Milan, Buongiorno a un bivio: la strategia del Torino

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Il Milan non molla Alessandro Buongiorno, ma i granata non vorrebbero cederlo: obiettivo Europa per trattenere il difensore

Alessandro Buongiorno ha appena raggiunto il traguardo delle 100 presenze con la maglia del Torino. Il difensore e capitano granata è legatissimo al suo club, ma le sue prestazioni iniziano ad attirare molti occhi di grandi club. L’Atalanta la scorsa estate, il Milan a gennaio: sono in molto ad avere Buongiorno sul proprio taccuino. I rossoneri sono ancora fortemente interessati ma attenzione alla concorrenza: l’Europeo con l’Italia potrebbe essere una grande vetrina per le big di tutta Europa.

L’idea del Torino

Il Torino, però, non vorrebbe cederlo, facendo anche leva sul suo tifo per i colori granata e il suo senso di appartenenza. Le ambizioni sportive del calciatore, però, potrebbero crescere, così come la volontà di confrontarsi contro avversari sempre più prestigiosi in competizioni sempre più importanti. E allora, come riportato da calciomercato.com, l’obiettivo del Torino diventa sempre di più l’ottavo posto, che varrebbe la Conference League se l’Italia rimanesse al comando del ranking UEFA per Nazioni. Con la qualificazione in Europa, il Torino potrebbe tenersi Buongiorno.

Ultime news

Notizie correlate