Milan, cambia la strategia dopo Musah: altri tre colpi di calciomercato?

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Il calciomercato del Milan non si fermerà agli 8 nuovi acquisti arrivati finora: la strategia di Furlani, Pioli, Moncada e D’Ottavio per l’ultimo mese di trattative

L’ottavo colpo di calciomercato del Milan sta arrivando a Milano: col Valencia è praticamente fatta per Yunus Musah, centrocampista centrale classe 2002. Nonostante i già tantissimi acquisti arrivati in questa sessione estiva e il re-investimento totale dei soldi incassati dalla cessione di Sandro Tonali, il calciomercato del Milan non è finito e potrebbe regalare altri due o addirittura tre colpi a Stefano Pioli.

L’ottava meraviglia

Dopo la clamorosa cessione di Sandro Tonali al Newcastle per 64 milioni di euro (i bonus porteranno probabilmente la cifra a lievitare fino a quasi 80 milioni), il calciomercato del Milan ha cominciato a carburare e non si è fermato ai due arrivi a parametro zero di Marco Sportiello (in uscita dall’Atalanta) e Luka Romero (a fine contratto con la Lazio).

Dal Chelsea è arrivato Ruben Loftus-Cheek, primo vero acquisto della sessione estiva gestita da Geoffrey Moncada, Giorgio Furlani, Stefano Pioli e Antonio D’Ottavio: per portarlo via al Chelsea sono serviti 16 milioni di euro di parte fissa, coi bonus che se raggiunti possono portare il trasferimento a valere in totale 21,5 milioni di euro. Sempre dal Chelsea è arrivato Christian Pulisic, fiore all’occhiello della nuova proprietà americana del Milan: per l’ex Borussia Dortmund e Chelsea ci sono voluti 20 milioni di euro di parte fissa, anche qui ci sono dei bonus in gioco.

Il secondo rinforzo a centrocampo è stato Tijjani Reijnders, arrivato dopo un braccio di ferro con l’AZ Alkmaar per 19 milioni di euro + bonus. Dopo l’arrivo quasi improvviso di Noah Okafor dal Salisburgo (14 milioni di euro), pupillo di Pioli, il Milan ha messo a segno quello che è il colpo più importante e più costoso del suo calciomercato. Dal Villarreal è arrivato Samuel Chukwueze, esterno nigeriano classe 1999 costato 20 milioni + 8 di bonus e upgrade definitivo sulla fascia destra. Tra poche ore verrà ufficializzato anche l’ottavo nuovo acquisto dell’estate rossonera: dal Valencia arriverà Yunus Musah, anche lui per 20 milioni di euro + bonus.

Milan, la strategia per l’ultimo mese di calciomercato

Ma il calciomercato del Milan non è finito qui. Nonostante i 109 milioni di euro spesi (senza considerare i bonus presenti nelle trattative, solo i pagamenti in parte fissa), negli uffici di casa Milan si studia la strategia per l’arrivo di altri tre colpi nell’ultimo mese della finestra estiva dei trasferimenti. Durante la prima conferenza stampa della stagione, quella del raduno di Milanello, Stefano Pioli l’ha detto chiaramente: dovessero esserci delle uscite in difesa verranno rimpiazzate. Ecco perché quindi, dopo l’addio di Matteo Gabbia (in prestito al Villarreal) e il sempre più probabile addio di Ballo-Tourè (nonostante il “no” al Fulham), il Milan potrebbe andare su un difensore da aggiungere al pacchetto dello stesso Stefano Pioli, probabilmente un vice Theo Hernandez.

Secondo quanto riportato da Tuttosport in edicola questa mattina, la difesa non è l’unico reparto che ha bisogno di un altro rinforzo. Per il quotidiano, è “assai probabile” che nel mese di agosto il Milan torni sul calciomercato per acquistare un altro centrocampista, “un centrocampista centrale con doti più difensive in grado di disimpegnarsi da perno centrale, lì dove oggi Pioli sta utilizzando Krunic“.

Non solo. Per il Corriere della Sera, anche l’attacco del Milan non è completo e ci sono ancora delle valutazioni in corso sul reparto, soprattutto per quanto riguarda la punta. Se a sinistra ci sono Rafael Leao e Noah Okafor e a destra Samuel Chukwueze e Christian Pulisic, davanti ci sono i soli Olivier Giroud e Lorenzo Colombo. Sì, Noah Okafor ha le caratteristiche per coprire quel ruolo, ma se il classe 2002 nato a Vimercate dovesse lasciare il Milan (in queste ultime ore il Cagliari ha cominciato a fare sul serio per portarlo in prestito in Sardegna), Stefano Pioli avrebbe bisogno di un attaccante che possa far rifiatare Olivier Giroud e che abbia caratteristiche più simili a quelle del francese, diverse da quelle del nuovo arrivato Okafor.

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

calciomercato milan pioli furlani moncada

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate