Cannavaro: “Lo seguo da sempre, mi ricorda il primo Ibrahimovic”

I più letti

Andrea Roderi
Studente universitario, appassionato di radio, podcast e Milan. Aspirante giornalista professionista.

Fabio Cannavaro, intervistato da Calciomercato.com, propone un azzardato paragone tra Thuram e Ibrahimovic. La differenza, dopo otto giornate, si vede già.

Thuram e Ibrahimovic, parola di Cannavaro. Non stiamo parlando dell’incredibile rosa della Juventus nell’era pre-calciopoli, e nemmeno di qualche scambio tra due “veterani” del mondo del calcio. Si parla del figlio di Lilian, Marcus, nuovo numero nove dell’Inter e riserva di Giroud nella Nazionale francese. Il paragone con il campione francese è suggerito dall’ex capitano nella Nazionale campione del Mondo nel 2006, Fabio Cannavaro (che, tra l’altro, con Ibra e papà Lilian ci ha giocato, sempre nella Juventus).

CANNAVARO: “SACCHI MI CONSIGLIO’, BRAIDA MI CHIESE SCUSA”

Cannavaro e il paragone con l’ex Milan

Intervistato da Calciomercato.com, Fabio Cannavaro è intervenuto nell’analisi di una coppia di fratelli tra le più interessanti del palcoscenico calcistico internazionale. Si parla di Khephren e Marcus Thuram, rispettivamente centrocampista del Nizza e attaccante dell’Inter. Il secondo è stato a lungo in orbita Milan durante il calciomercato estivo, il primo è stato vicinissimo al Liverpool di Klopp, prima di scegliere per la permanenza in Francia. Parlando di Marcus, il paragone proposto da Cannavaro è piuttosto “scomodo”: “Seguo da sempre i figli di Lilian, ero sicuro che sarebbero diventati dei calciatori. Marcus sembra un po’ Ibra i primi anni della Juve, in Italia può crescere nella cattiveria”. Il problema della cattiveria, nel caso di Marcus Thuram, appare come uno dei principali talloni d’Achille della punta francese (sebbene, ahinoi, questa mancanza di freddezza non si sia affatto vista durante il derby). Problema che, invece, non riguarda il fratello minore: “Khephren Thuram può giocare in qualsiasi squadra italiana, fossi un club di Serie A lo prenderei subito. Farebbe comodo a tutti”. Chissà se il Milan, dopo essersi fatto scappare il primo dei due fratelli, non decida di rivolgere la propria attenzione sul secondo. Cannavaro garantirebbe per lui.

CANNAVARO: “MILAN, LI RIMPIANGERAI!”

Thuram e Ibrahimovic

Il paragone proposto da Cannavaro farà certamente storcere il naso ai tifosi del Milan, ma anche a quelli della Juventus (i primi, in Italia, a godersi le magie di Ibracadabra). Siamo solo all’inizio della prima esperienza di Marcus nel nostro campionato, ma fare un primo confronto su numeri e caratteristiche può essere interessante per capire cosa c’è tra le mani dell’Inter (e quanto deve mangiarsele, invece, il Milan). Zlatan Ibrahimovic esordisce in maglia bianconera – e in Serie A – il 12 settembre 2004 nello 0-3 inferto al Brescia. In quell’occasione lo svedese realizza anche la prima rete “italiana”. All’ottava giornata del campionato 2004-2005, Ibrahimovic contava già tre reti realizzate. Giunti all’ottava giornata del campionato attuale (il primo dal ritiro di Ibra), Marcus Thuram ha aggiornato il tabellino dell’Inter in “sole” due occasioni, mostrando quindi già un feeling verso il gol inferiore allo svedese. Ci rendiamo senza dubbio conto dell’inopportunità di muovere un confronto simile in modo tanto prematuro, sicuramente Cannavaro si riferiva a un paragone sulle caratteristiche fisiche dei due giocatori, certamente entrambi piuttosto imponenti. Sarà interessante vedere i risultati di Thuram nel nostro campionato tra qualche anno. Il francese, però, è avvisato: raggiungere Ibrahimovic non sarà di certo semplice.

BALOTELLI: “IBRAHIMOVIC CI AIUTO’! FRATELLO? MACCHE’, NE AVEVO UN ALTRO

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

cannavaro

 

Ultime news

Notizie correlate