Tag Archives

5 Articles

Posted by redazionevirtuale on

Bologna-Milan 2-3, the day after! Piatek, Bonaventura e la fase difensiva

BOLOGNA-MILAN – Pioli riparte con lo stesso undici di Parma, la squadra sembra rodata al punto giusto e infatti inizia molto bene. Piatek fa capire subito di essere in partita, un paio di buone sponde prima di guadagnarsi il rigore che sblocca la partita al 15°. Il Milan tiene alto il ritmo e raddoppia meritatamente con il solito T.Hernandez che sfrutta un grande assist di Suso. Sul finire del primo tempo però su calcio d’angolo il Bologna accorcia le distanze grazie ad un errore del disattento T.Hernandez che non copre l’inserimento di Denswil e per recuperare posizione provoca l’autorete. Il goal sul finire del primo tempo in altre partite avrebbe intimorito la squadra rossonera, ma la sicurezza ritrovata nelle ultime partite ha permesso alla squadra di Pioli di ripartire nei migliore dei modi anche nel secondo tempo, trovando subito il 3-1 con un gran goal di Bonaventura dal limite dell’area. Un’altro errore di Teo riapre il match a pochi minuti dalla fine, un fallo da rigore ingenuo che permette a Sansone di accorciare dal dischetto. La difesa rossonera nel finale non concede più nulla e il diavolo si aggiudica i tre punti.

PIATEK – Doveroso fermarsi a commentare la partita del pistolero. Fin dai primi palloni giocati ha lasciato intravedere il Piatek dello scorso anno, movimenti e scelte giuste, sponde e contromovimenti per andare in profondità.. è entrato in campo con la testa giusta e finalmente ha fatto la partita che tutti si aspettavano da lui da parecchio tempo. Da sottolineare anche gli ultimi 20 minuti, dove il polacco è riuscito spesso a tenere palla avanti, facendo salire la squadra e permettendo alla difesa di respirare.

È stato utile per lui scendere in campo senza la pressione di S.Siro, ora deve ritrovare la continuità che ha contraddistinto le sue prestazioni lo scorso anno. La cosa sicura è che la squadra rossonera avrebbe una marcia in più per la ricorsa europea se dovesse ritrovare il vero pistolero.

BONAVENTURA – Per Jack la quarta partita stagionale con la maglia da titolare.. 10 punti in 4 partite frutto delle vittorie con Genoa, Parma e Bologna (tutte il trasferta) e del pareggio con il Napoli. Sicuramente non è un caso.. troppo importate un giocatore come lui in mezzo al campo. Dopo la buona prestazione con il Napoli, si sperava che Bonaventura trovasse continuità in campo e nelle prestazioni e così è stato. Geometrie, scambi veloci, dribbling per creare superiorità numerica, giocate che mancavano a questo Milan e che ora finalmente ci sono e danno imprevedibilità alla manovra offensiva rossonera.

Mister Pioli dovrà essere bravo a dosare le energie di Jack nelle prossime partite, perché dopo un anno di stop sarà dura per lui giocarle tutte e soprattutto a questi ritmi, ma in questo momento risulta essere un giocatore fondamentale per questa squadra e risulterà difficile farne a meno.

LA FASE DIFENSIVA – La partita di ieri sera ha dato ottimi segnali anche dal punto di vista difensivo. Pochissime opportunità concesse al Bologna, soltanto due sbavature, entrambe di T. Hernandez (ma visto quello che sta facendo non gliene facciamo una colpa), hanno permesso al Bologna di trovare la rete. I due goal al passivo sono una punizione troppo severa per l’ottima prestazione della difesa rossonera. Conti sembra crescere sempre di più partita dopo partita. La coppia Romagnoli-Musacchio è ormai affiatata e Bennacer in mezzo al campo da una grande equilibrio con la sua fase difensiva e la sua ottima prestazione in impostazione.

Sicuramente si può, e si deve, migliorare ancora qualcosa. Mister Pioli sembra aver oliato bene i meccanismi e ora la squadra rossonera dovrà cominciare anche a curare i piccoli dettagli per poter ricominciare a tornare ai livelli di classifica e di rendimento che le competono.

Cristian Claretti

Photo Credits: AcMilan.com

Posted by redazionevirtuale on

Parma – Milan 0-1, the day after! Tra la partita di Conti, le occasioni e la classifica

PARMA – MILAN 0-1 – La squadra rossonera scende in campo con due novità rispetto alla partita con il Napoli, Suso si riprende la sua mattonella e Calhanoglu sostituisce Paquetá. Parte bene il Milan, buone geometrie, recupero di palla veloce e tutti sul pezzo. Il copione della partita è chiaro, Milan con baricentro alto e che tenta di sbloccare la partita e il Parma che gioca in contropiede per sfruttare le sue armi migliori, ma la difesa rossonera lascia pochi spazi per le ripartenze della squadra di D’Aversa. Nella ripresa il copione non cambia, anche se il Milan non sembra avere la stessa intensità mostrata nel primo tempo. A pochi secondi dalla fine arriva il goal di T. Hernandez che si conferma il miglior acquisto di questa stagione e probabilmente anche degli ultimi anni.

CONTI – Finalmente il ragazzo vede la luce in fondo al tunnel. La continuità d’impiego nelle ultime partite gli ha permesso di ritrovare una condizione fisica accettabile e di conseguenza le sue prestazioni stanno crescendo a vista d’occhio. Ieri probabilmente la sua miglior partita post infortunio, per intensità, concentrazione e senso della posizione.

Ritrovare il vero Conti sarebbe un’ulteriore spinta per la squadra che piano piano sta trovando la sua identità in campo. Risulta ancora poco propositivo in fase offensiva, ma partita dopo partita riuscirà a trovare il giusto equilibrio tra la fase difensiva e quella offensiva.

LE OCCASIONI – I dati della gazzetta dicono 8 tiri nello specchio della porta, e 10 fuori. La netta supremazia territoriale di ieri (baricentro molto alto 56,5 metri, possesso palla 66,4%) non si è trasformata in una sonora vittoria per la poca precisione in fase offensiva che sta ormai caratterizzando la stagione della squadra rossonera. Piatek continua il suo periodo no, e a questo punto c’è da chiedersi se sia giusto continuare ad insistere in questa direzione o provare a cambiare qualcosa. I centrocampisti e gli esterni, visto il poco movimento in fase offensiva, provano spesso il tiro dalla media-lunga distanza, e spesso non portano preoccupazione alla difesa avversaria.

Sembra ormai chiaro che la poca precisione, e idee, in fase offensiva siano il problema principale. Mister Pioli ha lavorato molto per ridare equilibrio ed entusiasmo ad una squadra ormai spenta, ora serve una svolta anche in fase realizzativa.

CLASSIFICA – Dopo la partita con la Roma, proprio in queste pagine, avevamo indicato che il calendario avrebbe potuto affondare il Milan ancora più in basso in classifica, e così è stato. Sembrano però esserci ampie possibilità di risalita se le prestazioni continueranno ad essere convincenti come nelle ultime partite contro Juventus, Napoli e Parma.

La zona europa ora dista 8 punti, mentre la zona Champions è a 11 punti. Calendario alla mano, da qui al derby di ritorno del 9 Febbraio, la squadra rossonera ha la possibilità di rilanciarsi in classifica inanellando una serie di risultati utili consecutivi. Prima del derby, e dopo il mercato di Gennaio, potremmo capire se il Milan avrà ancora qualcosa da chiedere a questo campionato.

Cristian Claretti

Photo Credits: AcMilan.com 

Posted by Redazione Rossonera on

Pagelle Genoa-Milan 1-2: Giampaolo si salva (per ora)

Pagelle Genoa-Milan 1-2: Giampaolo si salva (per ora)

PAGELLE GENOA-MILAN 1-2 – Tra la contestazione da parte della Curva Sud e l’indisposizione di Donnarumma, la serata non promette niente di buono per i tifosi rossoneri. Il primo tempo è infatti lo specchio dell’inizio di stagione 2019/2020. Poco gioco, poca corsa, poca voglia. Poi i cambi e la svolta. La spensieratezza, la freschezza, la tecnica di Paquetà e Leão salvano la panchina a Giampaolo che se la vede veramente brutta nell’intervallo. L’espulsione di Biraschi sembra aiutare e non poco la formazione rossonera a difendere il vantaggio fino a quando Calabria cade nell’ennesima ingenuità e ristabilisce la parità numerica. Dopo la papera del primo tempo, Reina rimedia la sua prestazione parando il rigore di Schöne. Questa rosa ha un evidente problema mentale ormai da anni, servono leader d’esperienza in campo e forse un vero condottiero in panchina. Solo il tempo dirà se questi tre punti siano il più classico dei brodini per un malato destinato al peggio o se aiuteranno questo gruppo e, soprattutto, Giampaolo a svoltare definitivamente.

Reina 6: Chiamato a sostituire Donnarumma colpito da una crisi di vomito nel riscaldamento pre-partita, salva subito il risultato vincendo il duello con Lerager. Schöne è uno specialista ma è clamoroso l’errore sulla punizione che regala il vantaggio ai padroni di casa. Non sembra toccare Kouamè, neanche dopo mille replay. Si guadagna la sufficienza e si prende la sua personale vendetta quando ipnotizza l’ex Ajax dal dischetto. #Sale&Pepe

Calabria 5: Buona gamba nel primo tempo. Soffre però come il resto della retroguardia rossonera l’ampiezza e la velocità degli attacchi genoani. Si becca già la seconda espulsione della stagione, sinonimo di ingenuità ed inesperienza. Qualche passo indietro rispetto ad i netti miglioramenti dello scorso campionato. #ProfondoRosso

Duarte 6: Esordio da titolare con la maglia del Milan per il difensore brasiliano a causa della squalifica di Musacchio. Rischia di combinarla grossa dopo soli due minuti quando si perde Pinamonti nell’area piccola. Più attento e meno impacciato con il passare dei minuti. #Timido

Romagnoli 6: Soffre nel primo tempo la velocità di Kouamé. Si perde Romero che sfiora il raddoppio nel finale del primo tempo. Meno sicuro e più impreciso senza Musacchio al suo fianco, ha però il doppio compito di rendere meno complicato l’esordio di Duarte. La sua prestazione, come quella dei suoi compagni, cresce grazie al risultato. #Impreciso

Theo Hernández 6,5: Si perde Lerager che, per sua fortuna, non è abbastanza lucido a punire una retroguardia rossonera piuttosto allegra nelle battute iniziali del match. Dimostra sempre tanto coraggio e buona tecnica quando si affaccia in avanti. La stessa azione finita sul primo palo nel derby, questa volta regala il pareggio rossonero e la sua prima gioia italiana. #FrecciaRossoNera

Biglia 6: Primo tempo in affanno anche per il numero 20 rossonero. La sua esperienza si fa però sentire nel finale quando c’è da lottare e tenere stretto il risultato. Si dimostra uno dei pochi leader di questo gruppo, l’attaccamento alla maglia non manca mai. Guardare l’esultanza rabbiosa dopo il pareggio e il fischio finale per credere. #Garra

Kessié 6: Tanto spazio per lui e Calabria sulla fascia destra nel primo tempo. Non può però permettersi certe disattenzioni quando viene pressato ai ridossi dell’area rossonera. Inserendosi sempre a testa bassa pecca di egoismo e le sue conclusioni finiscono sempre sull’esterno della rete. Ha il merito di realizzare il rigore che cambia risultato e il destino di Giampaolo sulla panchina rossonera. #Ghiaccio

Çalhanoglu 5: Dopo i disastri della settimana scorsa, i Genoani sanno di poterlo pressare e spingerlo all’errore. Una mezzala deve fare entrambi le fase con coraggio, il numero 10 del Milan non può essere pigro e timoroso. Giampaolo rinuncia al turco tra il primo ed il secondo tempo. alhaNO

Suso 5,5: Come contro la Fiorentina, è il primo a impegnare il portiere avversario con una punizione dal limite. Qualche passo in avanti ma non merita la sufficienza questa sera. Troppo prevedibile e statico, visto anche lo spazio che si ritrova davanti nella seconda metà di gara. #Desaparecido

Bonaventura 6: A sorpresa ritorna in campo dall’inizio dopo quasi un anno di assenza. Paradossalmente sembra essere l’unico a dimostrare impegno e voglia di creare qualcosa. Fondamentale il suo ritorno per uscire da questo momento di crisi, dove la sua esperienza, la sua leadership e la sua serietà sono necessarie. #WelcomeJack

Piątek 5: Spesso isolato, Zapata non gli rende la vita facile. Ha disperatamente bisogno della profondità per rendere al meglio. Avrebbe sicuramente sognato e meritato un ritorno diverso nello stadio che lo ha fatto diventare grande. Le colpe sono sicuramente anche sue ma non è un caso che, prima o poi, tutti i numeri 9 del Milan hanno faticato negli ultimi anni. #SOS

Rafael Leão 6,5: Come Paquetá con Çalhanoğlu, lui entra e sembra fare tutto un altro lavoro rispetto al numero 9 polacco. Si guadagna il calcio di rigore poi trasformato da Kessiè grazie alla solita intraprendenza e spensieratezza. Lasciar partire, a malincuore, Patrick Cutrone per investire sul portoghese sembra rivelarsi la migliore mossa di mercato del duo Boban-Maldini. #Incontenibile

Paquetá 6,5: Sostituisce Çalhanoğlu nell’intervallo per cercare di fare tutto quello che non era riuscito al turco. Cambia la partita con la solita classe ed i soliti numeri da vero brasiliano. Ha la furbizia di cogliere la difesa avversaria impreparata nell’azione che porta al pareggio. Sfiora il goal del vantaggio subito dopo con una bella girata. Snaturarlo come con Piątek non porta a nulla. #Devastante

Conti SV: Entra al posto di Bonaventura dopo l’espulsione di Calabria per difendere il risultato nei minuti finali.

Giampaolo 6: La scelta di non indossare la divisa ufficiale di rappresentanza per poco non si rivela un pericoloso flash-forward. Ritorna ufficialmente al 4-3-3 di gattusiana memoria con Bonaventura esterno d’attacco. Lascia però in panchina una delle pochissime note positive di questo inizio stagione (Leão) e sconfessa definitivamente il suo credo tattico. L’ampiezza del Genoa mette a nudo tutte le difficoltà tattiche e fisiche dei rossoneri. Marassi si conferma però portafortuna per il Mister che grazie ai cambi ed al rigore parato da Reina salva il suo futuro alla guida del Milan. Ci sarà tanto da lavorare nella sosta. #NuovoInizio

Tommaso Dimiddio

Posted by Redazione Rossonera on

Milan e Nazionali, Milanello si svuota, Giampaolo rimasto con pochi giocatori, tra cui il rientrante Theo Hernandez. E Piatek spara dalla Polonia

Milan e Nazionali, Milanello si svuota, Giampaolo rimasto con pochi giocatori, tra cui il rientrante Theo Hernandez. E Piatek spara dalla Polonia

MILAN NAZIONALI – Se è vero che, come ha dichiarato recentemente Piatek, per adattarsi al gioco di Giampaolo ci vuole tempo, è altrettanto vero che molti giocatori del Milan non potranno sfruttare a pieno le due settimane di sosta della Serie A perché impegnati in giro per il mondo con le rispettive nazionali. Il mister rossonero si è così ritrovato con solo una manciata di giocatori a disposizione perché, tra chi è già sceso in campo e chi ancora no, sono ben 15 i rossoneri convocati dai rispettivi ct, considerando anche le nazionali under19 e under21.

Dagli italiani Donnarumma e Romagnoli, usciti vittoriosi contro l’Armenia e che l’8 settembre attendono la Finlandia, a Paquetá e Bennacer, che si trasferiranno in altri continenti per le amichevoli delle loro nazionali. Il Brasile affronterà la Colombia a Miami il 7 settembre e 4 giorni dopo a Los Angeles se la vedrà con il Perù, mentre l’Algeria sfiderà il Benin a Binda il 9 settembre.

Saranno amichevoli anche le partite dei giovani rossoneri Maldini, che con l’under19 sfiderà Olanda (il 6 settembre a Fiorenzuola D’Arda) e Svizzera (il 9 settembre a Colorno), e Mionic, soprannominato il “nuovo Boban”, reduce da uno 0 a 0 della sua Croazia under19 con la Russia e che si prepara ad incontrare Francia (il 7 settembre Ivanic-Grad) e Slovenia (il 9 settembre a Krapina). Qualificazioni per l’europeo di categoria, invece, per Gabbia, che con l’under21 affronterà, il 10 settembre a Castel di Sangro, il Lussemburgo , e Leao, reduce dal 4 a 0 del suo Portogallo under21 contro Gibilterra, che affronterà, a Minsk sempre il 10 settembre, la Bielorussia.

Per quanto riguarda le nazionali maggiori sono scesi in campo da titolari sia il bosniaco Krunic che ha spazzato via il Liechtenstein per 5 a 0 è che l’8 settembre a Erevan sfiderà l’Armenia, sia lo svizzero Riccardo Rodriguez, fermato sull’ 1 a 1 dalla Repubblica d’Irlanda e che si prepara a sfidare, sempre l’8 settembre, Gibilterra a Sion. È rimasto invece in panchina Suso, con la Spagna che l’ha comunque spuntata per 2 a 1 contro la Romania e che, sempre l’8 settembre, se la vedrà, a Gijón, con le non irresistibili Far Øer. Tra chi deve ancora scendere in campo ricordiamo Çalhanoglu, che il 7 settembre a Istanbul sfiderà Andorra e il 10 a Chisinau la Moldavia, e l’ultimo acquisto del mercato estivo Ante Rebić impegnato in due sfide non complicate con Slovacchia (il 6 settembre a Trnava) e Azerbaigian (il 9 settembre a Baku).

Ma forse il rossonero che più potrebbe trarre beneficio dalle uscite con la nazionali è il già citato Piatek, che giocherà il 6 settembre a Lubiana contro la Slovenia  e tre giorni dopo se la vedrà a Varsavia con l’Austria, apparso non in forma nelle prime partite con il Milan e apparentemente perseguitato dalla maledizione della maglia numero 9. E che con l’ultima intervista ha sparato un colpo destinato a fare molto rumore. La speranza è che possa spararne altri alla ripresa del campionato contro la bestia nera Hellas Verona. Partita in un cui forse potremmo rivedere, almeno in panchina Theo Hernandez, uno dei pochi giocatori rimasti a Milanello a lavorare sui dettami di Giampaolo.

Photo Credits: AcMilan.com

Posted by Redazione Rossonera on

ICC, Bayern-Milan 1-0: l’analisi del match. Decide una rete di Goretzka

ICC, Bayern-Milan 1-0: l’analisi del match. Decide una rete di Goretzka

ICC, BAYERN-MILAN 1-0 – Dopo la sgambata contro il Novara terminata 1-1, il Milan disputa la sua prima amichevole ufficiale della stagione contro il Bayern Monaco. La gara termina 1-0 per i tedeschi grazie alla realizzazione di Leon Goretzka.

Giampaolo schiera una formazione decisamente rimaneggiata, considerando anche le assenze di Suso, Romagnoli, Musacchio e Rodriguez. Titolare viene schierato Daniel Maldini dietro le punte e l’inedita coppia difensiva composta da Gabbia e Strinic.

A Kansas City i ritmi sono alti, inizialmente fa il Bayern la partita, ma alla lunga il Milan esce fuori, collezionando un’occasione per Piatek, che prova a sfruttare una indecisione tra Neuer e Pavard e una palla gol non finalizzata da Maldini con un tiro di piatto. Il Milan, nonostante momenti di sofferenza, ha provato comunque a giocare sempre la palla partendo dalle retrovie, su volontà di mister Giampaolo.

Nel finale di primo tempo il Bayern trova la rete grazie alla marcatura di Goretzka che sfrutta una imbeccata di Kimmich, con Strinic colpevole in marcatura. Hernandez prima dell’intervallo è costretto ad abbandonare il terreno di gioco per una distorsione alla caviglia destra, al suo posto Conti in campo sulla fascia sinistra.

Nella ripresa da sottolineare un pregevole velo di Daniel Maldini che favorisce la conclusione di Piatek, con il pallone che termina alto sopra la traversa; Cutrone si divora invece un gol davanti ad Ulreich, dopo aver approfittato di un errore in disimpegno di Sule. Nel finale rete annullata al Bayern per un evidente fallo di mano di Arp.

TOP E FLOP DEL MATCH

TOP

Il migliore del Milan è stato senza dubbio Theo Hernandez, che ha messo in mostra una grande spinta sulla corsia mancina, mettendo in mostra forza fisica, velocità e tecnica. L’ex giocatore del Real è dovuto poi uscire per un infortunio alla caviglia, si spera niente di serio per lui. Queste le dichiarazioni di Giampaolo su di lui a Milan TV: “Mi è piaciuto molto. Grande qualità e grande forza, peccato che si sia fatto male, ma mi è piaciuto tanto nei minuti in cui ha giocato”.

Positiva anche la prova di Daniel Maldini, che ha mostrato grande personalità, sfiorando anche la rete con una conclusione dentro l’area.

Buona la prestazione di Biglia in cabina di regia, così come quella di Gabbia al centro della difesa.

FLOP

In difesa errore evidente di Strinic sulla rete del Bayern Monaco in marcatura, ma l’ex giocatore della Samp paga il fatto di essere stato schierato in un ruolo non suo. Piatek non un flop, ma ha avuto comunque poco modo di incidere. Giampaolo lavorerà molto sui movimenti del polacco.

TABELLINO: BAYERN-MILAN 1-0 

MARCATORI Goretzka al 48’ p.t.

BAYERN (4-3-3): Neuer (dal 1’ s.t. Ulreich); Kimmich (dal 1’ s.t. Mihaljevic), Sule, Pavard, Davies; Goretzka, Tolisso (dal 1’ s.t. Thiago), Sanches (dal 14’ s.t. Singh); Arp, Müller (dal 35’ s.t. Stiller), Coman (dal 14’ s.t. Alaba). (Hoffmann, Kehl, Poznanski, Zaiser, Lewandowski, Johansson). All. Kovac.

MILAN (4-3-1-2): G. Donnarumma; Calabria, Gabbia, Strinic, Theo Hernandez (dal 45’ p.t. Conti); Calhanoglu, Biglia, Borini (dal 46’ s.t. Brescianini); Maldini (dal 14’ s.t. Cutrone); Castillejo (dal 46’ s.t. Mionic), Piatek. (A. Donnarumma, Plizzari, Capanni, Capone). All. Giampaolo.

ARBITRO: Chapman (Usa).

Photo Credits: AcMilan.com

Andrea Propato

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian