Capello: “Milan, ce l’hai in casa! Il Moneyball non è immune…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Il calciomercato del Milan comincia da Milanello: per Fabio Capello l’acquisto è già in casa, ma la logica “Moneyball”…

Nella sessione di calciomercato alle porte, ormai è fuori da ogni dubbio, il Milan si muoverà per rinforzare la rosa e cercare di riagganciare il treno scudetto in Serie A. Dei possibili acquisti dei rossoneri, di quelli arrivati quest’estate e di cosa vuol dire per una squadra aggiustare le cose nel mercato di riparazione ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport “Don” Fabio Capello. Nel suo intervento, l’ex allenatore del Milan ha affermato che il vero acquisto del calciomercato invernale i rossoneri ce l’hanno già in casa e si chiama Ismael Bennacer.

Bennacer sì, Chukwueze ni

CAPELLO SE LA RIDE DOPO MILAN-PSG 2-1: “SAN SIRO SPETTACOLARE! E QUEI DOLLARI…”

L’ex allenatore del Milan “Don” Fabio Capello è sicuro nell’affermare che il vero acquisto del calciomercato invernale rossonero sarà Ismael Bennacer. A differenza di quanto successo con gli altri nuovi acquisti estivi, l’algerino permetterà a Pioli di guadagnare tempo.

“A gennaio, quando le grandi manovre del Milan per rinforzare la rosa saranno entrate nel vivo, i rossoneri potranno già contare su un “nuovo acquisto”, e sarà un grande colpo: il rientro di Ismael Bennacer può cambiare il volto della squadra, perché oggi a Pioli manca un giocatore come lui. L’algerino ormai è un uomo Milan a tutti gli effetti, conosce il gioco e non avrà bisogno di tempo per riprendere in mano il centrocampo, Pioli con Bennacer guadagnerà tempo. Proprio il fatto di aver cambiato tanto in estate, invece, si è rivelato un rischio in casa milanista: la proprietà ha investito qualcosa come 132 milioni acquistando ben dieci giocatori, ma non tutti si sono dimostrati all’altezza, non per ora quanto meno. Penso a Chukwueze, che in Spagna, con la maglia del Villarreal, ha fatto cose meravigliose ma che al Milan è un giocatore ancora troppo timido: questione di ambientamento, certo, ma anche di pressione. Perché la maglia rossonera pesa più delle altre, reggere l’urto di uno stadio come San Siro richiede una dose di personalità non indifferente”.

Capello e il calciomercato del Milan

“MISTER, C’E’ PUZZA DI ALCOL!” POI FINI’… AL MILAN: L’ANEDDOTO DI CAPELLO

Nella seconda parte del suo intervento sul quotidiano, Fabio Capello ha parlato della logica “Moneyball” dietro al calciomercato del Milan: la rosa ha bisogno di acquisti anche a gennaio ma bisogna prestare attenzione, in quanto “aggiustare le cose in corsa ha senso solo se si alza il livello“.

“Come il nigeriano, anche altri nuovi arrivati stanno faticando. Segno che la campagna acquisti estiva è stata importante, ma che magari è stato commesso qualche errore di valutazione in fase di pianificazione: per quanto innovativo e affascinante, il sistema alla “Moneyball”, quello cioè che si affida agli algoritmi per scegliere i giocatori più adatti al progetto tecnico, non è evidentemente immune agli sbagli. Probabile che il Milan voglia correggere quanto fatto ritoccando la rosa in tutti i reparti, anche se non basta intervenire per migliorare le cose. Quello che mi auguro è che gli obiettivi del mercato invernale siano all’altezza della maglia rossonera: aggiustare le cose in corsa ha senso solo se si alza il livello. Se i dirigenti opereranno in questa direzione, il Milan potrà recuperare terreno e diventare più competitivo. Anche se rientrare in corsa per lo scudetto è oggettivamente molto difficile, otto punti di distanza dall’Inter capolista sono parecchi, e il Milan discontinuo degli ultimi tempi, senza una sterzata, rischia di accumulare ulteriore ritardo. Io penso che Pioli e i suoi debbano prima di tutto concentrarsi sulla zona Champions e non perdere di vista questo obiettivo, il resto si vedrà strada facendo. L’ambizione si alimenta anche con i risultati”.

COCO: “SCOMMESSA VINTA CON CAPELLO! GALLIANI HA PERSO LA SUA OCCASIONE”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate