Capello: “Scatolone e porta, Maldini trattato all’americana…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Tra le tante considerazioni sulla finale di Champions League tra Manchester City e Inter, in un’intervista a Repubblica Fabio Capello ha trovato spazio per parlare della scelta del Milan di dire addio a Paolo Maldini e Frederic Massara.

Fabio Capello difende l’Inter

«Non mi piacciono le espressioni che sento. L’Inter non dovrà sfangarla col City. Dovrà giocarsela. L’Inter dovrà recuperare palla e aprire il gioco dalla parte opposta. Il City lo soffre. E in FA Cup dopo 25 minuti è calato. L’Inter è in condizione. Inzaghi ha fatto un bel lavoro. Sacchi lo critica? Fa bene Inzaghi a non rispondere. Non c’è un solo modo giusto di giocare. Perché fare 20 passaggi se ne bastano 3? L’importante è mettere i giocatori in condizione di rendere. Guardiola? Grazie tante, sono sette anni che ha in mano il bancomat. Può permettersi di lasciare in panchina Foden e Julian Alvarez…».

Sulle finali di Roma e Fiorentina

«Al netto di errori arbitrali e oggetti lanciati a Biraghi, hanno avuto un approccio nervoso. Troppe lagne. Così si perde. La Roma affrontava un’avversaria forte, va detto».

Il suo Milan ad Atene partì sfavorito, con Baresi e Costacurta squalificati, e vinse 4-0.

«Perdendo 2-0 a Firenze capii che non potevo schierare Desailly in difesa. Tagliammo i rifornimenti per Guardiola. Attaccammo i loro punti deboli: la fascia destra e la convinzione di avere già vinto».

ALTRE NEWS MILAN – (CALCIOMERCATO) PIOLI CHIAMA, THURAM… RISPONDE! E ORA IL MILAN CI CREDE

Ancelotti ha perso con Guardiola: su Real Madrid-Manchester City, la semifinale

«Il Madrid ha perso Casemiro a centrocampo. E il City in difesa ora ha Walker, un lampo, con Stones che fa filtro a centrocampo».

Ibrahimovic o Ronaldo?

«Il Fenomeno aveva velocità e istinto inarrivabili».

Capello sulla scelta del Milan di dire addio a Maldini

«Sono di parte. Lo hanno trattato all’americana: ecco lo scatolone, là è la porta. Non è bello».

ALTRE NEWS MILAN – INTER, LA RUSSA: “NON C’E’ IL MILAN E SONO RILASSATO! RISPARMIATEVI GLI SFOTTO’…”

Su… Antonio Conte

«È presto per dirlo, ma non mi stupirei se rientrasse Conte. Dopo tanti tentativi potrebbe trovare un posto in cui sta bene».

Capello su Suning, proprietario dell’Inter

«Grande personalità. Uno di quegli uomini che, quando parlano, gli altri stanno zitti. Nei discorsi alla squadra guardava solo me e Sabatini, per far capire ai giocatori che dovevano prenderci sul serio. Il figlio Steven? Un ragazzo sveglio, sa ascoltare».

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

maldini milan capello

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate