Braida: “Quella volta che Vialli ci disse di no perché a Milano…”