Hakan Çalhanoğlu: analisi del Milan con e senza il suo numero 10