“I milanisti lo perdoneranno, ma lui…”: il quotidiano su Bonaventura

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Milan-Fiorentina è anche la gara dell’ex Bonaventura: il quotidiano ricorda il tabù da sfatare e avvisa i rossoneri

Sei stagioni al Milan non si dimenticano facilmente, e Giacomo “Jack” Bonaventura non l’ha mai fatto. In più occasioni ha ricordato il suo forte legame con il rossonero e, impossibile dimenticare, in epoca covid fu costretto a lasciare un San Siro desolato nella sua ultima gara. Un’immagine simbolica molto d’impatto sulle emozioni dei tifosi. Questa mattina, La Gazzetta dello Sport ripercorre il suo passato ripartendo proprio da quegli attimi, fino ad arrivare a un tabù a cui i milanisti, a detta del quotidiano, dovrebbero prepararsi.

FIORENTINA, BONAVENTURA: “AL MILAN STAVO BENE, MA NON RIUSCIVO A ESPRIMERMI COME ORA”

Nessuna risposta

A proposito del suo addio, Gazzetta scrive: “Se gli si chiede come mai sia finita così, nemmeno lui riesce a darsi una risposta. Un mesetto fa, in una delle poche conferenze, aveva ribadito due pensieri a cui tiene molto. Il primo: «Al Milan anni incredibili, i tifosi mi fecero venire la pelle d’oca». Il secondo: «Ho lasciato il Milan con grande motivazione, sapevo che la nuova esperienza sarebbe stata bella perché avevo ancora tanta voglia di fare e dimostrare»”. Poi, prosegue: “E fa sorridere pensare a Jovic, lasciato libero dalla Fiorentina, che non ingrana, e Bonaventura, mollato gratis dal Diavolo, che in viola ha fatto tre stagioni in continuo crescendo. Non solo: Jack, alla tenera età di 34 anni, ha riconquistato anche la Nazionale”.

COMMISSO: “CHE COLPO BONAVENTURA A ZERO! RISPETTO AL MILAN…”

“I milanisti lo perdoneranno…”

La rosea chiude con una riflessione che riguarda i tanti confronti del passato da quando Bonaventura risiede a Firenze. In particolare, la firma Fabio Bianchi fa notare come il Milan sia “l’unica squadra di A contro cui l’eterno Jack non è ancora riuscito nè a segnare né a mandare in gol i compagni con un assist”.

Ci sarà anche a San Siro, ovvio. Anche perché Jack, insieme con Nico Gonzalez, è appunto il miglior finalizzatore della Fiorentina che fatica ad andare in gol con gli attaccanti. Stasera l’ex proverà a infrangere il tabù. Se ci riesce, chissà se esulterà contro la squadra per cui gli batteva il cuore da bambino e per cui ha passati anni meravigliosi. Invece è probabile che i suoi vecchi tifosi lo perdoneranno, unendosi agli applausi.

TRA INFORTUNI E GIOVANISSIMI: LA PROBABILE DI MILAN-FIORENTINA

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

 

Ultime news

Notizie correlate