Ex Milan, Cafù sul sombrero a Nedved: “Volevo annichilirlo”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

L’ex terzino del Milan Marcos Cafù ricorda la giocata iconica su Pavel Nedved… a 24 anni di distanza

Non solo un parere su Stefano Pioli e il percorso del Milan in Europa League: Marcos Cafù, ex terzino rossonero, da buon doppio ex dedica anche parte della sua intervista a La Gazzetta dello Sport alla Roma. In vista del match di questa sera, fondamentale per il passaggio in semifinale nella seconda competizione europea per prestigio, ha ricordato una delle giocate più iconiche di questo millennio per la squadra giallorossa.

Il retroscena

Parliamo del sombrero su Pavel Nedved del dicembre del 2000, quando la Roma sconfisse la Lazio per 0-1 all’Olimpico. In quella occasione, ricevendo palla sulla destra e dopo un paio di palleggi, Cafù si esibì in una serie di 3 “sombreri” consecutivi ai danni del ceco. Dietro alla giocata con l’ex Milan:

“Se devo scegliere un ricordo, dico il sombrero a Nedved nel derby. Un mio amico giallorosso, Vincenzo, mi fomentava. Appena mi è capitata l’occasione ho pensato che poteva essere il modo più elegante per annichilire l’avversario”.

Ultime news

Notizie correlate