Camarda, il primo allenatore: “Estro e personalità” Poi consiglia il Milan

I più letti

In un’intervista rilasciata a SportWeek, il primo allenatore di Francesco Camarda Massimo D’Amaro ha parlato del talento del centravanti rossonero, dando anche un consiglio al Milan

Il primo allenatore di Francesco Camarda all’Afforese Massimo D’Amaro ha parlato del talento classe 2008 del Milan in un’intervista rilasciata a SportWeek. Per il tecnico il giovane centravanti era già di un livello differente a 5 anni, dove partiva palla al piede e andava a segnare sempre, dotato di estro e personalità sin da bambino. In chiusura dice che secondo lui Camarda dovrebbe andare direttamente in prima squadra.

Predestinato

Intervistato da SportWeek, il primo allenatore di Camarda ai tempi dell’Afforese Massimo D’Amaro ha elogiato il talento del giovane centravanti. In primis, dice il tecnico: “Se dovessi trovare una parole per descriverlo userei ‘estro’. Col pallone faceva quello che voleva”. Poi aggiunge che in un calcio, quello dei bambini di 5 anni, senza ruoli e schemi, l’unico era “Dare la palla a lui che saltava tutti e faceva gol”. Un piccolo Camarda che odiava non giocare, come spiega D’amaro: “Quando lo toglievo, usciva a testa bassa col broncio e mi chiedeva quando sarebbe rientrato”. Infine chiude dando un consiglio al Milan, ovvero quello di mandarlo direttamente in prima squadra: “Meglio allenarsi e piuttosto andare in panchina lì piuttosto che nell’U23 gli farebbe bene”. 

Ultime news

Notizie correlate