Calciomercato Milan: Di Stefano, i 3 pilastri e “Okafor non integrato”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Da cosa passerà il prossimo calciomercato estivo del Milan? Prova a rispondere Peppe Di Stefano di Sky Sport

Intervenuto in diretta a Sky Sport da Milanello, l’inviato non ha parlato solamente del prossimo allenatore del Milan, ma anche dei ragionamenti che si potranno fare sul calciomercato di quest’estate. Prima l’analisi sul minutaggio dei “nuovi”, poi i discorsi sul futuro rossonero.

Parla Di Stefano

“L’anno scorso è stato un mercato di rivoluzione con 9 operazioni, compreso il ritorno di Gabbia. 4 calciatori hanno risposto positivamente giocando più del 75% delle partite da titolari: Reijnders, Pulisic, Gabbia e Loftus-Cheek. Tre quelli al di sotto del 50%: Musah, Chukwueze e Jovic. Due invece hanno giocato pochissimo: Terracciano addirittura neanche una partita da titolare, ma si sapeva vista la giovane età. Sorprende un po’ Okafor. I numeri ci fanno capire come non si sia integrato nel tessuto connettivo della squadra.

La prossima estate serviranno tre pilastri. Al netto delle cessioni, se ci saranno, servirà un difensore centrale, Kjaer andrà via. Poi un centrocampista centrale di spessore e di qualità. E soprattutto, credo che sarà il colpo principe e principale, al Milan servirà il nuovo numero 9. Andrà via Olivier Giroud, i nomi sono tanti da mesi: il Milan segue Zirkzee, Sesko, Guirassy.

Bisognerà capire qui la disponibilità economica. Si può parlare di tutto quello che vogliamo, delle caratteristiche tecniche, ma bisognerà capire che tipo di tesoretto avrà il Milan o se questo dipenderà da eventuali cessioni. Lo capiremo soltanto quando la dirigenza farà capire nelle prossime settimane durante le interviste pre e post partite che tipo di mercato vedremo e che tipo di investimenti economici verranno fatti dal secondo Milan di Cardinale. In questo suo secondo mercato estivo non si può più sbagliare“.

Ultime news

Notizie correlate