Giuntoli: “C’erano altre tre squadre su Kvaratskhelia”

0 cuori rossoneri

Intervistato dal Corriere dello Sport, il DS del Napoli Cristiano Giuntoli ha raccontato i retroscena dell’arrivo in Campania dI Kvaratskhelia, talento che sta facendo impazzire Serie A e non solo.

“La prima volta che ho visto Khvicha in un video eravamo nel cuore del lockdown. Lui avrà avuto diciannove anni, ma già bravo con i piedi. C’era ancora Rino e ci piacque subito, ricordo che chiamammo Kaladze per saperne di più. Aveva fatto un passaggio al Lokomotiv Mosca, senza stupire, ma al Rubin Kazan stava andando meglio. Ci chiesero trenta milioni, chiudemmo i contatti prima ancora di iniziare una trattativa. Eravamo dietro a Osimhen, non potevamo puntare tanto su un ragazzo. Però mi rimase in testa. Quando a febbraio scoppiò il conflitto in Ucraina, lui tornò in Georgia alla Dinamo Batumi. Ci fiondammo lì con il contratto. Abbiamo chiuso per dieci milioni. Siamo stati più veloci di Juve, Roma e Real Sociedad”.

LEGGI QUI ANCHE   -PERCHE’ IL MILAN HA SCELTO SERGINO DEST? IL RETROSCENA DI MERCATO-

“Sì, che fosse un talento non c’erano dubbi. Quando il ragazzo è venuto in Italia per la firma, gli ho mandato Spalletti a casa, a Milano. Si sono intesi all’istante. Però una cosa era prendere Kvarastkhelia, un’altra era prenderlo al posto di Insigne. La scommessa era tanto, troppo impegnativa. Ma abbiamo voluto giocarla e oggi posso dire che l’abbiamo vinta”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live