Tag Archives

52 Articles

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Milan-Napoli 1-1: I rossoneri durano un tempo. Bonaventura evita l’ennesima sconfitta.

Pagelle Milan-Napoli 1-1: I rossoneri durano un tempo. Bonaventura evita l’ennesima sconfitta.

PAGELLE,MILAN,NAPOLI – Contro un Napoli in difficoltà, i rossoneri non vanno oltre il pareggio a San Siro. La prestazione, soprattutto nel primo tempo, non è da buttare ma con questa classifica ogni pareggio equivale ad una sconfitta. Un Bonaventura così può sicuramente aiutare, arrivano invece i primi veri fischi di San Siro per Piątek. Perché duriamo solo un tempo? Problema fisico, di testa o di qualità della rosa?

PAGELLE

Donnarumma 6,5: Non può nulla sulla rete che porta in vantaggio gli ospiti. L’ennesimo miracolo su Lozano avrebbe messo a tacere ogni paragone con Meret. Chiude la porta su Insigne nel finale di primo tempo. #Certezza

Conti 6: Pioli gli da fiducia dopo la buona prova all’Allianz Stadium contro la Juventus. Ci mette un po’ a prendere le misure del campo scivoloso di San Siro. Qualche lancio lungo a vuoto ma non soffre più i suoi avversari come in passato. #SenzaInfamiaSenzaLode

Musacchio 6: Si rivede il numero 22 rossonero dopo l’infortunio, chiamato a sostituire Duarte anche lui non al meglio. Si merita gli applausi di San Siro quando ferma la corsa di Lozano in scivolata. #PallaPiena

Romagnoli 6: In fiducia grazie alla rete contro l’Armenia in maglia azzurra, ci riprova di testa senza successo 20 minuti. Più o meno attento per tutta la partita. #Fiducia

Theo Hernández 6: Tiene in gioco Lozano quando il Napoli si trova fortunatamente in vantaggio dopo il tiro sulla traversa di Insigne. Ha il merito di rifarsi immediatamente entrando nell’azione che porta al pareggio di Jack. #OK

Biglia 5: Senza la squalifica di Bennacer, avrebbe probabilmente iniziato la partita dalla panchina. Infatti si fa saltare facile da Insigne nella conclusione che propizia il vantaggio napoletano. Con il passare dei minuti perde sempre più lucidità e palloni pericolosi.  #SiPuòFareDiPiù

Krunić 6+: Pronti via e una sua conclusione dal limite dell’area quasi capitalizza il pressing rossonero in avvio di match. Insieme a Theo, apparecchia la conclusione vincente di Bonaventura. Bene così. #Proiettile

Paquetá 6- : Avvio frizzante del brasiliano dopo le critiche di Rivaldo per aver indossato la maglia numero 10 della seleção. Non si può più permettere certi azzardi da mezzala, avanza la sua posizione quando Rebić alza bandiera bianca. “Deve essere meno Brasiliano…” #Confusionario

Bonaventura 7: Si rivede il miglior Jack dopo l’operazione e la lunga assenza. Spunti, testa alta e presenza attiva nella manovra. Trova il pareggio con una saetta sotto l’incrocio che si merita tutta la sua esultanza rabbiosa. Da qualche anno, una delle poche luci rossonere. #WelcomeJack

Rebić 5: Dentro a sorpresa dopo i problemi intestinali di Suso nel riscaldamento pre-partita. In sofferenza fisica anche lui, si becca i mugugni di San Siro per un paio di appoggi pigri ed imprecisi. Si mangia il gol del sorpasso, la palla di Krunić avrebbe meritato di più. Pioli lo manda a farsi la doccia nell’intervallo. #Sveglia

Piątek 5,5: Reattivo e voglioso come non lo si vedeva da tempo. Sbaglia meno appoggi e aiuta di più i suoi compagni, è già qualcosa di questi tempi. Manca ancora una volta il gol sul e questo incide sulla sua prestazione. I tifosi hanno ancora negli occhi il pistolero dello scorso Milan-Napoli di Coppa Italia ed infatti lo fischiano. #NostalgiaCanaglia

Kessié 6: Deve entrare all’inizio della ripresa dopo l’esclusione comportamentale pre-sosta. L’atteggiamento è sicuramente diverso e si vede. Ci prova e lotta questa volta. #Meglio

Calabria 6: Sostituisce Biglia e si mette a centrocampo come nello sfortunato esperimento di Gattuso contro la Fiorentina di Pioli. Va meglio questa volta. Davide ci mette corsa e intraprendenza che aiutano la squadra nei minuti finali della partita. #Coraggio

Rafael Leão SV: I colpi di tacco non servono a niente quando c’è da evitare l’ennesima sconfitta stagionale.

Pioli 6: Ritorno a San Siro dopo la buona prova in casa della Juventus e la sosta delle nazionali. Costretto a fare a meno di Çalhanoğlu e Bennacer per squalifica, si affida a Bonaventura esterno d’attacco, confermando Krunić e Conti dal primo minuto. Ormai, che la squadra giochi meglio è un dato di fatto. Nel calcio però vince chi segna di più e subisce di meno. Serve una striscia di vittorie per svoltare, il calendario può aiutare. #PuntoACapo

Tommaso Dimiddio

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Milan-Spal 1-0: Suso Ebbasta. Tre punti e sofferenza

Pagelle Milan-Spal 1-0: Suso Ebbasta. Tre punti e sofferenza

Pagelle, Milan, Spal – A giudicare dall’attesa nel prepartita, più che Milan-SPAL, sembrava la finale di Champions. E già questo basterebbe ad inquadrare il momento. Delle prime nove partite stagionali, erano salvabili 45 minuti contro il Lecce. Per il resto, tanta, tantissima confusione. Poi la sconfitta di Roma, dove sembrava essere arrivato uno step successivo: la rassegnazione. Tanti errori banali, superficiali. Nessun segno di reazione. Che il problema fosse un problema più di testa che di gioco, era chiaro. Qualcuno aveva mollato a livello mentale. Ad ottobre. Impensabile. Imperdonabile. A questo Milan sembra mancare tutto e il carattere più di tutto. Servono leader, servono prese di responsabilità, serve rabbia. Serve un capitano, si direbbe.

Il primo si apre malissimo. La SPAL è più determinata e fa la partita. Castillejo spedisce sulla traversa da due metri ed è tutto quello che il primo tempo offre. Il secondo tempo vede un Milan più vivo, che trova il gol con una punizione di Suso e sfiora il 2-0 con Paquetà, ma ancora troppa sofferenza.

Il calendario ora dice Lazio, Juventus e Napoli. Il rischio è trovarsi in zona retrocessione ad inizio dicembre. Impensabile retrocedere. Come lo era nel 1983. Sono arrivati i 3 punti, ma bisogna iniziare a metterci la testa e, di testa, reagire. Serve lucidità, serve voglia, serve rabbia. Perché così non si va da nessuna parte. A parte che in B

Pagelle

Donnarumma 6: È quello che ci tiene di più e si vede. Sembra anche l’unico a dare sicurezza. Gigio come il nuovo stadio, sembra assurdo ci sia qualcuno a non volerlo. #Puntofermo

Duarte 6: Terzino bloccato dopo i disastri dei due titolari. Prende un giallo decisamente evitabile, ma poche sbavature. Meglio centrale che terzino. #Benecosì

Musacchio 6: Dietro è forse il migliore. Sicuramente il più sicuro e deciso. A volte troppo. Ma è la prova che l’esperienza serve. Esce a primo tempo per infortunio, a dimostrazione che fortuna sarà cieca, ma la sfiga… #Mancavasoloquesta

Romagnoli 5,5: Sempre meno in sicurezza. Un anno fa salvava Gattuso con un eurogol contro l’Udinese. Oggi quel tiro non lo proverebbe nemmeno lui. L’insicurezza sembra divorarlo. Le qualità le ha, ma serve tornare in fiducia. La cosa migliore la fa allontanando Calhanoglu quando Piccinini ha il rosso in mano. #Daisu

Theo 6: A Roma era sembrato l’unico a provarci. Meno brillante del solito, ma Kessie aiuta pochissimo in entrambe le fasi. Quando spinge, però, è un treno. #Ancoracosì

Paquetà 5,5: Indecifrabile. La qualità c’è, ma la timidezza pure. Un gol semimangiato gli vale il meno 0.5. Deve muoversi di più, deve alzare di più testa, deve entrare nel gioco di squadra. Può e deve farlo. #Benino

Bennacer 5,5: Torna titolare al posto di Biglia. Ci voleva poco a far meglio, ma il primo tempo è un continuo nascondersi e passaggi all’indietro. Non prova quasi mai la giocata. E se non provi non riesci. Come tutta la squadra. #Coraggiodai

Kessie 4,5: Uno dei peggiori a Roma, emblema di rassegnazione e superficialità. Ripete la stessa identica prestazione. Molle come Celentano ai tempi d’oro, errori a chili. Lo specchio dei problemi della squadra. Siccome lui non cambia, va cambiato. #Ilmolleggiato

Calhanoglu 6,5: Il più in forma di inizio stagione, o forse l’unico in forma assieme a Gigio e Theo. Vive forse la sua serata meno brillante, ma almeno si sbatte. E visti gli altri, è già qualcosa. #Chalasiglu

Piatek 6: Tornato a segnare con il Lecce, tornato in panchina con la Roma, tornato titolare con la SPAL, tornato a non segnare, tornerà mai quello dell’anno scorso? Però prende la punizione del gol che fa tutta la differenza del mondo. #Circleoflife

Castillejo 5,5: Rileva il più criticato di inizio stagione. Spedisce sulla traversa da pochi passi, ci prova, ma è spesso in fuorigioco. Serve più attenzione. #Ni

Calabria 6: Quando è tranquillo, è un altro giocatore rispetto a quelli degli erroracci fatti vedere in stagione. Bene anche quando spinge. #Daidavidino

Suso 7: Bocciato giustamente, dimostra che la qualità c’è ancora. Torna a segnare con un gioiellino, ma soprattutto torna a lottare. #Jesustornaacasa

Bonaventura SV: Torna a San Siro dopo un anno ed è un’ottima notizia. La sua esperienza sarà fondamentale

Pioli 6: Era chiamato a fare un miracolo, al momento i risultati sono un disastro. Il primo tempo è da incubo. Squadra che non dà il minimo segno di vita. Nel secondo tempo, meglio. Ma serve lavorare tanto sulla testa, ma i 3 punti aiutano #playandpray

Federico Rosa

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Roma-Milan 2-1: Altra sconfitta, stagione già finita?

Pagelle Roma-Milan 2-1: Altra sconfitta, stagione già finita?

PAGELLE,ROMA,MILAN-Come contro il Lecce, non basta cominciare bene per vincere le partite. Dormita collettiva sul gol di Džeko e regalo di Calabria sul raddoppio di Zaniolo, oltre alla solita poca cattiveria in fase offensiva. Il cambio allenatore ha portato alcune cose buone ma pochissimi punti fino ad oggi. Sarà ormai troppo tardi per salvare l’ennesima stagione finita ad Ottobre? Sono cambiati allenatori, giocatori e dirigenti. Da ormai troppi anni però, i tifosi si domandano di chi siano le maggiori colpe. Con Halloween alle porte, si spera di aver già visto le streghe questa sera anche se l’aria di San Siro con la Spal sarà nuovamente pesante.

PAGELLE

Donnarumma 6,5: Dopo i miracoli dell’anno scorso, compie l’ennesima paratona in quella porta dell’Olimpico salvando di faccia su Pastore. Non può nulla sulle reti subite. Altro miracolo su Zaniolo nel finale di partita. #Capitale

Conti 4,5: Pioli gli da fiducia nonostante il ritorno di Calabria dopo la squalifica. Ancora in affanno, gli avversari cambiano ma lui sembra ancora il lontano parente della freccia atalantina. Poco attento, tanti controlli sbagliati, lascia il campo dopo 50 minuti. #ContiInRosso

Musacchio 6-: Piuttosto nervoso nel primo tempo con Džeko, è costretto ad atterrare Perotti per rimediare all’ennesima palla persa del connazionale Biglia. Non compie grossi errori, lui e Romagnoli possono fare ben poco se costretti agli straordinari. #NonSiPuòFareDiPiù

Romagnoli 6: Ritorno a casa per Alessio, quella con la Roma è sempre una partita speciale per lui. Ci mette la testa sull’insidiosissima punizione di Kolarov ad inizio secondo tempo. Uno dei pochi a non commettere disattenzioni compromettenti nel festival degli horror rossonero. #Attento

Theo Hernández 6,5: Ingaggia subito il duello con Spinazzola che gli lascia spazio sulla fascia. Va sempre dritto per dritto anche quando i suoi compagni non lo assistono. Ormai costantemente tra i migliori da qualche settimana, si merita la seconda rete stagionale #Motorino

Biglia 5: Viene preferito a Bennacer per fronteggiare l’esperienza dell’undici giallorosso. Ricopre il ruolo di vice allenatore in campo come faceva nella Lazio di Pioli. Gli anni sono però passati, la lucidità diminuisce e gli errori aumentano partita dopo partita. #C’eraUnaVolta

Kessié 5,5: Come al solito, buone cose alternate a disattenzioni da paura. Tra queste pesa sulla sua prestazione la dormita sulla rete di Džeko che sblocca la partita. Fa della personalità la sua forza, deve imparare a dosarla nei momenti giusti. #Zzzz

Paquetá 5,5: La rete annullata nel primo tempo dimostra quanto ci sia bisogno dei suoi inserimenti senza palla. Paradossalmente, meno preciso tecnicamente rispetto ad altre partite. Deve imparare a fare entrambe le cose per fare la mezzala. Stanco, lascia il posto a Piątek. #CosìECosì

Çalhanoğlu 5,5: Dopo la grande prova contro il Lecce, è in fiducia e si vede. Ci prova da fuori, cerca sempre la grande giocata ed il fulcro del gioco. La sua prestazione cala però con il passare dei minuti e decide di prendersela con l’arbitro. Si sveglia solo nel finale ma è troppo tardi. #Çalho

Suso 5: Pioli si iscrive alla lista di allenatori rossoneri degli ultimi anni che decidono di affidarsi allo Spagnolo. Lui non parte malissimo e si propone spesso sulla fascia. Kolarov fa anche fatica a contenerlo. Sembra però essere arrivato il momento di archiviare la sua classica giocata. #Prevedibile

Rafael Leão 5,5: Sempre molto attivo e propositivo, deve iniziare però ad essere più concreto sotto porta se vuole diventare grande. Nonostante in momento meriti più fiducia di Piątek, senza guardare ai numeri e alla carta d’identità, avrebbe bisogno di crescere con calma e senza pressioni. #Acerbo

Calabria 5: Entra ad inizio ripresa per cercare di correre ai ripari dopo le sofferenze di Conti sulla fascia destra. Sembra riscattare il pessimo inizio stagionale con l’assist per il pareggio rossonero ma il gol di Zaniolo nasce da un suo regalo. #CalaNO

Piątek SV: Entra a metà ripresa dopo l’ennesima panchina stagionale. Si è visto?

Bennacer SV: Da il cambio a Biglia, forse troppo tardi. Solo per la prestazione dell’argentino però e non per l’apporto che l’ex Empoli aggiunge alla partita.

Pioli 5,5: Prima trasferta sulla panchina del Milan dopo l’esordio in casa contro il Lecce. Decide di dare continuità alle sue scelte di formazione e l’approccio dei suoi non è male. Servono però concretezza in avanti e maggiore attenzione difensiva per fare punti. Un punto in due partite è troppo poco. #Daje

Tommaso Dimiddio

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Genoa-Milan 1-2: Giampaolo si salva (per ora)

Pagelle Genoa-Milan 1-2: Giampaolo si salva (per ora)

PAGELLE GENOA-MILAN 1-2 – Tra la contestazione da parte della Curva Sud e l’indisposizione di Donnarumma, la serata non promette niente di buono per i tifosi rossoneri. Il primo tempo è infatti lo specchio dell’inizio di stagione 2019/2020. Poco gioco, poca corsa, poca voglia. Poi i cambi e la svolta. La spensieratezza, la freschezza, la tecnica di Paquetà e Leão salvano la panchina a Giampaolo che se la vede veramente brutta nell’intervallo. L’espulsione di Biraschi sembra aiutare e non poco la formazione rossonera a difendere il vantaggio fino a quando Calabria cade nell’ennesima ingenuità e ristabilisce la parità numerica. Dopo la papera del primo tempo, Reina rimedia la sua prestazione parando il rigore di Schöne. Questa rosa ha un evidente problema mentale ormai da anni, servono leader d’esperienza in campo e forse un vero condottiero in panchina. Solo il tempo dirà se questi tre punti siano il più classico dei brodini per un malato destinato al peggio o se aiuteranno questo gruppo e, soprattutto, Giampaolo a svoltare definitivamente.

Reina 6: Chiamato a sostituire Donnarumma colpito da una crisi di vomito nel riscaldamento pre-partita, salva subito il risultato vincendo il duello con Lerager. Schöne è uno specialista ma è clamoroso l’errore sulla punizione che regala il vantaggio ai padroni di casa. Non sembra toccare Kouamè, neanche dopo mille replay. Si guadagna la sufficienza e si prende la sua personale vendetta quando ipnotizza l’ex Ajax dal dischetto. #Sale&Pepe

Calabria 5: Buona gamba nel primo tempo. Soffre però come il resto della retroguardia rossonera l’ampiezza e la velocità degli attacchi genoani. Si becca già la seconda espulsione della stagione, sinonimo di ingenuità ed inesperienza. Qualche passo indietro rispetto ad i netti miglioramenti dello scorso campionato. #ProfondoRosso

Duarte 6: Esordio da titolare con la maglia del Milan per il difensore brasiliano a causa della squalifica di Musacchio. Rischia di combinarla grossa dopo soli due minuti quando si perde Pinamonti nell’area piccola. Più attento e meno impacciato con il passare dei minuti. #Timido

Romagnoli 6: Soffre nel primo tempo la velocità di Kouamé. Si perde Romero che sfiora il raddoppio nel finale del primo tempo. Meno sicuro e più impreciso senza Musacchio al suo fianco, ha però il doppio compito di rendere meno complicato l’esordio di Duarte. La sua prestazione, come quella dei suoi compagni, cresce grazie al risultato. #Impreciso

Theo Hernández 6,5: Si perde Lerager che, per sua fortuna, non è abbastanza lucido a punire una retroguardia rossonera piuttosto allegra nelle battute iniziali del match. Dimostra sempre tanto coraggio e buona tecnica quando si affaccia in avanti. La stessa azione finita sul primo palo nel derby, questa volta regala il pareggio rossonero e la sua prima gioia italiana. #FrecciaRossoNera

Biglia 6: Primo tempo in affanno anche per il numero 20 rossonero. La sua esperienza si fa però sentire nel finale quando c’è da lottare e tenere stretto il risultato. Si dimostra uno dei pochi leader di questo gruppo, l’attaccamento alla maglia non manca mai. Guardare l’esultanza rabbiosa dopo il pareggio e il fischio finale per credere. #Garra

Kessié 6: Tanto spazio per lui e Calabria sulla fascia destra nel primo tempo. Non può però permettersi certe disattenzioni quando viene pressato ai ridossi dell’area rossonera. Inserendosi sempre a testa bassa pecca di egoismo e le sue conclusioni finiscono sempre sull’esterno della rete. Ha il merito di realizzare il rigore che cambia risultato e il destino di Giampaolo sulla panchina rossonera. #Ghiaccio

Çalhanoglu 5: Dopo i disastri della settimana scorsa, i Genoani sanno di poterlo pressare e spingerlo all’errore. Una mezzala deve fare entrambi le fase con coraggio, il numero 10 del Milan non può essere pigro e timoroso. Giampaolo rinuncia al turco tra il primo ed il secondo tempo. alhaNO

Suso 5,5: Come contro la Fiorentina, è il primo a impegnare il portiere avversario con una punizione dal limite. Qualche passo in avanti ma non merita la sufficienza questa sera. Troppo prevedibile e statico, visto anche lo spazio che si ritrova davanti nella seconda metà di gara. #Desaparecido

Bonaventura 6: A sorpresa ritorna in campo dall’inizio dopo quasi un anno di assenza. Paradossalmente sembra essere l’unico a dimostrare impegno e voglia di creare qualcosa. Fondamentale il suo ritorno per uscire da questo momento di crisi, dove la sua esperienza, la sua leadership e la sua serietà sono necessarie. #WelcomeJack

Piątek 5: Spesso isolato, Zapata non gli rende la vita facile. Ha disperatamente bisogno della profondità per rendere al meglio. Avrebbe sicuramente sognato e meritato un ritorno diverso nello stadio che lo ha fatto diventare grande. Le colpe sono sicuramente anche sue ma non è un caso che, prima o poi, tutti i numeri 9 del Milan hanno faticato negli ultimi anni. #SOS

Rafael Leão 6,5: Come Paquetá con Çalhanoğlu, lui entra e sembra fare tutto un altro lavoro rispetto al numero 9 polacco. Si guadagna il calcio di rigore poi trasformato da Kessiè grazie alla solita intraprendenza e spensieratezza. Lasciar partire, a malincuore, Patrick Cutrone per investire sul portoghese sembra rivelarsi la migliore mossa di mercato del duo Boban-Maldini. #Incontenibile

Paquetá 6,5: Sostituisce Çalhanoğlu nell’intervallo per cercare di fare tutto quello che non era riuscito al turco. Cambia la partita con la solita classe ed i soliti numeri da vero brasiliano. Ha la furbizia di cogliere la difesa avversaria impreparata nell’azione che porta al pareggio. Sfiora il goal del vantaggio subito dopo con una bella girata. Snaturarlo come con Piątek non porta a nulla. #Devastante

Conti SV: Entra al posto di Bonaventura dopo l’espulsione di Calabria per difendere il risultato nei minuti finali.

Giampaolo 6: La scelta di non indossare la divisa ufficiale di rappresentanza per poco non si rivela un pericoloso flash-forward. Ritorna ufficialmente al 4-3-3 di gattusiana memoria con Bonaventura esterno d’attacco. Lascia però in panchina una delle pochissime note positive di questo inizio stagione (Leão) e sconfessa definitivamente il suo credo tattico. L’ampiezza del Genoa mette a nudo tutte le difficoltà tattiche e fisiche dei rossoneri. Marassi si conferma però portafortuna per il Mister che grazie ai cambi ed al rigore parato da Reina salva il suo futuro alla guida del Milan. Ci sarà tanto da lavorare nella sosta. #NuovoInizio

Tommaso Dimiddio

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Milan-Fiorentina 1-3: crisi (rosso) nera

Pagelle Milan-Fiorentina 1-3: crisi (rosso) nera

PAGELLE MILAN-FIORENTINA 1-3 –  Serata da incubo per i rossoneri. Quando San Siro fischia tra il primo ed il secondo tempo non è mai una buona notizia. Aldilà della tattica, ci si chiede perché gli avversari del Milan sembrano sempre avere più gamba e più voglia. L’inferiorità numerica non può essere un alibi per Giampaolo quando già nel primo tempo la partita aveva preso una piega ben precisa. Rafael Leão è l’unico a salvarsi nella sofferenza rossonera, c’è da augurarsi che non si perda all’interno di un gruppo troppo debole mentalmente. Quattro sconfitte dopo sei partite non si vedevano dalla stagione 2012/2013 e dopo sei anni le cose non sembrano essere cambiate. I tifosi contestavano allora e i tifosi contestano oggi. Come uscirne? Massimiliano Allegri era sulla panchina rossonera in quella stagione, e in tanti si auguravano il suo esonero. Forse è il caso di riavvolgere il nastro.

PAGELLE

Donnarumma 6: Dopo soli 10 minuti di gioco, si salva in qualche modo sul tiro al volo ravvicinato di Chiesa.  Più con la tempia che con i guantoni. Vince il duello con Ribery ma, spiazzato, non può niente sul rigore perfetto di Pulgar. Si guadagna la sufficienza parando il rigore a Chiesa, confermandosi l’unico top di questa rosa. #ForeverAlone

Calabria 5: Dopo pochi minuti prova ripetere il tiro al volo di Verona senza però inquadrare la porta. Soffre la pressione ed il giro palla della squadra di Montella. Quando prova a spingere, non trova supporto e movimenti da parte dei suoi compagni. La sua faccia dice tanto di questo inizio di stagione. #Sconsolato

Musacchio 4,5: Si fa saltare come un birillo da Ribery nell’azione che porta al vantaggio viola. Completa la sua pessima prestazione facendosi espellere all’inizio della ripresa dopo un’intervento killer e senza senso sul numero 7 viola. #FuoriGiri

Romagnoli 5: Completa la coppia di birilli con Musacchio quando Ribery decide di fare quello che vuole sotto la Sud. Ci prova da fuori senza successo nel primo tempo, prendendosi i pochi applausi della serata. Protestare con l’arbitro non significa però essere in grado di guidare un gruppo visto che affonda insieme al resto della barca. #capitaNO.

Theo Hernández 5: Sembra cominciare bene con il solito appoggio alla manovra rossonera. Non riesce quasi mai a contenere Chiesa e le altre frecce viola però che mettono in evidenzia tue le difficoltà dell’ex madridista quando viene attaccato. #DaMigliorare

Bennacer 4,5: Perde troppi palloni sanguinosi per essere il regista del Milan. Ingenuo quando sgambetta prima Chiesa e poi Castrovilli nell’area piccola. San Siro non gli perdona qualche rallentamento di troppo e un paio di aperture sbagliate. #MenoBenne

Kessié 5: Il fatto che Bennacer e Çalhanoğlu facciano peggio di lui in fase di impostazione non lo assolvono da una partenza col freno a mano tirato. Non riesce questa volta a sfruttare la sua potenza fisica. Paga lui, non a caso il meno tecnico dei tre, il pessimo primo tempo del centrocampo rossonero e viene sostituito. #Sacrificato

Çalhanoglu 4,5: Pessimo inizio di partita, è sua la palla persa dalla quale nasce il rigore avversario che sblocca la partita. Questa volta la Viola non gli porta per niente bene. #InÇalho

Suso 4,5: Dopo una partenza sottotono, è il primo a testare i guantoni di Drągowski con il più classico dei suoi tiri a giro. Giampaolo si convince però a sostituirlo nella ripresa dopo aver passato tutta l’estate a difenderlo. Mancanza di offerte o equivoco tattico? La scelta di rinunciare al trequartista per riproporlo esterno non sembra pagare. Tanti fischi anche per lui. #Anonimo.

Rafael Leão 6,5: Solita intraprendenza, freschezza e prestanza fisica per il giovane portoghese. Il migliore del Milan insieme a Donnarumma. Segna un goal, bellissimo, da potenziale campione, regalando l’unico sorriso ai tifosi rossoneri. L’unico a salvarsi, l’unico in grado di saltare l’uomo. Si fa anche notare in fase di non possesso. #UnicaGioia

Piątek 5: Non ha la stessa fortuna di Leão a Torino quando, sul punto di colpire di testa, viene probabilmente atterrato da Cáceres in area di rigore. Gira tanto ma a vuoto. Quando Giampaolo lo sostituisce per rimediare all’espulsione di Musacchio, i fischi di San Siro non sono forse solo per il Mister. #Irriconoscibile

Krunić SV: Esordio ufficiale in maglia rossonera per il centrocampista Bosniaco. Niente da  dichiarare, rischia però di infortunarsi cadendo male sulla spalla.

Duarte SV: Anche lui, come Krunić, non poteva augurarsi un momento peggiore per esordire a San Siro con la maglia del Milan. Entra quasi a freddo.

Giampaolo 4,5: Altra pessima prestazione da parte dei suoi. Non si capisce se sia più un problema tattico o di testa. In ogni caso è suo compito correre ai ripari al più presto. Qualche fischio al momento della lettura delle formazioni e altri quando toglie Piątek dal campo. Pazienza finita? #UltimaSpiaggia

Tommaso Dimiddio

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Torino-Milan 2-1: tante ombre, poche luci

Pagelle Torino-Milan 2-1: tante ombre, poche luci

PAGELLE TORINO-MILAN 2-1 – Dopo la sconfitta nel derby, dal Milan ci si attendeva una risposta che è arrivata, parzialmente, ma per solo un tempo

Dopo un derby perso, rialzarsi è difficile quanto necessario. Torino e Milan arrivavano entrambe da una sconfitta. Arrabbiate entrambi, con un Mazzarri furioso nella conferenza di mercoledì. La vittoria rossonera a Torino manca dal 2012, sette anni, troppi se ti chiami Milan. Giampaolo sceglie di cambiare. Fuori Biglia e Rodriguez, due dei peggiori nel derby, dentro i due acquisti estivi Bennacer e Theo Hernandez e tifosi accontentati. Il primo tempo il Milan sforna la miglior performance di inizio stagione. Buon ritmo, la squadra gira e i singoli sembrano in fiducia. Poi arriva il secondo tempo e parte il blackout. Il Torino sembra più determinato fin da subito, Piatek sbaglia lo 0-2, Guida non fischia un dubbio contatto su Calhanoglu e il Torino pareggia sul ribaltamento dell’azione. Successivamente il Milan si spegne e il Torino raddoppia. Inutile il forcing finale. Poirot diceva che tre indizi fanno una prova. Le partite in cui il Milan non segna su azione sono 4 su 5. Situazione preoccupante, a cui si aggiunge il crollo delle certezze difensive. Qualche passo avanti, altri indietro. Fondamentale, però, confermare la fiducia a Giampaolo, come detto da Paolo Maldini nel pre-partita.

Donnarumma 5,5: Forse la peggior prestazione da inizio stagione. Un’uscita scellerata a fine primo e non perfetto sul pareggio di Belotti. A volte, però, sembra che in molti si dimentichino che Gianluigi Donnarumma sia nato nel 1999. È a livelli altissimi da almeno due anni e sta ancora crescendo. Sembra anche il più emotivamente coinvolto, oltre che l’unico campione. Dev’essere il futuro di questa squadra. Gradito il rinnovo con fascia omaggio. #Soragazzi

Calabria 5: Riprende la fascia dopo la prestazione di Conti nel derby. Soffre e non poco Ola Aina, che lo salta a più riprese. Male anche nei raddoppi, poco aiuto ai centrali. In fase di spinta, alterna buoni cross e sovrapposizioni a giocate poco lucide. #Siripresenti

Musacchio 5,5: Anche per lui, come per Gigio, forse la peggior prova di inizio campionato. Belotti è un cliente molto difficile e lui ha difficoltà a tenerlo, soprattutto quando abbassa la testa. Poco aiutato da Calabria. Si prega di rivedere quello delle scorse partite #Ritornoalfuturo

Romagnoli 6: Per gran parte della partita, tiene da solo in piedi la difesa. Svetta sui palloni alti e anticipa bene il duo Belotti-Zaza. Poi lo strapotere del capitano granata travolge anche lui. Luci e ombre, rispecchia la squadra. #Migliorabile

Theo Hernandez 6,5: Debutto dall’inizio in campionato. Ottimo primo tempo, buoni uno-due con Leao e sicuro in fase difensiva. Giampaolo si arrabbia per qualche palla indietro di troppo, ma rispetto a Rodriguez rischia molto meno. Anche nel secondo tempo, la sua fascia è quella su cui si rischia meno. #Lucenelbuio

Kessie 5,5: commette errori banali e sulla sua valutazione pesa tantissimo il gol inspiegabilmente sbagliato nel finale. Peccato, nel complesso uno dei migliori e costanti tra le fila rossonere nell’arco dei 90′ #Profondorosso

Bennacer 6: Prende il posto di Biglia dopo la brutta prestazione nel derby dell’argentino. Ammonito quasi subito, Mazzarri gli regala una marcatura a uomo asfissiante. Prova e proporsi e quando ha il pallone lo smista bene. Molta sicurezza, forse troppa. #Crediamoci

Calhanoglu 5,5: Quando la squadra gira, gira anche lui. Quando la squadra si spegne, è il primo ad andare in difficoltà. Rispetto agli altri, almeno ci prova, però spesso gli va male. Serve più velocità di gioco. Perde la palla dell’1-1, ma il fallo su di lui appare netto. #Arbitro!

Suso 5: Altra prova poco comprensibile. Perde tanti, troppi palloni e spesso rallenta la manovra. Rispetto al passato non gli riesce nessuna delle sue giocate. O Giampaolo cambia sistema, o Jesus deve cambiare radicalmente se stesso. #Change

Piatek 6-: Il rigore è perfetto. Il resto della partita è tanto lavoro e tanto fisico contro una difesa che non gli lascia mezzo metro. Errore e sfortuna sul possibile 2-0, che si mangia ad inizio ripresa. 6 di fiducia, rispetto alle scorse partite c’è più coinvolgimento, ora aspettiamo il cinismo #Teprego

Leao 6,5: Altra prova convincente dopo il derby. Si guadagna il rigore, si allarga, si propone, mette palloni in mezzo. Non fa la prima punta, ma lo fa benissimo. Probabilmente la nota lieta delle ultime due partite. #Leaone

Bonaventura 5,5: Entra e dopo poco il Milan subisce il pareggio, non per colpa sua. Mancava da undici mesi e il suo ritorno è un’ottima notizia. Ancora poco lucido e un po’ fuori dal gioco, ma era preventibabile. Potrà essere fondamentale per il futuro con la sua duttilità e tecnica #Welcomeback

Rebic SV.

Giampaolo 5,5: 5,5 è il voto medio della squadra e se lo becca anche lui. Buon primo tempo, probabilmente il migliore di inizio stagione. Imperdonabile, però, che il Milan si spenga ad inizio ripresa e crolli dopo il gol. La difesa torna a subire gol e l’attacco continua a non segnare, ma il problema sembra anche mentale oltre che tattico #Keepcalm

Reina 9: È vero, non si protesta. E chi scrive queste pagelle è ex-arbitro. Ma questa grinta, questa rabbia, questo attaccamento è fondamentale per ripartire #AntonioContedenoantri

Federico Rosa

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Milan-Inter 0-2: sconfitta tra sfortune e ombre

Pagelle Milan-Inter 0-2: sconfitta tra sfortune e ombre

PAGELLE MILAN-INTER 0-2 –  Che il Milan fosse sfavorito per questo derby, era cosa nota. Si tratta, perciò, di sconfitta annunciata, quanto meritata. “I derby non si giocano. I derby si vincono”, recita un vecchio adagio, banale quanto vero. Il problema, però, sta nel fatto che i rossoneri il derby non hanno nemmeno provato a giocarlo. Giampaolo continua a mantenere la promessa di non arretrare di un millimetro e continua con il 4-3-1-2 con Suso alle spalle di Piatek e Leao. La partita è quasi a senso unico, targata nerazzuro dal 1’ al 95’, con solamente 10 minuti a fine primo di buon Milan, che prova ad uscire, mettendo in difficoltà l’Inter. L’Inter la sblocca ad inizio ripresa grazie ad una sfortunata deviazione di Leao su tiro di Brozovic e la chiude al 78’ con gol di Lukaku. Un brutto Milan, con molti giocatori che sembrano ancora corpi estranei alla dinamica di squadra. Ci vorrà tempo. Giampaolo è stato preso per essere l’uomo in più e dev’essergli concessa la piena possibilità di diventarlo, però la luce in fondo al tunnel, al momento, sembra molto lontana.

Donnarumma 7: Se il primo tempo finisce 0-0, gran parte del merito è suo. Due ottime parate tengono a galla un Milan in affanno. Non può nulla su nessuno dei gol. Si conferma il vero campione della squadra, l’unico che avrebbe possibilità di giocare nel Milan del passato, il primo nome da cui ripartire. #Sicurezza

Conti 6: Ottimo primo tempo. Spinge molto bene in avanti, ha buoni tempi di gioco negli scambi coi compagni e dà sicurezza in difesa. Inizia il secondo tempo regalando la punizione dell’1-0 e da quel momento cala. Ha da tenere tre clienti difficili come Sensi, Lautaro e Asamoah. In complesso, un buon esordio. #Fiducia

Musacchio 6: Pochi errori e buona personalità. Tiene bene Lautaro a fasi alterne. Rispetto all’anno scorso, però, dà molta più sicurezza. Perde un po’ di brillantezza rispetto alle ultime ottime uscite, ma forse è colpa del reparto. O del ritorno ai vecchi, banali, capelli neri. #Rifamoselatinta

Romagnoli 5,5: Sul secondo gol si perde Lukaku a un metro dalla porta. Errore grave. Per il resto, poche ombre e pochissime luci. I due attaccanti dell’Inter lo fanno impazzire e lo saltano spesso. Un passo indietro nelle ultime uscite. Al Milan manca anche un po’ di grinta e lui, che ne è capitano, sembra esserne il simbolo. #Grrromagnoli

Rodriguez 4,5: Primo tempo da horror. Prima rischia con un retropassaggio scellerato, poi si perde D’Ambrosio che piglia il palo e Lautaro che insacca, per fortuna dopo un precedente offside. Esce a metà ripresa, dopo molti errori e zero spinta offensiva. Non ci siamo. E Theo spinge #ProfondoRodriguez

Kessie 5,5: Emblema della partita anonima. Pochissima spinta, qualche pallone di troppo perso e tanta flemma. Non certo l’atteggiamento da augurarsi nel derby. Fa una buona sostanza, ma manca spesso di lucidità. Il suo reparto è quello che meno sembra compatto e lui ci mette del suo. #Kessial’ultimavolta

Biglia 5: Il motivo per cui Giampaolo lo preferisca a Bennacer, non è ancora molto chiaro. Probabilmente incide il fatto che sia uno “dei vecchi” e quindi conosca meglio ambiente e allenatore. Però, questa sera rappresenta a pieno le difficoltà e la lentezza del Milan in fase di costruzione. Tra palloni all’indietro e giocate banali, il cervello del Milan è lontano anni luce da quello che ci si aspetta. #Allertafosforo

Calhanoglu 6: Trova il gol, che gli viene annullato per un dubbio fallo di mano di Kessie. A centrocampo sembra quello più in partita. Per lo meno prova la giocata o l’inserimento. Da rivedere la lucidità in alcune scelte, ma conferma di essere uno dei pochissimi ad aver fatto intravedere qualcosa di buono in questo inizio stagione. #Stepbystep

Suso 5,5: inizia il match da trequartista centrale e si rende protagonista di un “coast to coast” che avrebbe meritato miglior sorte. Cala d’intensità nella ripresa riprendendosi la sua mattonella ed accendendo la luce a fasi alterne. #Intermittenza

Leao 6: Parte a sorpresa e a sorpresa è uno dei meno peggio. Salta più volte l’uomo e regala profondità e ossigeno alla squadra. Cala con il passare dei minuti, ma vista la serata negativa, può esserne la nota positiva. Prova a vincerla lottando. E già è qualcosa. #Sperem

Piatek 5,5: Cercato poco, si fa vedere ancora meno. Prova a lottare su parecchi palloni, ma l’intesa con Suso è pari a zero. Si trova praticamente solo contro i tre centrali dell’Inter. Una mission impossible che perde senza sorpresa. Ora serve guardare al futuro. Aiutare e, soprattutto, aiutarsi. #Ritornoalfuturo

Paquetà 4,5: Entra e sparisce. Si nota solo per qualche futile giocata. Per le prossime partite, prendere il Paquetà di stasera e fare tutto l’opposto. Dovrebbe dare fantasia e imprevedibilità, ma finisce per essere il fantasma dell’opera nerazzurra. #BrasiliaNO

Theo 6,5: Entra al posto di un pessimo Rodriguez e crea più azioni lui da solo in 20 minuti che tutta la squadra in 90. Ottimo in fase offensiva, attento dietro. Dalla prossima, titolare fisso per favore #Cambio

Rebic SV

Giampaolo 5: Sceglie di continuare a non arretrare di un millimetro nelle idee. Probabilmente fa bene, ma da Brescia le prestazioni stanno arretrando parecchio. E non è che fossero chissà cosa. Bisogna dargli tempo e fiducia, perciò proibiti allarmismi e futili contestazioni. Ma la squadra ha bisogno di fare progressi, soprattutto caratteriali e di gioco, per avere e dare fiducia. Se i risultati non arrivano, bisognerà quantomeno intravedere qualcosa nel gioco. #Daje

Federico Rosa

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Verona-Milan 0-1: vittoria e basta

Pagelle Verona-Milan 0-1: vittoria e basta

PAGELLE VERONA-MILAN 0-1 – Per la seconda partita consecutiva il Milan vince. Per la seconda partita consecutiva il Milan vince 1-0. Per la seconda partita consecutiva il Milan purtroppo non convince. La prestazione dei ragazzi di Giampaolo al Bentegodi di Verona è ancora più deludente di quella all’esordio in casa contro il Brescia. Ancora una volta gli attacchi rossoneri si dimostrano sterili e prevedibili, incapaci di sfruttare 70 minuti in superiorità numerica. La lista dei brutti primi tempi negli ultimi anni si arricchisce questa sera di una nuova puntata, i miglioramenti tanto sperati ancora non si vedono. Se il finale contro la squadra di Corini aveva fatto intuire qualcosa di buono, questa sera c’è poco da stare sereni. I padroni di casa sfiorano il pareggio nell’ultima azione della gara e Calabria dovrà saltare il derby della prossima settimana. Anche se solo su rigore, e a margine di una prestazione ancora una volta poco brillante, finalmente Piątek si sblocca e il VAR gli nega addirittura la doppietta. Sarà una settimana lunghissima prima della sfida all’Inter ma almeno non si parlerà della maledizione della maglia numero 9.

PAGELLE:

 Donnarumma 6,5: Tiene a galla il Milan con un doppio intervento nel primo tempo. Conferma il suo ottimo inizio di stagione e forse riesce addirittura a sfiorare il tiro di Verre che si stampa sul palo. Sembra migliorato sotto tutti i punti di vista, sarebbe cosa buona e giusta non rovinare la stagione della sua consacrazione con un nuovo caso attorno al suo rinnovo del contratto. #Veterano

Calabria 5,5: Non fa una brutta partita, anzi nel finale sembra trovarsi un po’ in mezzo all’affanno generale del reparto difensivo quando l’arbitro decide di fargli saltare la partita più sentita dell’anno. Mezzo voto in meno per il cartellino rosso. Colpisce anche un palo con un bel tiro al volo da fuori area. #Sfortunato

Musacchio 6,5: Impeccabile questa sera. Non sbaglia praticamente niente e conferma le parole di elogio da parte di Giampaolo nel corso della conferenza stampa pre-partita. Non solo leadership però, interventi sempre precisi e ruvidi quando serve. #ATestaAlta

Romagnoli 6: Soffre più gli attacchi di Verre che quegli degli altri Veronesi. Ci si poteva aspettare un controllo migliore nel finale della partita da un capitano come lui. Prestazione comunque sufficiente, in attesa di confrontarsi con Lukaku settimana prossima. #Sufficiente

Rodriguez 5,5: Forse il peggiore del Milan vittorioso a Verona questa sera. Se continua così, dovrà presto accomodarsi in panchina per fare spazio a Theo Hernández. Sia chiaro, non è il solo ad incappare in una serata storta però dimostra di dover lavorare tanto sui passaggi a tutto campo, specie quando costretto a farli con il destro. #SoloSinistro

Biglia 5,5: Tocca tanti palloni, ma si fa notare poco nell’arco dei 90 minuti. Considerati i risultati dei suoi compagni di squadra, non necessariamente una brutta cosa questa sera. Meno propositivo ed intraprendente rispetto a Bennacer, ma la sua esperienza poteva e doveva dare un maggiore contributo nel finale affannato. #SiPuòFareDiPiù

Kessie 5,5: Tra lui e Çalhanoğlu è palese la scelta sbagliata dei tacchetti. Il terreno di gioco non è dei migliori ma lo si vede più per terra che ad inserirsi come suo solito. Quando manca la qualità di gioco, i giocatori di maggiore quantità vanno spesso in confusione. Servirà tutta sua energia contro il centrocampo dell’Inter, sperando nel terreno di San Siro. #SugliSci

Çalhanoğlu 6: Non si può parlare di prestazione positiva da parte del fantasista Turco. Ha il merito però di procurarsi il rigore che decide la partita e per poco non incide anche sul raddoppio rossonero, poi annullato per fallo di Piątek sul portiere avversario. C’è tanto Çalha nei 6 punti ottenuti fino a questo momento. #Decisivo

Suso 5,5: Questa volta non basta essere tornato nella sua posizione naturale. Viene costantemente raddoppiato a turno dai giocatori dell’Hellas e il suo sinistro non sembra essere in serata di grazia. Torna prevedibile e marcabile. Si sarà risparmiato in vista del derby? Giampaolo ed i milanisti sperano proprio sia così. #SuGiù

Piątek 6+: Non c’è nessuna maledizione, si può segnare anche indossando la maglia (sacra) numero 9. Certo, la rincorsa prima del rigore deve aver fatto sudare freddo lui e non solo. Non gli avessero annullato il raddoppio, avrebbe probabilmente meritato un voto più alto. Il problema principale semmai è la prestazione personale. Spesso spaesato e a disagio. #KP9

Paquetà 5,5: Inconcludente come del resto tutti i suoi compagni nel primo tempo, viene sostituito nell’intervallo per fare spazio all’esordio di Rebić. Con il derby alle porte, è molto probabile che la scelta di Giampaolo sia stata dettata più dall’ammonizione che dall’opacità della sua prestazione. Altrimenti chissà quanti altri avrebbero meritato il cambio dopo la prima frazione di gioco… Anche perché dà sempre l’impressione di essere uno dei pochi ispirati e capaci di saltare l’uomo nel reparto offensivo. #Saudade

Ante Rebić 6-: I primi due palloni sbagliati non fanno ben sperare, ma sanno più di rodaggio che altro. Rappresenta la conferma ufficiale del ritorno al caro e vecchio 4-3-3. Solo che lui sa come andare sul fondo a differenza dei tanti esperimenti poco riusciti degli ultimi anni, lo devono infatti fermare con le cattive. C’è ovviamente da lavorare sull’intesa con i compagni, ma può essere una bella sorpresa per la stagione rossonera. #Novità

Giampaolo 6: Seconda vittoria di fila, ma ancora una volta il risultato è l’unica cosa che lo può rendere soddisfatto alla fine di una partita spenta da parte dei suoi. Non sembra essere cambiato molto rispetto all’anno scorso. La vittoria aiuterà ad affrontare la settimana pre-derby più serenamente ma la sfida contro Conte sembra già essere un importante banco di prova per il Mister se vuole confermarsi ad altissimi livelli. #UnderPressure

Tommaso Dimiddio

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Udinese-Milan 1-0: Rodrigo Becao condanna i rossoneri alla sconfitta

Pagelle Udinese-Milan 1-0: Rodrigo Becao condanna i rossoneri alla sconfitta

UDINESE-MILAN 1-0 – Inizia come peggio non potrebbe il campionato del Milan, con una sconfitta esterna per 1-0 sul campo dell’Udinese. A decidere il match, l’inzuccata di testa di Rodrigo Becao al minuto 72′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da De Paul. Tra le fila rossonere sono in pochi a salvarsi: sicuramente Donnarumma e probabilmente Castillejo per le numerose iniziative offensive delle quali si è reso protagonista. Prestazione ben al di sotto della sufficienza per i terzini Calabria e Rodriguez.

UDINESE-MILAN 1-0 – Le pagelle della nostra redazione:

Donnarumma 7-: incolpevole sul goal subito. La sua è una prestazione di ordinaria amministrazione impreziosita da un bellissimo colpo di reni su conclusione ravvicinata di Lasagna. Il “-” è un per un’uscita di testa fuori area molto avventata. #MiFidoDiTe

Calabria 4: partita in totale sofferenza per il terzino destro rossonero. Una serie di appoggi imprecisi e sovrapposizioni mancate dal primo all’ultimo minuto di gioco. #CorpoEstraneo

Musacchio 6+: la sua prestazione sale notevolmente di livello nella ripresa. Il centrale argentino è infatti uno dei pochi in campo a suonare la carica alzando il baricentro della squadra. Qualche imprecisione di troppo invece ad inizio gara #Diesel

Romagnoli 6: fornisce la prestazione opposta in relazione al proprio compagno di reparto. Nei primi 45′ si dimostra solido ed affidabile, così non è invece nella ripresa dove appare spesso in affanno davanti al pressing offensivo degli avversari. #CapitaCapitano

Rodriguez 4+: pronti via si rende subito protagonista di una sfilza di errori che per fortuna non costano caro alla retroguardia rossonera. Nella ripresa appare più sul pezzo (ma di pochissimo), ma ha il grande demerito di non accompagnare mai le azioni offensive dei propri compagni. #RimandatoASettembre

Calhanoglu 5,5: difficile analizzare la prestazione del nazionale turco. Qualcosa di buono in regime di impostazione è stato fatto ma Hakan mostra di avere gli stessi limiti dell’anno scorso: difetta sempre nella scelta dell’ultimo passaggio e nel passaggio stesso a prescindere dal ruolo nel quale viene impiegato. #Adattato 

Paquetà 6: stupisce il fatto che la sua prestazione dal punto di vista difensivo sia stata nettamente sopra la sufficienza, lo stesso però non si può assolutamente dire per i compiti offensivi che avrebbe dovuto svolgere il nazionale verdeoro. #QuantitàENonQualità (dal 70′ Bennacer 6: entra con personalità facendosi consegnare subito un pallone complicato a ridosso della propria area di rigore, la sua partita fondamentalmente inizia e finisce lì). #Personlità

Borini 5: è uno dei pochi a tentare la conclusione verso la porta avversaria ma ovviamente non basta: soliti limiti tecnici al quale si aggiungono (stranamente) anche quelli fisici col passare dei minuti. #Sfiatato (dal 6o’ Kessié 5: perde la marcatura su Rodrigo Becao in occasione del goal che decide la partita. Troppo confusionario in entrambe le fasi di gioco. #Disattento

Suso 5,5: rispetta le consegne tattiche, tranne durante l’assalto finale nel quale lo schema del Milan ritorna ad essere “Palla a te e pensaci tu“. Crea poco per sé e per i propri compagni ma in campo c’è sicuramente chi ha fatto peggio. #VorreiMaNonPosso

Castillejo 6,5: a sorpresa, come dichiarato da Mister Giampaolo a fine gara, dei 3 giocatori offensivi è quello che sembra essersi calato meglio all’interno delle dinamiche del 4-3-1-2. Per lui un paio di spunti degni di nota e un movimento continuo lungo tutto il fronte offensivo. #Funzionale (dal 75′ Leao s.v.)

Piatek 4,5: A garantirgli un’insufficienza meno pesante sono un paio di palloni addomesticati a centrocampo che permettono alla squadra di alzare ritmo e baricentro. A condannarlo, una gara incolore sotto ogni punto di vista. La scusa del “Non gli arrivano i palloni” inizia a stufare. #FuoriContesto

Giampaolo 4,5: squadra imballata, priva di fiato e senza alcuna idea propositiva. Cambi abbondantemente ritardati e dichiarazioni post gara che potrebbero creare qualche problema all’interno dello spogliatoio. Di positivo nel suo esordio ufficiale sulla panchina rossonera, non c’è nulla. Passerà al 4-3-3? #Amleto

Donato Boccadifuoco

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Milan-Frosinone 2-0: Piatek e Suso per 3 punti pesanti

Pagelle Milan-Frosinone 2-0: Piatek e Suso per 3 punti pesanti

PAGELLE MILAN-FROSINONE 2-0 – Il Milan fa il proprio dovere battendo il Frosinone per 2-0: a decidere la sfida una zampata di Piatek al 57′ e un arcobaleno su punizione di Suso al 66′. Tra gli eroi di serata anche Gianluigi Donnarumma che sullo 0-0 para un rigore a Trotta. Prestazioni sottotono invece per Rodriguez e Kessié.

PAGELLE MILAN-FROSINONE 2-0 – I voti della nostra redazione:

Donnarumma 7,5 – Guanti immacolati nel primo tempo, li “sporca” solo per battere una rimessa laterale. Nella ripresa sale in cattedra: si distende sulla propria destra neutralizzando il rigore di Trotta e compie un super parata su Valzania nel finale di gara. #Spartiacque

Abate 6 – La sua ultima partita a San Siro non verrà ricordata per una super prestazione ma per tanta corsa, alcune interessanti sovrapposizioni offensive ed il rigore causato che fortunatamente (per lui e per tutti) non incide sul risultato finale. Bellissimi gli applausi del pubblico al momento della sua uscita #BuonaFortunaIgna (dall’84 Conti s.v.)

Musacchio 6+ – Sicuro e misurato negli interventi nelle poche volte in cui viene impensierito dagli attacchi diretti avversari. #OrdineEDisciplina

Romagnoli 6+ – Inizia il match mostrando grandissima sicurezza nei disimpegni e sui palloni alti. Col passare dei minuti porta a casa una prestazione sufficiente senza particolari lodi. #InCarrozza

Rodriguez  5 – Brutta prestazione per il terzino svizzero. Insicuro in fase difensiva e troppo poco propositivo in avanti. Peggio del solito anche in fase di impostazione. #Bocciato

Bakayoko 6- – Prestazione senza infamia e senza lode. Se il Milan del primo tempo fa fatica a costruire gioco è anche per le mancate giocate immediate del centrocampista francese. #PiccoloTrotto (Dal 51′ Cutrone 6- – Migliora indirettamente l’assetto tattico della propria squadra lottando su ogni pallone e permettendo a Piatek di liberarsi delle asfissianti marcature che l’hanno afflitto per tutta la gara. Quasi nullo però il suo apporto nei 16 metri avversari #ArmaTatticaMaNonLetale)

Kessiè 5,5 – Rispetto ad altre gare la sua prestazione non migliora con il passare dei minuti. Protagonista di un paio di palloni pericolosi persi nella propria trequarti e di convincenti inserimenti offensivi. #Distratto

Calhanoglu 7 – Ha il “demerito” di non partecipare attivamente a nessuna delle azioni salienti del match ma la sua prestazione è decisamente positiva. Gioca una quantità notevole di palloni e svaria lungo il fronte offensivo offrendo sempre il giusto sostegno ai propri compagni. Ottima anche la sua interpretazione del ruolo di regista basso nella ripresa. #Factotum

Suso 7,5 – Dalla sua, la bellissima punizione che sigilla il risultato e una grande quantità di spunti individuali e palloni forniti ai propri compagni di squadra. Tecnicamente è forse una delle sue migliori partite della stagione. #Pittore

Borini 6 – La sua prestazione complessiva è abbondantemente sopra la sufficienza ma sul giudizio non possono non pesare le due reti fallite sullo 0-0 ad inizio ripresa: una di piedi (clamorosa) e una di testa. #DueVolti

Piatek 6 – Nei primi 45′ sbaglia praticamente tutto: movimenti, appoggi e conclusioni. Nella ripresa ha il merito di restare in partita e piazzare la zampata che, di fatto, decide la gara. #1Su1000 (dall’81’ Castillejo s.v.)

Gattuso 6,5 – Vede la squadra in difficoltà all’intervallo e studia le giuste contromisure. L’ingresso di Cutrone regala infatti più soluzioni offensive, poi gestisce le altre due sostituzioni regalando ad Abate il giusto applauso dei 60000 di San Siro. #Bravino(cit.)

PAGELLE MILAN-FROSINONE 2-0 – I voti dei tifosi:

Donnarumma 8;

Abate 6, Musacchio 6, Romagnoli 6, Rodriguez 5;

Bakayoko 5, Kessiè 5, Calhanoglu 6,5;

Suso 7, Borini 6, Piatek 6;

Gattuso 6,5

Donato Boccadifuoco

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian