Tag Archives

257 Articles

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Brescia-Milan 0-1: Re Mida Rebić e Top Gigio. Si rivede l’Europa.

Pagelle Brescia-Milan 0-1: Re Mida Rebić e Top Gigio. Si rivede l’Europa.

PAGELLE BRESCIA-MILAN 0-1 – Dopo la pazza vittoria di domenica scorsa con l’Udinese, prestazione deludente dei rossoneri a Brescia. Sesto primo tempo consecutivo chiuso senza segnare in campionato. Approccio sbagliato o difficoltà nel preparare le partite tatticamente? Nel secondo tempo la situazione non migliora ma ci pensa ancora Rebić a decidere la partita. Risolto il problema goal adesso c’è da trovare l’equilibrio perduto. Finalmente un pò di fortuna dopo un girone d’andata nero sotto tutti i punti di vista. Con il Torino in Coppa Italia servirà però tutta un’altra squadra per superare il turno.

PAGELLE

Donnarumma 7,5: Salva nel primo tempo sul colpo di testa di Ayé e nella ripresa sull’inserimento di Rômulo. Sono molte di più però le parate che tengono il Milan in partita soprattutto nel secondo tempo. Grazie Gigio. #SalvatoreDellaPorta

Conti 5,5: Si fa ammonire nel primo tempo come quasi tutti i suoi compagni di reparto. Va in affanno su ogni attacco bresciano, non è l’unico ma questo non lo assolve. Tira fuori gli artigli nel finale. #AnimoAndrea

Kjær 5,5: A sorpresa, manda ancora Musacchio in panchina. Ammonito dopo neanche un minuto di gioco, rischia l’espulsione per tutti i restanti minuti di partita. Tiene la posizione. #ARischio

Romagnoli 6+: Partita tosta e aggressiva del capitano. Forse il migliore dei quattro dietro. Avrebbe bisogno di una maggiore copertura da parte di tutti. Così rischia di andare sempre in affanno. #Help

Theo Hernández 5,5: Non una grande serata per Theo. Fa fatica a sfondare negli spazzi stretti. Ci aggiunge anche qualche controllo e appoggio inpreciso. Traversa nel finale, quasi in tempo per migliorare il suo voto. #TrenoInRitardo

Bennacer 6: Le sue serpentine sono ormai una piacevole abitudine quando c’è da mettere ordine in mezzo al campo. Va bene il coraggio ma si prega cortesemente di non esagerare. Altra ammonizione, salta la prossima. #Slalom

Kessié 5: Subito pericoloso dopo trenta secondi di gioco grazie al suggerimento di Ibra. Non lo si vede più se non per le classiche palle perse che fanno arrabbiare i tifosi. #ChiL’haVisto?

Castillejo 5: Matějů gli si attacca addosso e non lo fa respirare. Passo indietro dopo una serie di prestazioni positive. Gli annullano la rete che avrebbe chiuso la partita per il fuorigioco di Ibra. #Abajo

Çalhanoğlu 5: Si riprende la maglia titolare dopo un piccolo l’infortunio e la prova incolore di Bonaventura contro l’Udinese. Prestazione pigra e svogliata del numero 10 rossonero. Sfiora la rete con una conclusione da fuori. #çalhaNOğlu

Ibrahimović 6:  Si divora incredibilmente il goal che avrebbe sbloccato la partita nel primo tempo. Soffre il duello tra pesi massimi con Chancellor. Forse la peggiore prestazione da quando è tornato, entra però nell’azione del goal che decide la partita. #RiposoDelGuerriero

Rafael Leão 5: Partita molle da parte del giovane portoghese. Non è serata da colpi ad effetto. Cerca sempre di servire Ibra quando accellera sulla fascia. C’è ancora tanto da lavorare, il processo di crescita passa anche da queste partite. #Gattino

Rebić 7: Entra per dare la scossa come contro l’Udinese. Momento d’oro per il croato che sblocca ancora una partita difficile. Ci mette anche corsa e tanta voglia. Maglia da titolare in vista? #ReMida

Krunić SV: Pioli si affida sempre a lui quando c’è da mettere energie fresche a centrocampo.

Pioli 6: Trovare continuità di prestazioni e risultati nel bel mezzo del mercato di Gennaio non è mai facile. Infatti anche oggi i suoi fanno fatica ad entrare in partita. Prestazione opaca e vittoria arrivata quasi per caso. La classifica adesso comincia a sorridere però e ha il merito di scegliere ancora una volta Rebić. #Stefortunato

Tommaso Dimiddio

Posted by Redazione Rossonera on

Brescia-Milan, il focus sui nostri avversari della prossima giornata

Brescia-Milan, il focus sui nostri avversari della prossima giornata

BRESCIA-MILAN – Dopo la la spettacolare rimonta con l’Udinese il Milan si prepara ad incontrare una squadra che si trova in fondo alla classifica, ma non per questo meno temibile. Andiamo a scoprirla meglio.

Ultimo precedente

L’ultimo precedente del Milan in casa del Brescia risale al al 23 aprile 2011 e terminò 1 a 0 con gol di Robinho.

Precedenti famosi

Tra i precedenti più ricordati dai milanisti c’è senza dubbio l’ultimo, risalente al 2011. Con i tre punti conquistati al Rigamonti grazie alla rete di Robinho il Milan si avvicinò ulteriormente allo scudetto, conquistato poi a Roma due settimane più tardi.

Ultime gare del Brescia

Il Brescia è attualmente penultimo in serie A ma è reduce da un buon pareggio contro il Cagliari.

Ultime gare del Milan

Il Milan arriva allo scontro lanciato dopo la vittoria all’ultimo con l’Udinese ma ancora in cerca di conferme.

Curiosità sugli avversari

Il Brescia, la cui tifoseria è gemellata da 20 anni con quella del Milan, è stata una delle prime squadre italiane ad organizzare una tournée oltreoceano. Era il 1928 e la squadra lombarda volò in America dove giocò 10 partite ottenendo sei vittorie e quattro sconfitte. Per fare questo chiese in prestito luci giocatori ad altre squadre italiane. L’esperienza si rivelò azzeccata economicamente visto che portò nelle casse bresciane 30000 dollari, all’epoca una cifra molto importante.

Allenatore avversario

Eugenio Corini, tornato alla guida delle Rondinelle dopo la parentesi Grosso, ha un bilancio decisamente negativo contro il Milan: 5 incroci, 5 sconfitte. Non va meglio contro Stefano Pioli. Nell’unica partita che ha visto i due tecnici contro l’ha spuntata Pioli. Era il gennaio del 2017 e l’Inter di Pioli vinse 1 a 0 in casa del Palermo allenato da Corini.

Storico arbitro con le due squadre

A dirigere la sfida sarà Paolo Valeri. Il fischietto Roma ha diretto 27 volte il Milan, con i rossoneri che hanno vinto 16 volte, pareggiato quattro volte e perso sette volte. Sono sei invece i precedenti del Brescia con Valeri, tra Serie A, Serie B e Coppa Italia. Le Rondinelle che hanno vinto tre volte, pareggiato una volta e perso due volte.

A fianco dell’arbitro romano ci saranno gli assistenti Bindoni e Prenna, il quarto uomo Giua, il Var Di Bello e l’assistente Var Longo.

Ex e doppi ex

L’ex più atteso, ovvero Mario Balotelli, non ci sarà dopo l’espulsione nell’ultima partita contro il Cagliari. Supermario, cresciuto a Brescia, ha giocato nel Milan dal gennaio 2013 all’agosto 2014 e poi ha vestito nuovamente rossonero dall’agosto 2015 al giugno 2016. Gioco con il Brescia dallo scorso agosto.

Un ex che tutti ricordano con grande affetto è senza dubbio Roberto Baggio, al Milan dal 1995 al 1997 e al Brescia dal 2000 al 2004.

Giulia Galliano Sacchetto

Posted by Redazione Rossonera on

Carrasco, Milan: ciò che poteva essere non è stato…ma forse sarà

Carrasco, Milan: ciò che poteva essere non è stato…ma forse sarà

CARRASCO, MILAN – Non una vera e propria notizia di mercato, perlomeno non qualcosa di troppo attuale (può però tornare di moda..), ma un’indiscrezione, un qualcosa che poteva essere e non è stato. Una trattativa estiva che è stata vicinissima alla conclusione, ma che non si è concretizzata per una decina di milioni. Un nome che probabilmente al Milan sarebbe tornato molto utile. Stiamo parlando di Yannick Carrasco.

Esatto, in gran segreto quest’estate Paolo Maldini e Zvonimir Boban hanno provato a portare il belga a Milano, poteva essere lui l’esterno alto capace di saltare l’uomo. Facciamo un passo indietro.

Erano gli ultimi giorni di agosto, il Milan cercava un esterno alto di qualità e Maldini e Boban vengono a sapere di un Carrasco (già trattato dal Milan la sessione precedente di mercato) scontento in Cina. Il profilo piace tanto, tantissimo sia a Paolo che a Zvone, che son pronti a fare un’offerta importante al Dalian Yifang: si parla di quasi 30 milioni, trasferimento a Titolo definitivo. I cinesi sparano alto, ne vogliono 50, non mollano. Il ragazzo da il suo totale gradimento al Milan, la trattativa la porta avanti l’intermediario Paolo Schiavone con Maldini, Boban e Massara.

Un braccio di ferro con i cinesi che non cedono, Carrasco non solo fa sapere del suo gradimento, ma anche che intende dimezzarsi l’ingaggio pur di vestire rossonero.  In cina prende 12 milioni di euro, non noccioline…ma lui era pronto a scendere e di tantissimo. Chi non scende sono i cinesi, la trattativa sfuma all’ultimo..nonostante il gran lavoro di Schiavone che aveva cucito tutto per bene. Carrasco resta in Cina, il Milan vira all’ultimo su Ante Rebic.

Chissà cosa riserverà il futuro di Carrasco, magari un ritorno di fiamma col Milan o magari, chi lo sa, un ritorno all’Atletico…? Il nome è ancora considerato dal Milan e piace molto.

Lo scopriremo presto.

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Milan Udinese 3-2: Partita Pazza. Show di Rebić, difesa in affanno.

Pagelle Milan Udinese 3-2: Partita Pazza. Show di Rebić, difesa in affanno.

PAGELLE MILAN-UDINESE 3-2 – Dopo le convincenti prove con Cagliari e Spal in coppa, i rossoneri decidono di non presentarsi in campo nei primi minuti della sfida con l’Udinese. Friuliani con più voglia e più idee nel primo tempo che chiudono meritatamente in vantaggio. Nella ripresa è tutta un’altra storia grazie all’ingresso di Rebić. Doppietta per il croato che sembrava destinato al ritorno in Germania. Una pessima prestazione difensiva però rischia di rovinare tutto e deve fare riflettere in ottica futura. Finalmente una vittoria di carattere, è questo che i tifosi vogliono vedere fino a Maggio. Solo così San Siro può finalmente tornare a ruggire.

PAGELLE

Donnarumma 6: Recupero lampo per Gigio dopo aver saltato la sfida infrasettimanale in Coppa Italia. Esce a vuoto e senza motivo su Lasagna nell’azione che porta al vantaggio avversario. Nel secondo tempo si riscatta con un paio di grandi interventi. #Up&Down

Conti 6: Con Calabria fuori dai convocati, tocca ancora all’ex Atalanta sulla fascia destra. Attento quando viene chiamato a difendere, timido quando c’è da attaccare nella prima frazione di gioco. Assist vincente per il pareggio di Rebić. Non segue Lasagna sul 2-2. #cONti

Kjær 6: Confermato titolare dopo l’esordio positivo di coppa con la Spal. Pericoloso e attento di testa. Soffre la velocità di Lasagna, tiene meglio su Okaka. Può essere utile. #SImon

Romagnoli 6-: Non riesce a recuperare sull’errore del suo portiere. Prende le misure agli attacchi dell’Udinese con il passare dei minuti. La linea difensiva rossonera soffre troppo però e lui dovrebbe avere il compito di guidarla. #alesSI&NO

Theo Hernández 6,5: Sembrava anche lui un pò sottotono nel triste mezzogiorno di San Siro. Quando gli spazi si fanno stretti, anche uno come lui fa fatica e va a sbattere. Si inventa però un goal assurdo al volo che ricorda quello annullato con il Sassuolo. #Golazo

Bennacer 6,5: In forma e si vede. Recupera palloni sempre con lucidità. L’unico ad essersi svegliato in tempo per scendere in campo come si deve. Manca ancora nell’ultimo passaggio. #Bennac’è

Kessié 5,5: L’unico che potrebbe contrastare fisicamente i rocciosi giocatori dell’Udinese, lo fa solo in parte. Come al solito ogni tanto si addormenta, dimenticandosi come passare il pallone e dando vita a pericolosi contropiedi avversari. #Smemorato

Castillejo 7: Ha ormai scavalcato Suso nelle gerarchie. Prova a prendere per mano l’attacco rossonero, con giocate d’alta classe che San Siro apprezza. Meritatamente titolare anche per la voglia che ci mette su ogni pallone. Tutti in piedi quando lascia il campo. #SuperSamu

Bonaventura 5: Ritorno dal primo minuto per Jack vista l’assenza di Çalhanoğlu. Quasi sempre in ritardo con giocate di bassa qualità. Quando manca il turco si sente la sua mancanza e viceversa. Entrambi non all’altezza? Si accomoda in panchina dopo soli 45 minuti. #MaleVentura

Ibrahimović 6,5: Per la prima volta dal primo minuto a San Siro da quando iz back. Uno dei pochi pericolosi nel bruttissimo avvio di partita, si inventa anche regista. Altro sfida pazza con l’Udinese per lui dopo il 4-4 della stagione dello scudetto. #AssistGod

Rafael Leão 7: Accende San Siro con le sue accelerazioni. Fa tremare le gambe ai suoi avversari quando parte. Ha le potenzialità per diventare grande. Contribuisce a cambiare la partita nel secondo tempo con qualità e voglia di incidere. #RafaelLeone

Rebić 7,5: Subito dentro per migliorare il pessimo primo tempo di Bonaventura. Due minuti e trova il pareggio. Come se non bastasse, si inventa la rete della vittoria a tempo scaduto. Che ingresso. #REbic

Krunić SV: Entra per fare legna a centrocampo quando c’è da difendere il risultato.

Pioli 6,5: Conferma modulo e coppia d’attacco. Inizio horror dei rossoneri, messi subito sotto dall’Udinese tatticamente. Cambia la partita nel secondo tempo con l’ingresso di Rebić centrando la terza vittoria consecutiva. Il campanello d’allarme in fase difensiva c’è e non va sottovalutato. #Ottimismo

Tommaso Dimiddio

Posted by Redazione Rossonera on

Milan-Udinese, il focus sui nostri avversari della prossima giornata

Milan-Udinese, il focus sui nostri avversari della prossima giornata

MILAN-UDINESE – Dopo i tre punti e la buona prestazione di Cagliari il Milan si prepara alla prima gara del girone di ritorno, contro un avversario che all’andata aveva vinto 1 a 0. Andiamo a scoprirlo meglio.

Ultimo precedente

L’ultimo precedente del Milan in casa con l’Udinese risale al 2 aprile scorso e terminò 1 a 1 con i gol di Piatek e Lasagna.

Precedenti famosi

Uno dei precedenti più dolci per i tifosi rossoneri è sicuramente quello del 21 dicembre 2008, terminato 5 a 1 per il Diavolo, con doppiette di Pato e Kakà e gol di Seedorf. Il tutto in meno di un’ora di gioco.

Ultime gare dell’Udinese

L’Udinese arriva allo scontro dopo il quattro a zero in Coppa Italia con la Juventus, ma forte di tre vittorie consecutive in campionato, con sei gol segnati e uno solo subito.

Ultime gare del Milan

Il Milan arriva allo scontro dopo la confortante vittoria di Cagliari e la buona priva in Coppa Italia con la Spal.

Curiosità sull’avversario

Nel 2008 i tifosi friulani contestarono ferocemente la scelta della società di far apparire sulle maglie lo stemma del Friuli Venezia Giulia, percepito come emblema della storica rivale Trieste. Battaglia poi vinta.

Allenatore avversario

Luca Gotti non ha mai affrontato il Milan mentre con Stefano Pioli si è incrociato due volte, ottenendo una vittoria e una sconfitta.

Storico arbitro con le due squadre

A dirigere la sfida sarà Luca Pairetto. Il fischietto di Nichelino ha diretto tre volte il Milan con i rossoneri che hanno ottenuto 2 vittorie e un pareggio. Bilancio decisamente più negativo quello dell’Udinese che nelle nove gare dirette da Pairetto ha ottenuto tre vittorie, un pareggio e cinque sconfitte. A coadiuvare Pairetto ci saranno gli assistenti De Meo e Santoro, il quarto uomo Prontera, il Var Calvarese e l’assistente Var Di Iorio.

Ex e doppi ex

Oltre al già citato Luca Gotti, che nel dal 1998 al 1999 allenò i giovanissimi del Milan, anche Alberto Zaccheroni guidò entrambe le squadre, l’Udinese dal 1995 al 1998 e il Milan dal 1998 al 2001).

Domenica in campo non ci saranno ex, ma sono tanti i giocatori che nel corso degli anni si sono mossi tra Milano e Udine.

Partiamo dai più recenti come Zapata, all’Udinese dal 2005 al 2011 e al Milan dal 2012 al 2019 e ora in forza al Genoa, e Armero, all’Udinese dal 2010 al 2013 e al Milan dal 2014 al 2015 ora gioca in Brasile.

Andando indietro negli anni troviamo Oliver Bierhoff (all’Udinese dal 1995 e il 1998 e poi al Milan dal 1998 al 2001), Marek Jankulovski (all’Udinese dal 2002 e il 2005 e al Milan dal 2005 e il 2011), Thomas Helveg (all’Udinese dal 1995 al 1998 e poi al Milan dal 1998 al 2003), Giovanni Stroppa (al Milan più volte dal 1986/1987, poi dal 1989 al 1991 e infine nel 1994/95. All’Udinese dal 1995 al 1997) e Stefano Borgonovo (al Milan nella stagione 1989/90 e all’Udinese nelle stagioni 1993/94 e 1995/1996).

Giulia Galliano Sacchetto 

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Milan-SPAL 3-0: Il giorno in cui i milanisti riscoprirono la tranquillità nella vittoria

Pagelle Milan-SPAL 3-0: Il giorno in cui i milanisti riscoprirono la tranquillità nella vittoria

Pagelle Milan-SPAL – Nella stagione del Milan, la Coppa Italia può rappresentare l’unico obiettivo stagionale, oltre che l’unico modo per accedere all’Europa. E questa è una notizia, se confrontata con la storia del Milan. Altra notizia è che il Milan torna a fare tre gol. E per una squadra che in campionato ne ha fatti 18 in un girone, è cosa rara. I tifosi tornano a riscoprire la sensazione di tranquillità nella vittoria dopo tempo immemore. SPAL mai in partita e travolta a Milano. I rossoneri iniziano subito forte, sfiorando il vantaggio con Castillejo. Vantaggio che arriva poco dopo, al 31′, con gol di Piatek. Poco prima della fine della prima frazione, arriva anche il raddoppio di Castillejo, su assist del polacco. A chiuderla ci pensa un solitamente strepitoso Theo Hernandez a metà ripresa.

Un buon Milan, per quello che poteva valere il test. Ma squadra e Piatek tornano a segnare come ci aspetterebbe. E per un freddo mercoledì di gennaio, può essere abbastanza.

PAGELLE

A. Donnarumma 6: E anche per quest’anno, il milione ce lo siamo guadagnati #Lifeisbeautiful

Conti 6: Sembra sempre avvertire un po’ troppo la pressione di San Siro. Dopo le buone ultime uscite, un piccolo passo indietro. Ma la prestazione è comunque sufficiente, anche per tenere alta la fiducia #DajeAndre

Kjaer 6,5: Ottima prima prova del centrale danese. Sempre attento e concreto. La speranza è che la sua esperienza e qualità possa aiutare, capitàno in primis. E il riscatto a 2,5 milioni può essere un affare #SImon

Romagnoli 6,5: Leggere sopra. Sia per la prestazione, che per il futuro #Alealealeale

Theo Hernandez 7,5: Difensivamente perfetto e offensivamente il solito treno. Se poi ci aggiungi l’ormai solito gol, stiamo viaggiando su livelli altissimi #Threno

Bonaventura 6,5: Attento e sempre sul pezzo, sia in fase di smistamento che senza palla. L’emblema della partita pulita #King

Bennacer 7: Manda in porta Piatek con un gran lancio e sbaglia pochissimo. Sempre lucido e tiene anche di fisico. In crescita costante, predica in mezzo al campo, come il suo nome gli impone #IsmaelefigliodiAbramo

Krunic 6,5: Ringhia sull’avversario ed è un motorino in fase offensiva. Ottimo sulla quantità, miglioramenti anche sulla qualità. Il posto di Kessie non è inscalfibile #Radaje

Castillejo 6,5: Si mangia un gol, ma se ne inventa un altro. Nel complesso, buona prova, fatta di alti e bassi. Il nuovo modulo sembra piacergli e viceversa #SImu

Piatek 7: Gol, assist e tanti movimenti in profondità, tipo quello che porta all’1-0. Ancora qualcosa da migliorare sulla velocità d’esecuzione, ma la partita è più che buona. E Ibra gli spazi li apre… #Risortof?

Rebic 6,5: Lotta su ogni pallone fino al 90′. E questo già basterebbe, visto che i problemi sembravano più di atteggiamento, che di qualità. Mette anche qualche buona palla, agendo quasi da seconda punta. Il nuovo modulo potrebbe aprirgli nuove porte, ma dovrà sfruttarle #REbic

Suso SV: Solo perchè dare insufficienze in un 3-0 rovinerebbe l’atmosfera. Anìmo Jesus, anìmo. Che le gambe non corrono da sole. E par placare i fischi, basterebbe quello #Giùso

Paquetà SV: Vicari spara un pallone in mezzo al primo rosso, facendo sì che Maldini tocchi più palloni del brasiliano. Le qualità per riprendersi il posto le ha, la voglia non si sa. #LucasCasella

Gabbia SV

Pioli 6,5: La squadra gira e non corre nessun pericolo. Il tutto con Ibra in panchina. Il nuovo modulo sembra ancora oscuro, ma finchè funzi0na… #PulcinoPioli

Posted by Redazione Rossonera on

Milan, accordo raggiunto con Emirates per il rinnovo della sponsorizzazione

Milan, accordo raggiunto con Emirates per il rinnovo della sponsorizzazione

MILAN, ACCORDO RAGGIUNTO CON EMIRATES – Ci siamo! Mancano solo le firme ma c’è accordo tra il Milan e Emirates per il rinnovo del contratto di sponsorizzazione.

Secondo quanto appreso dalla redazione di Radio Rossonera, Milan ed Emirates hanno raggiunto un accordo totale per quanto concerne il rinnovo del contratto di sponsorizzazione. Manca solo l’ufficialità ma non vi sono dubbi sul buon esito della trattativa.

Qualche dettaglio: tale accordo dovrebbe prevedere cifre leggermente inferiori rispetto al precedente contratto per quanto riguarda la parte fissa ma sarebbero previsti dei bonus.

Photo Credits: AcMilan.com

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Cagliari Milan 0-2: Ibra & Leão, il duo funziona. Super Castillejo.

Pagelle Cagliari Milan 0-2: Ibra & Leão, il duo funziona. Super Castillejo.

PAGELLE CAGLIARI MILAN – Dopo il deludente pareggio con la Sampdoria a San Siro, i rossoneri sono ancora una volta chiamati a reagire in questa stagione. Buona prestazione da parte dei rossoneri, che trovano la vittoria e finalmente le reti degli attaccanti su un campo dove in tanti hanno faticato in questo campionato. Nuovo modulo e qualche interprete diverso (Castillejo) sembrano funzionare. Il ritorno di Ibra sta già dando i primi frutti, dominatore e influenza positiva sui compagni. Adesso sotto con la Spal in Coppa Italia, vero obiettivo di questa stagione?

PAGELLE

Donnarumma 6: Rischia tantissimo quando si scontra con Romagnoli nell’area piccola. Rischia ancora di più con un’uscita titubante ed il pallonetto di Nandez per poco non lo punisce. Attento nelle altre situazioni in cui viene coinvolto. #Risiko

Calabria 6: Confermato a destra da ormai un paio di partite al posto di Conti. Non è ancora il terzino quasi perfetto dei tempi di Gattuso ma è in crescita e si vede. Peccato vederlo ancora una volta uscire per infortunio, sperando che non sia niente di grave. #DAIvide

Musacchio 6: In confusione quando c’è da spazzare gli attacchi avversari. Cresce con il passare dei minuti e non commette errori fatali. Sempre uno degli ultimi a mollare anche se dolorante nei minuti di recupero. #Benino

Romagnoli 6,5: Subito chiamato agli straordinari dopo un solo minuto di gioco. Autorevole come non lo si vedeva da tanto tempo. Chissà che la leadership di Ibra non sia d’aiuto anche alla sua crescita. #Pulito

Theo Hernández 6: Classico Theo, prima causa un contropiede sardo e poi per poco non trova l’ennesimo guizzo vincente della sua stagione. Altra prestazione comunque positiva, non gli si può sempre chiedere di fare goal. #VeroTheo

Bennacer 6,5: Alterna cose buone a cose meno buone nella prima frazione di gioco. Gioca un grande secondo tempo però, quando di solito si decidono le partite. Sembra non patire la fatica, a differenza degli altri 21 in campo. #Serbatoio

Kessié 6: Attento e presente in avvio di gara quando viene chiamato a difendere e battagliare. Poco incisivo quando c’è da attaccare. Anche lui come Bennacer cresce nel secondo tempo. Finisce la partita stremato. #Gladiatore

Castillejo 7: Si rivede Samu dal primo minuto dopo l’infortunio nel match casalingo contro la Lazio. Solita voglia di fare che di questi tempi è sempre ben accetta. L’assist furbo e vincente per Leão è l’emblema di una prestazione molto positiva. Suso prenda nota. #Vamos

Çalhanoğlu 5,5: Generoso quando recupera su Simeone lanciato a rete nel primo tempo. Poco brillante in fase offensiva, forse il peggiore oggi. Quando Bonaventura avrà recuperato la migliore condizione, servirà molto di più per meritarsi il posto su quella fascia. Scivola tanto, tacchetti sbagliati? #TuttiGiùPerTerra

Ibrahimović 7,5: Non lo si vedeva titolare con la maglia rossonera da Maggio 2012. Quando decide di mettersi in moto, il suo connazionale Olsen ed il palo gli negano la gioia del goal. Fa venire i brividi ai tifosi rossoneri, segnando la rete del raddoppio. Classico piattone sul secondo palo che sembra facile, ma solo per lui. Il fuorigioco gli nega la doppietta. #IZBack

Rafael Leão 6,5: Si muove su tutto il fronte d’attacco, girando attorno ad Ibra. Regala un grande assist a Ibra, dimostrando una buona intesa tra i due. Si divora la rete del vantaggio in spaccata dopo la spizzata di Romagnoli. Una deviazione fortunata gli regala la seconda gioia di questa stagione. #LeãoMeravigliao

Bonaventura SV: Entra giusto in tempo per festeggiare il goal di Ibra.

Rebić SV: Ibra lo manda subito in porta.

Pioli 6,5: Decide di sparigliare le carte, cambiano modulo e affidandosi alle due punte. Ha finalmente il coraggio di rinunciare a Suso e lancia Zlatan dal primo minuto. Aver ritrovato i goal delle punte è già una grande notizia. Con un Ibra così, tutto diventa più facile… #Rivoluzione

Tommaso Dimiddio

Posted by Redazione Rossonera on

Cagliari-Milan, il focus sui nostri avversari della prossima giornata

Cagliari-Milan, il focus sui nostri avversari della prossima giornata

CAGLIARI-MILAN – Dopo l’ennesimo pareggio senza gol il Milan è atteso da una sfida contro un avversario ostico. Andiamo a scoprirlo meglio.

Ultimo precedente

L’ultimo precedente tra Cagliari e Milan risale allo scorso anno e terminò 1 a 1 con gol di Joao Pedro e pareggio di Higuain.

Precedenti famosi

Uno dei precedenti tra le due squadre più ricordati è quello della stagione 1971/1972 seguito da uno strascico di polemiche causate dal rigore contrastatissimo con cui il Cagliari vinse la partita, assegnato per un presunto fallo di mano di Anquiletti su un tentativo di sombrero di Gigi Riva. A fine partita Gianni Rivera attaccò duramente l’arbitro dicendo apertamente “Ci stanno rubando il campionato”… la polemica gli costò quattro mesi di squalifica.

Ultime gare del Cagliari

Il Cagliari arriva allo scontro in un momento non brillantissimo, reduce da tre confitte di fila tra cui l’ultima pesantissima a Torino contro la Juve.

Ultime gare del Milan

Il Milan arriva allo scontro dopo la scialba prestazione con la Sampdoria che ha seguito la disfatta di Bergamo.

Curiosità sugli avversari

La prima maglia ufficiale del Cagliari era completamente bianca per volere del fondatore Gaetano Fichera, di professione chirurgo, che riadattò dei camici bianchi e li fece indossare ai giocatori. L’attuale divisa è in uso dal 1930.

Allenatore avversario

Il bilancio di Rolando Maran contro il Milan non è incoraggiante: 13 incontri, 0 vittorie, 3 pareggi e ben 10 sconfitte per l’attuale tecnico degli isolani. Va meglio negli incroci con Stefano Pioli: 18 in tutto con 7 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte per Maran.

Storico arbitro con le due squadre

Ad arbitrare le sfide sarà Rosario Abisso. Il fischietto palermitano ha diretto il Milan cinque volte, con i rossoneri che hanno ottenuto 3 vittorie, un pareggio e una sconfitta., arrivata, ironia della sorte, proprio in Sardegna con i rossoblù. Era il 28 maggio 2017 e la squadra di Maran si impose 2 a 1 con il Milan che chiuse in 10 per l’espulsione di Paletta.

Sono 12 invece gli incroci, tra Serie A e Serie B, di Abisso con gli isolani che vantano un bilancio rassicurante: 7 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte.

Ad affiancare il fischietto siciliano ci saranno gli assistenti Ranghetti e Rocca, il quarto uomo Dionisi, il Var Nasca e l’assistente Var Del Giovane.

Ex e doppi ex

Tra gli ex che parammo essere della partita ricordiamo Valter Birsa, al Milan nella stagione 2013/2014 e al Cagliari dal gennaio 2019.

Tra gli ex che invece non ci saranno ricordiamo Marco Borriello, al Milan più volte, dal 2002 al 2003, dal 2003 al 2004, dal 2006 al 2007 e dal 2008 al 2010, e al Cagliari nella stagione 2016/2017.

Giulia Galliano Sacchetto

 

Posted by Redazione Rossonera on

Milan-Sampdoria, la parola ai protagonisti

Milan-Sampdoria, la parola ai protagonisti

MILAN-SAMPDORIA 0-0, PIOLI: “VOLEVAMO RISCATTARCI, SIAMO DELUSI. LA SQUADRA DEVE ANCORA ABITUARSI ALLA PRESENZA DI IBRAHIMOVIC” 

Non nasconde affatto la delusione, a fine gara, Stefano Pioli, che dalla prima gara del nuovo anno si aspettava una reazione diversa dopo la disfatta di Bergamo mentre ancora una volta si ritrova con qualcosina in più di un pungo di mosche in mano. “Peccato, volevamo vincere ma ci sono mancate qualità e precisione sottoporta – ha esordito il tecnico rossonero -. Abbiamo sempre fatto la partita, giocando costantemente nella loro metà campo ed un numero impressionante di palloni nella loro area. Ma con la sola generosità non si vincono le partite, ci vuole più qualità, più precisione da parte di tutti, ma anche più cattiveria sulle palle sporche in area di rigore”.  

Caratteristiche che Ibrahimovic ha provato a dare nella seconda parte della gara, ma il suo ingresso non è bastato. “Il suo impatto è stato positivo, ha dato presenza e sostegno, è un punto di riferimento – ha detto Pioli -. Ma la squadra non è ancora abituata a questa presenza fisica, nel finale dovevamo cercarlo di più, è chiaro che manchino ancora le conoscenze reciproche che col tempo potranno solo migliorare. Questa squadra ha sempre cercato di proporre  il suo calcio, con Ibra avremo altre soluzioni che dovremo sfruttare meglio. Il suo ruolo? Farà il centravanti, vedremo se da solo o con un’altra punta. Può giocare anche con Piatek, ma bisogna mantenere i giusti equilibri di squadra”. 

A proposito di singoli, il mister si è soffermato anche sul momento no di Jesus Suso. “La presenza di Ibra in area può dare soluzioni importanti per chi va spesso al cross come Jesus. L’importante è mettere i giocatori di qualità in condizione di giocare il pallone. Suso oggi ha avuto diverse palle ma non sempre le ha sfruttate. Non è solo un problema di Suso”.

La disfatta prenatalizia con l’Atalanta sembra intanto aver lasciato il segno nello spogliatoio di Milanello, come confermato dallo stesso mister. “La sconfitta di Bergamo ci è rimasta dentro, ci siamo macerati nell’arrivare a questa partita e dovevamo essere più lucidi”. 

Ed a chi gli fa notare che oltre ad Ibra e ad un difensore questa squadra potrebbe aver bisogno di maggior qualità a centrocampo, Pioli replica: “I centrocampisti del Milan hanno buone caratteristiche, stiamo passando un momento di poca fiducia ma hanno dimostrato di saper giocare buone partite. Ci sono le qualità per far meglio e dobbiamo riuscirci

Si gode la prestazione dei suoi ma con il rammarico di aver solo sfiorato il colpaccio, invece, Claudio Ranieri

“Abbiamo fatto un’ottima prestazione, ma quando vieni a San Siro per vincere devi essere perfetto, mentre a noi è mancata la precisione sottoporta – ha dichiarato il tecnico blucerchiato -. Siamo stati molto compatti, avevamo anche trovato il gol ma in leggero fuorigioco. Le proteste con il quarto uomo? Mi riferivo alle troppe ammonizioni (sei): leggendo il tabellino si potrebbe parlare di partita cattiva, ma non è stato così. E vorrei rivedere il fallo a palla lontana di Krunic su Chabot, che sarebbe potuto essere da secondo giallo”. 

Enrico Aiello

Photo Credits: AcMilan.com

 

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian