Brahim Diaz: “Il mio Milan può sempre puntare a vincere. Ho scritto a Pioli…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Brahim Diaz è ancora parecchio legato al Milan: lo dimostra la sua ultima intervista a Sky Sport

Nella settimana che lo accompagnerà alla finale di Champions League, l’ex Milan Brahim Diaz ha parlato al microfono di Giorgia Cenni a Madrid. Con l’inviata di Sky ha toccato i temi che orbitano intorno al suo passato milanista e al suo legame con i colori rossoneri.

Pioli, Ancelotti e la stagione dei rossoneri

VERSO LA FINALE – “Non sarà facile contro il Borussia Dortmund, ma noi siamo i Re della Champions. Dopo c’è il mio Milan, che ne ha sette (ride, ndr). Adesso dobbiamo vincere”.

ANCELOTTI – “Come diciamo sempre io e tutti quanti, è come un papà perché sa stare calmo e sa sempre quello che deve dirti. È sempre lì per te, è un allenatore eccezionale, ha vinto tanto con grandi club. Io sono molto contento con lui perché mi ha aiutato tanto. Certo che parliamo di Milan, sempre c’è il Milan”.

IL “SUO” MILAN – “È stata una buona stagione perché sono arrivati ancora in Champions, ma il Milan è un grande club e può sempre vincere. Sento spesso Pioli e anche il mio ‘fratello’, non amico, Theo. Ieri a Pioli ho mandato un messaggio per ringraziarlo di tutto quel che ha fatto per me al Milan. È una squadra che rimarrà sempre nel mio cuore”.

Ultime news

Notizie correlate