Brahim Diaz: “Al Milan la gente mi amava” Poi spiega la scelta Marocco

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Quando parla del Milan, Brahim Diaz ha solo belle parole: lo spagnolo ha spiegato anche la scelta del Marocco e il no alla Spagna

Chiamato a spiegare la scelta di rappresentare il Marocco e non la Spagna, Brahim Diaz ha rilasciato un’intervista a Cadena SER nella quale ha parlato, come sempre, benissimo della sua ex squadra: il Milan.

Le parole dell’ex

Sulla scelta di rappresentare il Marocco, Brahim Diaz ha spiegato che “ho radici marocchine da parte di mia nonna paterna, ma sono cresciuto in Spagna. Decido sempre con il cuore e anche questa volta è stato così. Sono un ragazzo con dei sogni, semplici. L’affetto e il progetto che mi hanno prospettato in Marocco mi sembra molto buono. La decisione è presa“.

Parlando invece delle diverse esperienze avute in giro per l’Europa (nonostante la giovane età), Brahim Diaz ha citato anche ovviamente quella di tre anni al Milan: “In Inghilterra all’inizio è stato difficile per me a causa della lingua, ma con Guardiola ho capito tante cose. In Italia ho trovato cose che mi mancavano: è un campionato molto tattico, è tutto molto misurato. Mi si adattava in modo spettacolare. E ho avuto la fortuna che la gente mi amasse molto“.

Ultime news

Notizie correlate