Milan, Di Stefano: “Fonseca, Lopetegui e Pioli hanno lo stesso minimo comune denominatore”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Il motivo per cui il Milan non ha preso in considerazione le opzioni Conte e De Zerbi per puntare su un profilo come Fonseca

Peppe Di Stefano è intervenuto sul canale Youtube di Carlo Pellegatti in cui ha parlato anche della strategia adottata dal Milan per la scelta dell’allenatore che sembra essere indirizzata verso l’ex Roma Paulo Fonseca. Il giornalista nel video realizzato per la presentazione del libro scritto a quattro mani proprio con lo stesso Pellegatti “C’è solo un Presidente” dedicato all’epopea di Silvio Berlusconi alla guida del Club. Di Stefano ha indicato la tipologia di allenatore ricercato dalla dirigenza rossonera e la caratteristica comune che unisce l’ormai ex tecnico Pioli e i nomi accostati via via alla panchina.

Il profilo di allenatore nella testa del Club

Peppe Di Stefano è stato protagonista di uno degli ultimi video usciti sul canale Youtube di Carlo Pellegatti in cui ha parlato della scelta del futuro allenatore del Milan che con ogni probabilità ricadrà su Paulo Fonseca. Il giornalista ha provato a dare una spiegazione sulla motivazione per cui il club di via Aldo Rossi ha scartato le opzioni richieste dai tifosi che rispondono al nome di Conte e De Zerbi: “Quest’estate c’erano liberi dei grandi allenatori come Conte e De Zerbi. Se la società non li ha mai contattati, perché con Conte non c’è mai stato neanche un approccio, evidentemente avevano in testa un profilo sulla falsariga di Stefano Pioli”.

Milan, la caratteristica comune tra Pioli e Fonseca

Peppe Di Stefano ha specificato che l’intenzione del Milan è quella di non cambiare la tipologia di allenatore sia per quanto riguarda il lavoro sul campo che sul piano caratteriale: “Volevano un allenatore sulla falsa riga tecnica, tattica, morale”. Il giornalista ha sottolineato quello che accomuna Pioli a coloro che si sono alternati come possibili successori, prima Lopetegui poi Fonseca: “Si passa da Pioli a Lopetegui, sappiamo quello che è successo e si è arrivati a Fonseca. Hanno lo stesso minimo comune denominatore, l’equilibrio”.

Ultime news

Notizie correlate