Come il Bologna soffiò Calafiori al Milan: retroscena di calciomercato

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Un retroscena dall’ultimo calciomercato estivo del Milan: come saltò la trattativa per Riccardo Calafiori

Il Corriere dello Sport approfondisce quello che è stato un tema caldo dell’ultimo calciomercato del Milan e non solo: l’interesse per Calafiori, poi andato al Bologna da Thiago Motta. Nel corso dei mesi di luglio e agosto, il terzino allora al Basilea era stato trattato dai rossoneri per prendere il posto in rosa del vice Theo Hernandez. Come saltò l’affare?

4 protagonisti

Negli stessi giorni in cui Milan e Basilea parlavano del giovane italiano, il Diavolo si confrontava con i rossoblù su Fodé Ballo-Touré e Alexis Saelemaekers. Il quotidiano scrive: “Per l’esterno francese naturalizzato senegalese il Bologna non raggiunse l’accordo e solo più avanti trovò la quadratura del cerchio con il Leicester, che non voleva ascoltare ragioni per il prestito di Kristiansen“.

Poi, parlando con il club svizzero per l’altro colpo dell’estate, Ndoye, appresero del nulla di fatto con Calafiori per il Milan. Ecco, allora, l’opportunità: puntare su un giovane italiano pensando al futuro, nonostante nel ruolo fossero già coperti.

Ultime news

Notizie correlate