Tag Archives

6 Articles

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Milan-Inter 2-3: Bakayoko e Musacchio non bastano, vincono i nerazzurri

Pagelle Milan-Inter 2-3: Bakayoko e Musacchio non bastano, vincono i nerazzurri

PAGELLE MILAN-INTER 2-3 – È L’Inter a vincere il 170^ Derby della Madonnina in Serie A. I nerazzurri di Luciano Spalletti battono i rossoneri di Gennaro Gattuso per 3-2. Inter nettamente superiore al Milan nella prima frazione di gara; nella seconda, girandola di emozioni senza soluzione di continuità. Nerazzurri che dunque tornano terzi in classifica mentre ai rossoneri non resta che “accontentarsi” del quarto posto a + 4 sulla Roma.

PAGELLE MILAN-INTER 2-3 – I voti della nostra redazione:

DONNARUMMA 6 – Incolpevole sui due goal nerazzurri, ottima parata su un insidioso colpo di testa di Skriniar. Buone uscite alte e meno buone impostazioni difensive palla al piede. #GigioMaNonGigissimo

CALABRIA 5 – Soffre per tutti e 90′ le incursioni degli esterni interisti. Abbondantemente sotto la sufficienza anche in fase propositiva. #Asfaltato

MUSACCHIO 7 – Serata da leader assoluto per il centrale rossonero. Arricchisce una prestazione sontuosa e di personalità con la rete che regala 25′ di dolci illusioni. #Gladiatore

ROMAGNOLI 4,5 – Dispiace, ma il capitano ha probabilmente disputato la peggior partita in maglia rossonera. Quasi sempre in ritardo nelle chiusure, ha sulla coscienza le prime due reti nerazzurre lasciandosi sfuggire la marcatura di Vecino prima e De Vrij poi. #CoseCheCapitàno

RODRIGUEZ 5 – Bruciato più volte da Politano, appare meno sicuro del solito con il pallone tra i piedi. Non si ricordano proiezioni offensive degne di nota. #GranelloDiSabbia (dal 58′ Cutrone 5 – Il “Veleno” sembra esserci ma al netto di un atteggiamento propositivo, nella pratica poco dialogo con i compagni e pochissima incisività in area di rigore. #SanPatrizioMicaTanto)

BAKAYOKO 7 – Per continuità di rendimento nell’arco dei 90′, sicuramente uno dei migliori in campo. Forza (riuscendoci) alcune giocate e sale in cielo in occasione del momentaneo goal dell’1-2. #Ercole

KESSIÈ 5- – Tralasciando l’atteggiamento con il quale esce dal campo e per il quale merita un segno meno in più, non dà mai l’impressione di essere in partita. Confusionario più del solito con il pallone tra i piedi, lascia vere e proprie voragini a metacampo in occasione delle ripartenze nerazzurre. #Arrugginito (dal 69′ Conti 6+ – 25 minuti di spinta e sostanza offensiva, peccato per qualche cross dosato male ma il suo ingresso in campo ha sicuramente giovato a tutta la squadra. #Linfa)

PAQUETÀ 5,5 – Perde 2 palloni sanguinosi in costruzione ma è l’unico ad impegnare seriamente Handanovic nei primi 45′ oltre  a verticalizzare ogni volta che può. #2Facce (dal 46′ Castillejo 5,5 – La solita prestazione da scheggia impazzita: bene in fase offensiva ma l’ingenuità con la quale regala il rigore del 3-1 all’Inter è disarmante. #CaffèECamomilla)

SUSO 4,5 – Altra serata incolore per l’esterno spagnolo. Al netto di un paio di palloni pericolosi buttati al centro dell’area avversaria, il nulla. #BucoNero

CALHANOGLU 7- – Una delle sue migliori prestazioni stagionali per corsa, capacità ed intelligenza tattica. Unico, vero punto di riferimento offensivo tra le fila rossonere, si fa costantemente trovare tra le linee ed in ogni posizione del campo. #Eclettico

PIATEK 5,5 – Polveri bagnate per il pistolero polacco. A garantirgli un’insufficienza onorevole sono un paio di aperture ed il dialogo (a sprazzi) con i compagni di reparto. #Inceppato

GATTUSO 5 – Prova, senza fortuna, a rimettere in piedi la partita con dei campi tempestivi ma l’atteggiamento trasmesso alla squadra nei primi 45′ è imperdonabile. Non è che a temere troppo gli avversari si finisce per temere se stessi? #8LaPaura

PAGELLE MILAN-INTER 2-3 – I voti dei tifosi:

Donnarumma 6;

Calabria 5, Musacchio 6,5, Romagnoli 5,5, Rodriguez 4,5;

Bakayoko 6,5, Kessiè 5, Paquetà 5;

Suso 4, Calhanoglu 6,5, Piatek 5,5;

Castillejo 6, Cutrone 5,5, Conti 6;

Gattuso 4,5

Donato Boccadifuoco

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Chievo-Milan 1-2: magia di Biglia, sentenza Piatek

Pagelle Chievo-Milan 1-2: magia di Biglia, sentenza Piatek

PAGELLE CHIEVO-MILAN 1-2 – Una magia di Biglia su punizione ed un goal da vero rapace d’area di rigore di Piatek, regalano al Milan la quinta vittoria consecutiva in campionato e la certezza di affrontare il derby di domenica prossima da terza della classe. I rossoneri di Gennaro Gattuso salgono infatti a quota 51 punti in classifica a (provvisoriamente): + 4 dall’Inter, + 7 dalla Roma e + 10 da Lazio, Atalanta e Torino.

PAGELLE CHIEVO-MILAN 1-2 – I voti della nostra redazione:

DONNARUMMA 6 – Diciamoci la verità: Gigio ci ha talmente abituato bene che sul pareggio del Chievo tutti abbiamo avuto l’impressione che potesse (dovesse?) fare meglio. Ottima padronanza dell’area di rigore sulle uscite alte, fondamentale in evidente miglioramento. #Upgrade

CONTI 4,5 – Perde la marcatura su Hetemaj e non ne indovina una sia in fase difensiva che di costruzione. #SerataNo (dal 64′ Calabria 6,5 – Poche chiacchiere: il titolare della fascia destra è lui! Il suo ingresso in campo dona serenità e garantisce solidità difensiva. #Ingranaggio).

MUSACCHIO 6,5 – Pedina fondamentale per questo Milan. Mateo sprizza sicurezza per tutti e 90′ e non sembra andare mai in particolare affanno contro gli attaccanti clivensi. #Spavaldo

ROMAGNOLI 6,5  – E anche oggi Alessio lo saltate domani! Altra prestazione autoritaria del capitano rossonero. Sempre impeccabile nell’uno contro uno, gestisce discretamente il pallone in fase di costruzione. #AléOhOhAléSsio

LAXALT  5,5 – A grandi linee gioca la stessa mediocre partite del suo collega di fascia ma, oltre che sbagliare molto meno, dopo una smanacciata di Gigio mura un tiro a botta sicura salvando il risultato. #NelPostoGiustoAlMomentoGiusto

KESSIÈ 6,5  – Ha il demerito di non chiudere la gara non approfittando di una ghiotta occasione da rete ma la partita di Franck resta di altissimo livello per corsa, intensità e cuore. Collante assoluto tra difesa ed attacco nei momenti di difficoltà. #Bostik

BIGLIA 7,5 – In occasione delle rete che sblocca l’incontro dipinge una parabola meravigliosa. Perde un solo pallone ma lo recupera 2 secondi dopo con la grinta e la determinazione che caratterizza i più grandi. Equilibratore che rischia di essere irrinunciabile in questo finale di stagione. #Arcobaleno

PAQUETÀ 5 – Le 51 partite disputate in questa stagione (tra Brasile ed Italia) si sentono e si vedono, eccome. Meno spunti di classe, meno corsa, meno lucidità e meno dinamismo rispetto alle prime uscite in maglia rossonera. #Imbruttito (dal 54′ Calhanoglu 6,5 – Interpreta ottimamente il ruolo di mezzala con una serenità a lui quasi sconosciuta. Manca sempre qualcosa in rifinitura e finalizzazione ma i minuti disputati dimostrano quanto possa essere importante. #CrisiDIdentità)

SUSO 5+ – Nei primi 45′ di gioco non viene servito e non riesce a proporsi mai. Quelle poche volte che viene chiamato in causa nella ripresa risponde presente ma è davvero troppo poco. Lontanissimo dai propri standar. #Involuto (dall’84’ Borini s.v.)

CASTILLEJO 7 – Scheggia impazzita della serata. Non brilla per continuità e gioca a tuttocampo rendendo difficile agli avversari la propria marcatura. Ha inoltre il merito di fornire l’assist per il 2-1 definitivo firmato da Piatek. #Furetto

PIATEK 6,5  – Nella prima frazione di gara non riesce minimamente ad imporsi o ad entrare nel vivo della manovra offensiva della squadra. Nella ripresa, migliora il proprio rendimento e trasforma in oro l’assist di Castillejo. #ElSegnaSemperLu

GATTUSO/RICCIO 6,5 – Piccoli passi avanti dal punto di vista fisico e mentale rispetto alla scorsa gara vinta contro il Sassuolo. Ottima la gestione tecnica e psicologica delle forze in campo. #RivincitaTotale.

PAGELLE CHIEVO-MILAN 1-2 – I voti dei tifosi:

Donnarumma 6;

Conti 5, Musacchio 6,5, Romagnoli 6,5, Laxalt 5,5;

Kessiè 6,5, Biglia 7,5, Paquetà 5,5;

Suso 5, Castillejo 7, Piatek 7;

Calabria 6,5, Calhanoglu 7, Borini s.v.;

Gattuso 7

Donato Boccadifuoco

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Milan-Sassuolo 1-0: un’autorete di Lirola lancia i rossoneri al terzo posto

Pagelle Milan-Sassuolo 1-0: un’autorete di Lirola lancia i rossoneri al terzo posto

PAGELLE MILAN-SASSUOLO 1-0 – Uno dei peggiori Milan della stagione riesce comunque a battere il Sassuolo e sorpassare l’Inter piazzandosi al terzo posto della classifica. A decidere il match, un’autorete di Lirola al 35′. Rossoneri che inoltre giocano in 11 contro 10 gli ultimi 30 minuti di gara (espulso Consigli) ma soffrono fino al triplice fischio dell’arbitro Valeri. Prestazioni opache per gli uomini offensivi, nettamente meglio la retroguardia con un Donnarumma sugli scudi in almeno due occasioni.

PAGELLE MILAN-SASSUOLO 1-0 – I voti della nostra redazione:

DONNARUMMA 7 – Un vero e proprio prodigio su Djuricic nella prima frazione di gara e un’ottima copertura del proprio palo su Matri sul finale. Gigio è per distacco il migliore in campo. #Caveau

CALABRIA 6+ – Il cliente affrontato (Boga) è di quelli scomodissimi ma Davide, pur con qualche sbavatura, riesce a difendere con intelligenza tattica proponendosi discretamente all’occorrenza anche in fase offensiva. #Trottolino

ROMAGNOLI 6,5 – Impossibile saltarlo nell’uno contro uno in ogni settore del campo, libera la propria area di rigore dai pericoli ogni volta che può. #Asticella

MUSACCHIO 6 – Ha dalla sua il merito di trovarsi al posto giusto al momento giusto in occasione della decisiva autorete di Lirola. Fatica più del solito ad impostare e per tutti e 90′ non appare esattamente in forma smagliante. #Provvidenza

RODRIGUEZ 7- – Il suo rientro si vede e si sente: la sua presenza garantisce il giusto sfogo nel giropalla difensivo. Nella prima frazione di gara è implacabile sugli attaccanti avversari e offre svariate sovrapposizioni spesso non capitalizzate per demeriti altrui. Cala leggermente nei secondi 45′ ma la sua prestazione resta di altissimo valore. #RichieRich

BAKAYOKO 5 – Altra partita sottotono per la diga francese. Diversi i palloni persi così come gli errori in impostazione. Nella ripresa rischia l’espulsione, ragion per cui Gattuso è costretto ad anticiparne la sostituzione. #Sottovuoto (dal 56′ Biglia 6,5 – Da perfetto direttore d’orchestra impiega appena 60 secondi a correggere le posizioni dei propri compagni di squadra. Non eccellente dal punto di vista fisico ma lotta come un leone fino al triplice fischio. #RiccardoMuti).

KESSIÈ 6,5 – Ciò che stupisce di questo giocatore è che più passano i minuti e più la sua prestazione migliora in qualità e quantità. Ad un primo tempo opaco corrisponde una seconda frazione di gara passata a rincorrere tutti gli avversari ed impreziosita dalla verticalizzazione per Piatek che costringe Consigli al cartellino rosso. #Turbodiesel

PAQUETÀ 6 – Si tocca con mano, fa fatica. Inizia bene il match garantendo fantasia e buone aperture, ma la benzina finisce ben prima del solito e la sua prestazione ovviamente ne risente. #PitStop (dal 73′ Castillejo 6 – Entra e fa il suo, come sempre. Corre, lotta e soprattutto crea confusione per sé e per tutti gli altri giocatori in campo; non esattamente un male in questo match. #DennisLaMinaccia)

SUSO 5,5 – Un bello spunto durante il primo tempo, e qualche “azioncina” nella ripresa, tolto ciò sparisce letteralmente dal campo e aiuta meno del solito in fase difensiva. #Yin

CALHANOGLU 5,5 – Il suo collega di fascia fa poco e sbaglia poco, lui fa tanto e sbaglia tanto; ragion per cui la prestazione del turco può essere allineata a quella dello spagnolo. #Yang

PIATEK 6 – La notizia è che il bomber polacco rimane all’asciutto per la seconda partita consecutiva. Appare meno lucido del solito ma si fa trovare pronto (e furbo) sfruttando l’erroraccio di Consigli e causandone l’espulsione. #ASalve (dall’83’ Cutrone s.v.)

GATTUSO 6 – La sufficienza è ampiamente garantita dalla vittoria e dalla classifica, probabilmente però la squadra prende da lui l’eccessiva tensione per una partita che, graduatoria alla mano, contava (e conta) davvero moltissimo. #QuandoSiVinceSiHaSempreRagione

PAGELLE MILAN-SASSUOLO 1-0 – I voti dei tifosi:

Donnarumma 7;

Calabria 6,5, Musacchio 6,5, Romagnoli 6,5, Rodriguez 6;

Bakayoko 5, Paquetà 5,5, Kessiè 6;

Suso 5, Calhanoglu 5, Piatek 5,5;

Biglia 6, Cutrone s.v., Castillejo s.v.;

Gattuso 6.

Donato Boccadifuoco

Posted by Redazione Rossonera on

Esclusiva, Federico Giunti: “Ho fiducia in Rino. Il Napoli può espugnare lo Stadium”

Esclusiva, Federico Giunti: “Ho fiducia in Rino. Il Napoli può espugnare lo Stadium”

ESCLUSIVA, FEDERICO GIUNTI – Intervista esclusiva di Radio Rossonera all’ex centrocampista del Milan, Federico Giunti nel corso della trasmissione: “Serie A – Il Punto“. Questo il pensiero dello stesso Giunti sui rossoneri e su svariati temi riguardanti il massimo campionato. A seguire le sue dichiarazioni:

Hai visto il Milan in queste prime giornate?

Speravo di sentirvi con 6 punti in cascina ma è stata una partenza un po’ al di sotto delle attese. Le prime due giornate c’è stato lo scontro con due squadre di pari livello, mentre in queste tre partite c’è rammarico perché il Milan ha incontrato squadre che fanno un campionato diverso. Il Milan l’ho visto dal vivo con Atalanta, vedo gioco a sprazzi ma poca continuità anche se penso che abbia i mezzi tecnici per fare un altro tipo di di campionato e cambiare marcia. Ho fiducia in Rino. Potrebbe essere un problema di mentalità però è una cosa che si costruisce col tempo, sono state cambiate tante cose, ripartire non è mai facile. La Juve è inarrivabile per tasso tecnico e potenzialità economica. Il Milan deve fare un altro tipo di ragionamento Ci vuole pazienza e tempo, anche se il Milan non può averla all’infinito  Come è stato affrontato il mercato estivo non mi è dispiaciuto, abbiamo perso un riferimento come Bonucci ma abbiamo risolto la questione attaccante. Bisogna dare il tempo di aumentare la propria autostima , credo che il prossimo turno ci dirà tanto sullo stato del Milan, il Sassuolo concede anche tanto all’avversario nonostante i buoni risultati“.

Cosa ne pensi dell’operato di De Zerbi? Può già essere considerato un grande allenatore?

Io credo che abbia avuto la grande capacità di adattarsi alle varie situazioni che si è trovato davanti. Lui è partito da Foggia dove sembrava un integralista con le proprie idee e un bel gioco anche se poi quel campionato non lo ha vinto. Poi dei periodi in cui ha avuto squadre costruite non secondo il suo modo di pensare ma nonostante ciò ad esempio il Benevento non si disuniva. Quest’anno i giocatori li ha, il Sassuolo gioca bene ma è anche una squadra equilibrata“.

Come vedi lo scontro di sabato tra Juventus e Napoli?

Penso che il Napoli possa espugnare lo Stadium, Carlo riesce a tirare fuori il 110% da ogni giocatore. La partita si farà su duelli individuali, comunque la Juve la vedo favorita“.

Riguardo la lotta per la retrocessione invece pensi che Bologna Frosinone Chievo, le attuali ultime tre, sono quelle più a rischio?

Ci sono anche altre squadre che rischiano la retrocessione anche se la destinata a soffrire di più forse è il Frosinone. Il Chievo farà di tutto per recuperare. Sarà bella anche la lotta per non retrocedere, aspetterei prima di fare nomi però, è ancora presto“.

Cosa ne pensi invece del campionato delle due romane che sabato si scontreranno nel derby?

La Lazio è partita male ma si è ripresa subito, penso abbia i favori del pronostico. La Roma non può permettersi di perdere, la sconfitta di Bologna infatti ha lasciato strascichi. Ma una partita come il derby è tutta un’altra cosa. 
La Roma la dovrà gestire riguardo ai nervi, vedremo di che pasta sarà fatta questa squadra, se avrà voglia di riprendersi o meno“.

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Milan-Roma 2-1: Higuain trascinatore, Suso sottotono

Pagelle Milan-Roma 2-1: Higuain trascinatore, Suso sottotono

PAGELLE MILAN-ROMA 2-1 – Dopo la sconfitta in rimonta subita al San Paolo contro il Napoli, il Milan rialza la testa e lo fa nel modo più emozionante: una vittoria all’ultimo respiro grazie al guizzo di Patrick Cutrone al 95′. Ottima la prova di Higuain (autore dell’assist decisivo), un po’ meno quella di Suso, mai incisivo negli ultimi 20 metri. La classifica inizia a sorridere ai rossoneri e dopo la sosta per le nazionali ci sarà la trasferta di Cagliari.

PAGELLE MILAN-ROMA 2-1, I VOTI DELLA NOSTRA REDAZIONE:

DONNARUMMA 6+ – Partita di ordinaria amministrazione per il portiere rossonero. Il “+” è il frutto di un’ottima uscita oltre l’area di rigore per stoppare un contropiede giallorosso nella ripresa. LUCIDO

CALABRIA 6,5 – Primo tempo di corsa, sacrificio e inserimenti. Resta più guardingo nei secondi 45′ ma ha il grandissimo merito di recuperare in fase offensiva il pallone che dà il là all’azione del 2-1. 4 POLMONI

MUSACCHIO 6,5 – Perde la marcatura di Dzeko solo 1 volta in 90′. Nessuna sbavatura significativa per il resto match. AFFIDABILE

ROMAGNOLI 6,5 – Comanda la linea difensiva in maniera impeccabile. Gara praticamente perfetta per il centrale rossonero. CAPITANO

RODRIGUEZ 7 – Forse la miglior partita del terzino svizzero con i colori rossoneri. Spinge costantemente sulla fascia di competenza e regala a Kessié l’assist del momentaneo 1-0. RIVELAZIONE (dal 76′ LAXALT 6 – Entra ancora una volta con la giusta voglia ed il giusto atteggiamento. Regala freschezza alla fascia sinistra rossonera nel finale di partita. DODICESIMO

BIGLIA 7- – È come il vento: non si vede ma si percepisce (Cit.). Guida, corregge, incita e si dimostra cerniera imprescindibile dello scacchiere tattico di Rino Gattuso. LEADER SILENZIOSO

KESSIÈ 6,5 – Partita ordinata e concreta per il nazionale ivoriano. Ha il merito di sbloccare la gara con un suo inserimento. Nella ripresa il suo apporto al centrocampo rossonero resta immutato. QUANTITÀ E QUALITÀ

BONAVENTURA 6+ – Meno lucido del solito in fase di impostazione e ripiegamento ma gestisce benissimo il pallone che dà il là all’azione del primo goal rossonero e verticalizza ottimamente per Higuain nella ripresa; peccato che il Var vanifichi tutto. OPERATIVO (dal 84′ CUTRONE 6,5 – Al suo ingresso in campo si carica sia il pubblico di San Siro sia la squadra. Gli basta un solo pallone all’ultimo minuto di recupero per dimostrare, come sempre, quanto può essere letale all’interno dell’area avversaria. ADRENALINA

CALHANOGLU 7- – Prima frazione di gara sontuosa: difende, inventa, dribbla e crea. Cala nella ripresa ma la sua prestazione non può e non deve passare inosservata. NUMERO 10 (dal 81′ CASTILLEJO 6,5 – Esordisce in Serie A con la sfrontatezza necessaria ad entrare immediatamente nel vivo della gara. Insieme a Laxalt garantisce importanti sfoghi offensivi sulla sinistra. FRIZZANTINO

SUSO 5,5 – Partita di fatica per l’esterno spagnolo. In zona offensiva pecca di precisione e non riesce ad incidere, pienamente sufficiente invece la sua prova in fase di ripiegamento. SOTTOTONO

HIGUAIN 7,5 – Gioca con la serenità di chi sa di essere un campione: imposta, protegge, sgomita ed illumina. Non tutti i grandi bomber all’ultimo minuto di una partita hanno la lucidità di alzare la testa e dispensare assist al bacio. TRASCINATORE

GATTUSO 7+ – Prepara la gara in maniera impeccabile e nella ripresa risponde a Di Francesco con 3 mosse che portano allo scacco matto. La vittoria è anche, forse soprattutto, merito suo. OCEAN’S ELEVEN

MILAN-ROMA 2-1, LE PAGELLE DEI TIFOSI:

Donnarumma 6,5; Calabria 7-, Romagnoli 7, Musacchio 6,5, Rodriguez 7; Kessié 7-, Biglia 7,5, Bonaventura 6+; Suso 5, Calhanoglu 7-, Higuain 8; Laxalt 6,5, Castillejo 6,5, Cutrone 7, Gattuso 7+.

Donato Boccadifuoco

Posted by Redazione Rossonera on

Napoli-Milan 3-2, pagelle: Bonaventura il migliore, male Biglia

Napoli-Milan 3-2, pagelle: Bonaventura il migliore, male Biglia

NAPOLI-MILAN 3-2, PAGELLE – I rossoneri di Gennaro Gattuso riescono nella doppia impresa di portarsi in vantaggio di due reti al San Paolo e di farsi rimontare uscendo virtualmente dal campo dopo il momentaneo 1-2 firmato Zielinski. L’impressione è che, come nella passata stagione, i problemi del Milan restino prettamente di natura mentale piuttosto che tecnica, tattica o fisica.

NAPOLI-MILAN 3-2, LE PAGELLE DELLA NOSTRA REDAZIONE:

DONNARUMMA 5 – Anno nuovo, stessi difetti: sul primo goal di Zielinski potrebbe fare qualcosa in più; sul secondo, l’errore di piazzamento e velocità d’esecuzione nel distendersi alla propria sinistra è evidente. STANDARD

CALABRIA 6 – Il goal non è un caso: ben sopra la sufficienza in fase offensiva; viceversa, in fase difensiva, fa spesso fatica a contenere Insigne. ALTALENA

ROMAGNOLI 6,5 – Finché il risultato resta favorevole alla squadra, Alessio è un muro. Col passare dei minuti, e dei goal avversari, sparisce un po’ dai radar pur non compiendo errori particolari. SOLIDO

MUSACCHIO 5 – Inizia bene ma l’errore che favorisce la prima rete dei partenopei è il preludio agli ultimi 30 minuti di pura sofferenza. FRAGILE

RODRIGUEZ 5,5 – Prestazione più che onesta in fase difensiva per il terzino svizzero, davanti però non riesce mai a rendersi incisivo. Prima Borini e poi Laxalt possono testimoniare. COMPITINO

BIGLIA 4,5 – Serata da dimenticare per il volante argentino: non solo il suo grave errore in fase di impostazione dà il là alla rimonta del Napoli, ma spesso si fa trovare assente nei momenti di difficoltà della squadra specie nella costruzione dal basso. BOCCIATO (dal 58′ BAKAYOKO 5 – Riesce nell’impresa di far rimpiangere Biglia ma a differenze dell’argentino ha il “merito” di non commettere errori decisivi. RIMANDATO A SETTEMBRE

BONAVENTURA 7 (il migliore) – Si dice che il problema del Milan sia la mezzala sinistra, potrà anche essere vero ma nel frattempo il buon Jack sfodera una prestazione ben al di sopra dei propri compagni di squadra. Oltre al bellissimo goal che sblocca la gara, per gran parte del primo tempo (sorprendentemente) agisce anche da regista basso. ONNIPRESENTE (dal 82′ CUTRONE s.v.)

KESSIÈ 6 – Prestazione senza infamia e senza lode per il centrocampista ivoriano. Sempre propositivo quando la palla scotta ma qualitativamente deve ancora crescere molto. AFFIDABILE

SUSO 6 – Il merito di entrare da protagonista nelle azioni di entrambe le marcature rossonere gli garantisce la sufficienza ma la prestazione di ieri è ben lontana dai suoi standard. PRECAMPIONATO

BORINI 6,5 – Senza dubbio uno dei migliori. Nel primo tempo regala l’assist del primo goal a Bonaventura e corre per tutta la fascia garantendo copertura e sfogo in ripartenza. Nella ripresa cala d’intensità e viene giustamente sostituito. PEPERINO (dal 72′ LAXALT 6 – Entra col piglio di chi ha capito cosa provare a fare nell’ultimo quarto d’ora di gara. Offre un buon pallone a Higuain e percorre la fascia avanti e indietro con la giusta intensità. CORRIDORE

HIGUAIN 6 – Assistito poco e male dal resto della squadra riesce comunque a contraddistinguersi per almeno un paio di giocate sopraffine con la palla tra i piedi. OASI 

GATTUSO 5 – Passi (ma mica tanto) l’atteggiamento da provinciale in casa del Napoli, ma ad indispettire maggiormente è il diktat autodistruttivo relativo al continuo palleggio dal basso oltre che la non perfetta (per usare un eufemismo) lettura della partita specie se confrontata a quella del maestro Ancelotti. ALLIEVO

NAPOLI-MILAN 3-2, LE PAGELLE DEI TIFOSI

DONNARUMMA 5,5; CALABRIA 5; MUSACCHIO 5,5; ROMAGNOLI 6,5; RODRIGUEZ 6; KESSIÈ 5; BIGLIA 4,5; BONAVENTURA 7; SUSO 5,5; HIGUAIN 6; BORINI 5,5; LAXALT 6; BAKAYOKO 5; CUTRONE S.V.; GATTUSO 5

Donato Boccadifuoco

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian