Calciomercato Milan: i retroscena dell’ultima ora secondo Di Marzio

I più letti

Andrea Roderi
Studente universitario, appassionato di radio, podcast e Milan. Aspirante giornalista professionista.

Emergono nuovi retroscena sul calciomercato del Milan: diverse trattative sfumate, tanti sondaggi e poche opportunità

Un calciomercato piuttosto deludente, come abbiamo già detto, quello del Milan. O forse, per dirla meglio, semplicemente mai decollato. I tanti sondaggi tentati dai dirigenti rossoneri dimostrano la volontà di prendere un difensore, senza che le opportunità si siano mai concretizzate. Ne ha parlato Gianluca di Marzio a Sky Sport.

CALCIOMERCATO MILAN, ECCO LE TRATTATIVE SALTATE NELL’ULTIMO GIORNO

I rimpianti del calciomercato del Milan

Una sessione di calciomercato con diversi rimpianti, soprattutto in difesa. Secondo Di Marzio, il Milan: “Dopo aver riscontrato l’indisponibilità del Torino di aprire una trattativa per Buongiorno è tornato a guardare in Premier League. Lenglet è sempre stato una delle prime scelte, aveva parlato anche con Pioli e Moncada e aveva anche dato la sua apertura a sbarcare in rossonero”. Nel suo caso, però, il ritorno alla titolarità con l’Aston Villa ha remato contro al suo arrivo a Milano. Situazione analoga per Badiashile: il Milan aveva trovato un accordo con il difensore del Chelsea, ma anche lui poi ha iniziato a giocare e i Blues non lo hanno più ceduto”.

CALCIOMERCATO MILAN, PELLEGATTI: “COME FA PIOLI A ESSERE CONTENTO?!”

Gli ultimi tentativi

Incassati i primi no per quanto riguardava i principali obiettivi, il calciomercato del Milan si è rivolto alle possibili opportunità. Prima, con Adarabioyo del Fulham, ma (sempre secondo Di Marzio) gli inglesi hanno scelto di non cederlo in inverno. Poi, con Lacroix e Demiral, trovando ostacoli insormontabili anche dal punto di vista economico. Infine, a centrocampo: “A parte il tentativo per il figlio di Redondo, il Milan non mai cercato altri rinforzi in quel reparto”. Tante piste, nessuna percorribile. Per Lacroix, ad esempio, il club tedesco si è opposto a qualsiasi trattativa, specialmente in prestito. Nel caso di Demiral, invece, come abbiamo già espresso negli ultimi giorni, il problema principale era anche legato ai diritti d’immagine. A centrocampo, sulla scelta di non acquistare un sostituto di Krunic è probabilmente pesata anche l’eliminazione di Bennacer dalla Coppa d’Africa, e il suo conseguente ritorno anticipato a Milanello.

MILAN, ECCO CISSE’ E AGBONIFO: CHI SONO E IL PRECEDENTE DOLCEMARO

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate