Boban: “La nuova Champions fantastica. Ecco cosa manca a Leao”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Boban propone la sua chiave di lettura su Leao, bastone e carota: Sacchi un rivoluzionario e sulla nuova Champions…

In occasione della presentazione del nuovo libro di Arrigo Sacchi: “Il realista visionario“, Zvonimir Boban si è espresso su Leao. L’ex Milan ha sempre puntato sul portoghese, a cui però manca uno step: “Va capito ad aiutato”. Boban ovviamente ha esaltato la rivoluzione portate nel calcio da Sacchi e si è poi lasciato andare un commento sul nuovo format della Champions League, che tanto fa discutere. Le dichiarazioni rilasciate a Sky Sport.

“ALTRA TESTA, MA TOCCA A PIOLI”: L’EX E CONNAZIONALE SU LEAO

Cosa ha rappresentato per te Sacchi? Ha rappresentato il più grande rivoluzionario nella storia del calcio, nella maniera più assoluta. Quello che ha più influenzato il calcio: esiste il calcio pre e post Sacchi. Un amico, sono legato in tanti modi a Sacchi pur non avendo fatto parte del primo Milan. Ho fatto parte del secondo, quello in cui Capello, sul lavoro, di Sacchi, ha trasformato il Milan in un’altra cosa ma alla stessa maniera straordinaria. In fin dei conti mi hanno scelto lui e Braida, sono arrivati a prendermi dalla Dinamo Zagabria”.

Sacchi ha rivoluzionato il calcio italiano e mondiale. Sei d’accordo? “È stata una rivoluzione assurda, impensata, fatta con intelligenza, filosofia e coraggio incredibili. Rimane così nella storia. Quello che oggi vediamo nel calcio, in ogni squadra ed in ogni allenatore tra distanze, pressing, correre insieme quello è Sacchi”.

Sul Milan di Pioli: “Non direi che i due Milan (quello di Pioli e quello di Sacchi, ndr) possano essere paragonati”.

Ti fa piacere la 10 a Leao? “Fa piacere. Leao va capito e aiutato, ci vuole ancora del lavoro individuale per perfezionarlo. È un talento straordinario, non completamente maturo. Però già ha fatto tanti progressi e tanto tanto bene per il Milan. Non tanti se lo aspettavano. Io sì”.

Boban ha detto la sua riguardo all’edizione della Champions League che si sta disputando in questa stagione“Ci sono state tante belle partite, questa coppa porta un’energia diversa. Vuoi sempre dare il meglio di te”. E sulla futura Super UCL: “Vedremo. Noi siamo convinti che andrà benissimo. Ogni cambio nella storia del calcio porta sempre a delle discussioni, porta le critiche. Pero vediamo”.

“MAI SUL CALCIO!”: FLORENZI SI DIFENDE DAL CAOS SCOMMESSE

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate