi 40 anni non c’è stata alcuna innovazione.

E ora i grandi che hanno iniziato 40 anni fa sono tutti quotati, e il loro metro di misura del successo è il denominatore della loro base di asset. La maggior parte dei Private Equity si occupa di raccogliere fondi e di scalare gli asset. Il nostro metro di misura per il successo è la costruzione di grandi aziende che risolvono esigenze o dislocazioni nei rispettivi settori. Quando ho iniziato 30 anni fa, presentarsi con i soldi era un vantaggio competitivo. Oggi tutti hanno il denaro: gestori patrimoniali istituzionali, fondi pensione, organizzazioni di investimento, persino governi sovrani. In un mondo in cui c’è troppo capitale a caccia di poche operazioni e tutti sono alla ricerca dell’inafferrabile “alfa”, lo squilibrio tra domanda e offerta spinge verso il cosiddetto “levered beta”. In questo contesto, il mondo non ha bisogno di un altro fondo di private equity del mercato intermedio. Quindi il punto è: qual è la vostra legittima ragione di esistere?”.

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

cardinale

 

Ultime news

Notizie correlate