“È un Milan da scudetto?” Rispondono Capello e Crespo

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Il Milan di Stefano Pioli è da scudetto? Gazzetta, chiede, Crespo e Capello rispondono: le parole di due grandi ex Milan

Fabio Capello ed Hernan Crespo hanno risposto sulle colonne della Gazzetta dello Sport di oggi ad una domanda molto grande: “Il Milan di Stefano Pioli è da scudetto?“. Tra Rafael Leao, Theo Hernandez, la qualità e anche Zlatan Ibrahimovic, due grandi ex della storia del Milan come Capello e Crespo hanno detto la loro al quotidiano sportivo nazionale.

MILAN, CAPELLO: “LEAO VALE IL PREZZO DEL BIGLIETTO! MI RICORDA…”

Capello, Leao e un Milan cresciuto

Di seguito, le parole dell’ex allenatore del Milan, Fabio Capello:

“Contro il Genoa ho visto un Milan con più spirito, più volontà, più sacrificio. In questo la squadra è cresciuta. Poi è vero che è la qualità a fare la differenza, ma la voglia conta. Sul primo aspetto, quello della qualità, è Leao il primo, forse l’unico, capace di decidere con una giocata: va preso così com’è, sembra abulico e poi si infiamma. Theo Hernandez l’ho visto spingere meno, mi pare frenato o comunque sotto i suoi standard. Rafael Leao invece ha creato quasi tutte le palle gol della squadra. Segna, fa assist, dà assistenza ai compagni, mette paura agli avversari costretti a raddoppiare, ci sono momenti in cui è incontenibile. In più Pioli ha anche una rosa allargata, con dei titolari aggiunti. La cosa sorprendente è come si sono integrati in fretta, da subito sono stati parte della squadra: bravi a essere capaci di offrire fin dall’inizio il loro contributo”.

SACCHI: “E’ IL MILAN DI PIOLI E PULISIC! I TRE PERCHE’ DIETRO AL GRANDE INIZIO”

Manca un Ibrahimovic?

Accanto all’opinione di “Don” Fabio, quella dell’ex attaccante argentino Hernan Crespo:

“Nel Milan dello scudetto c’era Ibrahimovic che aveva un peso importante sia in campo che fuori. Oggi si punta più sul collettivo: Leao è cresciuto tantissimo e può crescere ancora. Inoltre ci sono diversi giocatori in grado di ricoprire i ruoli offensivi. Pioli sta lavorando su un canovaccio ben chiaro: il 4-3-3. Spesso, nel corso della stessa partita, cambia, cerca soluzioni diverse, però la base di partenza è quella. E ciò aiuta i giocatori, soprattutto quelli arrivati da poco, a non sentirsi spaesati. Credo che questo Milan sul piano della manovra, delle idee, delle qualità fisiche e dell’esperienza, sia superiore a quello del 2022”.

COSTACURTA: “MILAN, IL SEGRETO E’ LA DOPPIA T! IL PROSSIMO PASSO…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

capello milan crespo scudetto

Ultime news

Notizie correlate