Tag Archives

3 Articles

Posted by redazionevirtuale on

Milan-Napoli 1-1, the day after! Tra telefonini, il ritorno di Bonaventura e la fase offensiva

MILAN-NAPOLI 1-1 – La squadra rossonera si presenta in campo con alcune novità rispetto alla partita con la Juventus. Musacchio torna al centro della difesa, Biglia e Bonaventura sostituiscono gli squalificati Calhanoglu e Bennacer, mentre Rebic a sorpresa si ritrova titolare al posto di Suso. La partenza per il Milan è delle migliori, buone geometrie, squadra concentrata in campo, ma come al solito la fase offensiva, o meglio gli ultimi 15 metri, lasciano a desiderare. Alla prima disattenzione difensiva la squadra rossonera subisce il goal, come succede ormai dall’inizio del campionato. Insigne si libera facilmente di Biglia al limite dell’area e lascia partire un sinistro che si stampa sulla traversa, sulla ribattuta Lozano si avventa sul pallone sorprendendo la difesa del Milan. Il pareggio arriva subito grazie al ritrovato Jack che con un gran bolide dal limite dell’area scaraventa in rete la rabbia per il calvario dell’ultimo anno. Nella ripresa entrambe le squadre danno la sensazione di volersi accontentare del pareggio e la partita piano piano si spegne.

TELEFONINI – Le riprese negli spogliatoi andate in onda prima del fischio d’inizio hanno portato alla luce quello che da tempo si sapeva. Giocatori non attaccati alla maglia che pensano solo a loro stessi fino a pochi minuti prima dell’inizio della partita. Rebic, Biglia e Kessie ripresi con il cellulare in mano, segno che i tempi sono cambiati, segno che in questo Milan i giocatori veri si contano sulle dita di una mano. Ibrahimovic se fosse stato negli spogliatoi avrebbe appeso i tre giocatori ai loro armadietti e sarebbe entrato in campo sputando l’anima.

Al Milan in questo momento servono giocatori che diano esempio di serietà ed attaccamento alla maglia, servono giocatori che dimostrino cosa significhi indossare la maglia del Milan.

BONAVENTURA – Finalmente Jack torna in campo dal primo minuto e si riprende la scena. I primi minuti mostrano subito un Bonaventura in palla, accelerazioni, dribbling, cambi di direzione.. entra subito in partita e fino a quando la condizione regge è al centro del gioco. Realizza di prepotenza sfogando tutta la sua rabbia il goal che regala il pareggio al Milan.

Il rientro di Bonaventura a pieno regime sarà fondamentale per questo Milan, troppo importanti le sue giocate in mezzo al campo, troppo importante la sua propensione al goal. Deve solo riuscire a trovare un po’ di continuità di prestazioni e potremo finalmente tornare a rivedere il Jack che tutti conosciamo.

LA FASE OFFENSIVA – Tante volte in questi mesi, su queste pagine, abbiamo parlato grosso problema della squadra in fase di realizzazione. Troppo poche 12 reti in 13 partite, peggio della squadra rossonera solo Brescia, Sampdoria, Spal, Udinese e Verona. Piatek, malgrado le recenti dichiarazioni, è sempre più l’ombra di se stesso. Leao e Rebic fanno più da comparsa che altro.

La fase offensiva sembra funzionare fino agli ultimi 15 metri, dove poi si infrange spesso e volentieri contro la difesa avversaria. Serve sicuramente un intervento sul mercato, forse il solo Ibrahimovic non basterà a cambiare questa tendenza, ma sicuramente potrà essere un buon inizio…

Cristian Claretti

Photo Credits: AcMilan.com

Posted by redazionevirtuale on

Pagelle Milan-Napoli 1-1: I rossoneri durano un tempo. Bonaventura evita l’ennesima sconfitta.

Pagelle Milan-Napoli 1-1: I rossoneri durano un tempo. Bonaventura evita l’ennesima sconfitta.

PAGELLE,MILAN,NAPOLI – Contro un Napoli in difficoltà, i rossoneri non vanno oltre il pareggio a San Siro. La prestazione, soprattutto nel primo tempo, non è da buttare ma con questa classifica ogni pareggio equivale ad una sconfitta. Un Bonaventura così può sicuramente aiutare, arrivano invece i primi veri fischi di San Siro per Piątek. Perché duriamo solo un tempo? Problema fisico, di testa o di qualità della rosa?

PAGELLE

Donnarumma 6,5: Non può nulla sulla rete che porta in vantaggio gli ospiti. L’ennesimo miracolo su Lozano avrebbe messo a tacere ogni paragone con Meret. Chiude la porta su Insigne nel finale di primo tempo. #Certezza

Conti 6: Pioli gli da fiducia dopo la buona prova all’Allianz Stadium contro la Juventus. Ci mette un po’ a prendere le misure del campo scivoloso di San Siro. Qualche lancio lungo a vuoto ma non soffre più i suoi avversari come in passato. #SenzaInfamiaSenzaLode

Musacchio 6: Si rivede il numero 22 rossonero dopo l’infortunio, chiamato a sostituire Duarte anche lui non al meglio. Si merita gli applausi di San Siro quando ferma la corsa di Lozano in scivolata. #PallaPiena

Romagnoli 6: In fiducia grazie alla rete contro l’Armenia in maglia azzurra, ci riprova di testa senza successo 20 minuti. Più o meno attento per tutta la partita. #Fiducia

Theo Hernández 6: Tiene in gioco Lozano quando il Napoli si trova fortunatamente in vantaggio dopo il tiro sulla traversa di Insigne. Ha il merito di rifarsi immediatamente entrando nell’azione che porta al pareggio di Jack. #OK

Biglia 5: Senza la squalifica di Bennacer, avrebbe probabilmente iniziato la partita dalla panchina. Infatti si fa saltare facile da Insigne nella conclusione che propizia il vantaggio napoletano. Con il passare dei minuti perde sempre più lucidità e palloni pericolosi.  #SiPuòFareDiPiù

Krunić 6+: Pronti via e una sua conclusione dal limite dell’area quasi capitalizza il pressing rossonero in avvio di match. Insieme a Theo, apparecchia la conclusione vincente di Bonaventura. Bene così. #Proiettile

Paquetá 6- : Avvio frizzante del brasiliano dopo le critiche di Rivaldo per aver indossato la maglia numero 10 della seleção. Non si può più permettere certi azzardi da mezzala, avanza la sua posizione quando Rebić alza bandiera bianca. “Deve essere meno Brasiliano…” #Confusionario

Bonaventura 7: Si rivede il miglior Jack dopo l’operazione e la lunga assenza. Spunti, testa alta e presenza attiva nella manovra. Trova il pareggio con una saetta sotto l’incrocio che si merita tutta la sua esultanza rabbiosa. Da qualche anno, una delle poche luci rossonere. #WelcomeJack

Rebić 5: Dentro a sorpresa dopo i problemi intestinali di Suso nel riscaldamento pre-partita. In sofferenza fisica anche lui, si becca i mugugni di San Siro per un paio di appoggi pigri ed imprecisi. Si mangia il gol del sorpasso, la palla di Krunić avrebbe meritato di più. Pioli lo manda a farsi la doccia nell’intervallo. #Sveglia

Piątek 5,5: Reattivo e voglioso come non lo si vedeva da tempo. Sbaglia meno appoggi e aiuta di più i suoi compagni, è già qualcosa di questi tempi. Manca ancora una volta il gol sul e questo incide sulla sua prestazione. I tifosi hanno ancora negli occhi il pistolero dello scorso Milan-Napoli di Coppa Italia ed infatti lo fischiano. #NostalgiaCanaglia

Kessié 6: Deve entrare all’inizio della ripresa dopo l’esclusione comportamentale pre-sosta. L’atteggiamento è sicuramente diverso e si vede. Ci prova e lotta questa volta. #Meglio

Calabria 6: Sostituisce Biglia e si mette a centrocampo come nello sfortunato esperimento di Gattuso contro la Fiorentina di Pioli. Va meglio questa volta. Davide ci mette corsa e intraprendenza che aiutano la squadra nei minuti finali della partita. #Coraggio

Rafael Leão SV: I colpi di tacco non servono a niente quando c’è da evitare l’ennesima sconfitta stagionale.

Pioli 6: Ritorno a San Siro dopo la buona prova in casa della Juventus e la sosta delle nazionali. Costretto a fare a meno di Çalhanoğlu e Bennacer per squalifica, si affida a Bonaventura esterno d’attacco, confermando Krunić e Conti dal primo minuto. Ormai, che la squadra giochi meglio è un dato di fatto. Nel calcio però vince chi segna di più e subisce di meno. Serve una striscia di vittorie per svoltare, il calendario può aiutare. #PuntoACapo

Tommaso Dimiddio

Posted by Redazione Rossonera on

PAGELLE MILAN-NAPOLI 2-0 – Puuuum, puuuuuuuum! Piatek spara due volte e il Napoli è steso

PAGELLE MILAN-NAPOLI 2-0 – Puuuum, puuuuuuuum! Piatek spara due volte e il Napoli è steso

PAGELLE MILAN-NAPOLI 2-0 –  È semifinale! Il Milan supera il Napoli grazie al doppio colpo di pistola di Krzysztof Piatek che si presenta a S.Siro nel migliore dei modi. Una buonissima prestazione di squadra e un grande Bakayoko regalano la possibilità di aspettare serenamente la sfida tra Inter e Lazio ad un ottimo Gattuso.

PAGELLE MILAN-NAPOLI 2-0 – I voti della nostra redazione:

DONNARUMMA 7 – Niente di difficile o miracoloso ma Gigio risponde sempre presente ad ogni tiro destinato nello specchio della propria porta. Calmo e sereno. #Presente, signora maestra!

ABATE 6,5 – Igna dai, dì la verità! Sei stato in vacanza per 10 anni e avevi mandato a giocare il gemello scarso. O viceversa per 10 anni eri proprio tu ad indossare la maglia del Milan e ora invece sei alle Maldive e sta giocando il gemello forte. #Dottor Igna & Mister Abate

ROMAGNOLI 7 – Piovono un gran numero di cross in area di rigore ma Capitan Alessio svetta prepotente e poi via, petto in fuori ad impostare! #Ho 23 anni ma non li dimostro

MUSACCHIO 7 – Milik chiiii???? Musacchione nostro oggi è in versione Muracchio! Nella zona centrale della difesa semplicemente NON SI PASSA! #So’ bello, so’ forte, so’ Musacchio

LAXALT 6,5 – Chi non muore si rivede! Da esterno basso di sinistra si rivela stranamente affidabile in fase difensiva e meno efficace dalla metacampo in su. Bravo però, era tanto che non giocava da titolare e ha retto anche fisicamente. #Surprise

KESSIÈ 6 – Non è al 100% della forma fisica e si vede da come a volte pasticcia con la palla tra i piedi ma oggi la sufficienza piena è ampiamente meritata. Avrebbe bisogno di respirare un attimino. #Correrre, corro. Tranquilli!

BAKAYOKO 7,5 – DO-MI-NA-TO-RE. Nessuna parola può rendere al meglio la gara perfetta di Baka. Recupera, cuce il gioco e strappa palla al piede. Fisicamente spazza via gli avversari e si concede anche un paio di giocate di buona tecnica sfiorando anche il gol con un buon tiro dal limite. #What else?

PAQUETÀ 6,5 – Con una partita dai ritmi leggemente più bassi rispetto a quella di campionato Lucas si disimpegna egreggiamente fino all’ora di gioco. La base atletica è discreta, spunto e brillantezza ancora mancano, ma la qualità nei piedi è quella dei purosangue vedasi il lancio per il secondo gol di Piatek #Gioiellino grezzo

CASTILLEJO 6 – Impegno, corsa e un bellissimo controllo su una palla spiovente a metacampo. Non me la sento di dargli una insufficienza ma Samu arriva giusto giusto al 6 stiracchiato. #Si può fare di più

PIATEK 8 – Alt! Qui il rischio è di esagerare quindi non scriverò grandi complimenti e mi tratte….. Krzysztoooooof! Goooooool! Ma che giocatore abbiamo preso?!?!?! Sul primo gol occhio al controllo (vero segreto della rete, non perde mezzo centimentro dal difensore in rimonta), sul secondo sente la porta girato fronte al campo e scarica un destro a giro potente e preciso come non se ne vedevano da anni. Se il buongiorno si vede dal mattino… #Sparagli Piatek, sparagli ancora!

BORINI 6,5 – Il Boro è il giocatore che ogni allenatore vorrebbe avere a disposizione. Fin quando viene utilizzato come cambio tattico o per turnover è perfetto, i problemi sorgono quando siamo costretti a schierarlo troppo spesso titolare #Tredicesimo uomo

GATTUSO 7 – Preparata bene, gestita meglio, Rino batte il Maestro con una attenta fase difensiva, una oculata gestione delle forze fresche sugli esterni e affidandosi a quella specie di Robocop che di nome fa Piatek. Nota a margine ennesima partita senza prender gol! E si vola in semifinale! #L’allievo che supera il Maestro

PAGELLE GENOA-MILAN 0-2 – I voti dei tifosi:

Donnarumma 7

Abate 6,5, Romagnoli 7, Musacchio 7, Laxalt 7

Kessiè 6, Bakayoko 8, Paquetà 6,5

Castillejo 6, Piatek 9, Borini 6

Cutrone s.v., Calhanoglu 6, Rodriguez s.v.

Gattuso 8

Simone Cristao

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian