Braida: “Milan altalenante? Sì e no! Camarda, non è così che va il calcio”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Borussia Dortmund, Camarda e il momento del Milan: Ariedo Braida fa il punto della situazione prima del match di Champions League

Dopo la vittoria sofferta sulla Fiorentina e l’esordio di Francesco Camarda, il Milan si trova di fronte al dentro-fuori di Champions League col Borussia Dortmund: per Ariedo Braida, la qualificazione potrebbe comunque non decidersi stasera. Intervistato da TMW, l’ex storico Direttore Sportivo del Milan di Galliani e Berlusconi si è mostrato ottimista sul momento dei rossoneri nonostante le difficoltà in Serie A, spendendo bellissime parole per il giovane esordiente Francesco Camarda.

3 domande, 3 risposte

Di seguito, le risposte di Ariedo Braida alle domande su Milan-Borussia Dortmund, sulla stagione dei rossoneri e su Francesco Camarda:

DI STEFANO: “SINNER A SAN SIRO COL DORTMUND! VI SPIEGO QUANTO E’ LEGATO AL MILAN”

MILAN-DORTMUND: “Il Milan mi sembra in un buon momento. Domenica aveva diverse defezioni e quando mancano giocatori importanti come Leao, che è indispensabile, diventa tutto più insidioso. Il portoghese ha qualità devastanti ed è importantissimo. Poi a parte tutto, la squadra deve giocare da gruppo per vincere, quella di oggi è una partita fondamentale. La possibilità di passare il turno ce l’hanno tutti. In caso di vittoria sarebbe una bella ipoteca. Altrimenti c’è da soffrire fino all’ultimo”.

STAGIONE ALTALENANTE?: “Sta comunque facendo bene. Il momento del derby è stato negativo ma poi la squadra si è ripresa. A volte i risultati non arrivano per mille motivi. Il Milan è il Milan. E oggi giocherà una partita per cercare di superare l’ostacolo Dortmund. In Champions la storia è molto importante e questa competizione l’habitat naturale del Milan”.

MILAN, CHE FARE CON CAMARDA? LA STRADA PER IL CONTRATTO E’ TRACCIATA

CAMARDA: “Ha giocato qualche minuto, ha fatto un record. Ma deve sapere che le difficoltà iniziano adesso. Ha quindici anni, bisogna che qualcuno lo guidi con intelligenza senza pressarlo troppo. Deve andare a scuola e imparare le cose della vita. Se sarà bravo dovrà dimostrarlo strada facendo. Quando gli verranno date opportunità spero diventi un campione, sono milanista e sono felice quando si verificano queste belle storie. Oggi il mondo è cambiato: basta un gol per parlare di un calciatore, ma non è così che va il calcio. Bisogna maturare. E Camarda deve prima studiare e allenarsi bene. Poi le qualità e l’entusiasmo faranno il resto”.

CRISCITIELLO LANCIA LA BOMBA: THIAGO MOTTA AL MILAN DOPO PIOLI?

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate