Cannavaro: “Scudetto, nulla è deciso! Scommesse? Non fa piacere…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Quattro domande per quattro temi di discussione: ai temi caldi del campionato di Serie A risponde il Pallone d’Oro Fabio Cannavaro

In poco meno di un terzo di stagione, la Serie A ha già avuto tanti argomenti di discussione e diversi colpi di scena: dal ritorno nelle posizioni di vertice della Juventus alla forza dell’Inter, passando per l’errore di Rudi Garcia a Napoli e il mese nero del Milan di uno Stefano Pioli parecchio criticato dai suoi tifosi. Ad affrontare questi temi è stato nella giornata di ieri il Campione del Mondo 2006 e Pallone d’Oro, Fabio Cannavaro.

AMBROSINI: “PIOLI GRAVATO DI RESPONSABILITA’! MILAN, ECCO IL MIO LEADER”

“Il Milan può rientrare”

Quattro domande per quattro temi diversi: nell’intervista concessa a Sportmediaset, Fabio Cannavaro ha parlato del difficile momento del Napoli col cambio Garcia-Mazzarri, della corsa scudetto, del caso scommesse e del suo futuro da allenatore, in attesa di una panchina… in Italia?

NAPOLI: “Non c’è stato nulla, in occasione di Napoli-Empoli sono andato a vedere la partita e De Laurentiis, per educazione, ci ha messo (era insieme al fratello Paolo) vicino a lui. Se credevo davvero di poterlo allenare? Se non ti chiamano come fai a crederci? Adesso hanno trovato Mazzarri, già c’è stato e conosce l’ambiente. Speriamo si risolva la situazione”.

“PERCHE’ PIOLI NON LO FA?!”: SPALLETTI, ZANIOLO E LA CRITICA DEL GIORNALISTA

SCUDETTO: “Sarà una lotta solamente tra Inter e Juventus? No, il campionato è ancora lungo. L’Inter è la squadra più attrezzata. La Juventus è quella che sta facendo meglio. Poi ci sono pure Milan e Napoli che possono rientrare”.

SCOMMESSE: “Sono cose che non fanno piacere, i ragazzi vanno aiutati. Sono caduti in queste occasioni e serve fare informazione. Bisogna far capire ai calciatori che devono attenersi alle regole. Il calcio è uno sport bellissimo. Poi se lo fai a certi livelli ancora di più”.

FUTURO: “Dipende dalla situazione, qualunque chiamata va valutata e presa in considerazione. Che sia Italia, Europa o allargare gli orizzonti. La gente sa che tu hai la possibilità di far conoscere le tue idee e trasmettere la tua esperienza. Certo, se uno viene valutato solo per quanto è accaduto a Benevento è limitante. Guardate De Zerbi: nei primi anni è andata male, adesso allena in Premier League. O c’è anche Mazzarri: viene da situazioni non bellissime ma allena. Pure Lippi è stato esonerato ma ha vinto i Mondiali”.

SEMPLICI: “PIOLI? LAVORO STRAORDINARIO, ORA CONTINUITÀ, MA CI SONO…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate