Padovan e i dubbi sul calciomercato: “Milan, è un acquisto nominale…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Dopo Walter Sabatini, è Padovan a nutrire i primi dubbi sul calciomercato del Milan: “Si scopre essere una squadra incompleta”

I risultati non arrivano, le critiche sì: in un editoriale sulle colonne di calciomercato.com, Giancarlo Padovan se la prende con il calciomercato del Milan e, quindi, con le scelte effettuate dalla dirigenza nel corso dell’estate. Al centro dell’appunto del giornalista, l’attacco a disposizione di Stefano Pioli.

Due punti persi

Lo spunto di Padovan, però, vuole partire dall’esordio dei rossoneri in Champions League. Su Milan-Newcastle si limita a un breve commento:

“Altri, più ampiamente e meglio di me, hanno raccontato dell’esordio del Milan in Champions. Perciò non tornerò sulla partita, limitandomi a dire che, per come è stata condotta, il Milan ha perso due punti. Il problema, evidentemente, è ancora il gol. Se Leao si permette giocate da circense, rimediando anche figure barbine, Giroud la sua partita se l’è giocata. Secondo il nostro Daniele Longo ha meritato una sufficienza di misura, sbagliando, soprattutto nel primo tempo, un paio di occasioni. Tuttavia non è Giroud il tasto che voglio toccare. Ma, piuttosto, chi al suo posto se, come ieri, ad un certo punto si vuole immettere forze fresche”.

Padovan attacca il calciomercato del Milan

Poi, continua analizzando le decisioni prese sul reparto offensivo: da Okafor a Taremi, passando per Giroud:

“Sono stato tra i molti che hanno lodato il mercato di Furlani, Moncada e D’Ottavio. Pensavo che Okafor potesse, in qualche modo, costituire l’alternativa al francese. Ma i gol non segnati ieri dicono che un altro attaccante centrale doveva essere portato a casa. Non dimentico, naturalmente, la trattativa per avere Taremi e, se devo proprio essere sincero, pensavo che il suo arrivo avrebbe addirittura messo in difficoltà Giroud perché, tra i due, Taremi segna di più, oltre ad essere più giovane”.

Infine, conclude con l’ultimo arrivato (che domani si presenterà ai tifosi), Luka Jovic:

“Sia come sia, Taremi non c’è, Okafor non è un centravanti, Jovic è un acquisto solo nominale e il Milan, nonostante il buon calcio praticato anche contro il Newcastle, si scopre essere una squadra incompleta. Al di là del disastroso derby, troppa è la dipendenza da Giroud e, in subordine, da Leao. Il mercato è chiuso e tra gli svincolati non c’è nulla che faccia al caso di Pioli. Però il problema esiste e, soprattutto, è emerso prima del tempo”.

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

padovan milan calciomercato

Ultime news

Notizie correlate