Tag Archives

52 Articles

Posted by Redazione Rossonera on

Stefan Simic a Radio Rossonera: “Esordio al Milan emozione speciale. Rebic sta dimostrando il suo valore, Gattuso ci voleva bene”

Stefan Simic a Radio Rossonera: “Esordio al Milan emozione speciale. Rebic sta dimostrando il suo valore, Gattuso ci voleva bene”

STEFAN SIMIC A RADIO ROSSONERA – Protagonista di “Face to Face” sul canale Instagram di Radio Rossonera, l’ex difensore Stefan Simic ha raccontato le emozioni del suo esordio con la maglia del Diavolo ma non solo: tra gli argomenti della chiacchierata anche Rebic, Gattuso e il possibile prosieguo di questa stagione. Qui di seguito le sue parole:

Quando hai capito di poter diventare calciatore?

Quando lo Slavia Praga mi ha spostato dai 95 ai 93 ho capito che forse sarei potuto diventare un calciatore e quando mio padre iniziava a mandarmi agli allenamenti extra.

Quando sei giovane non ci pensi così tanto al calcio professionistico, spesso accade tutto velocemente.

29/11/18 – Stefan Simic esordisce con il Milan. Che ricordi hai?

Un’emozione speciale, adesso non sembra, perché tanta gente dimentica, sottovaluta e quando una squadra non va bene la butta ancora più giù, però insieme al Milan c’è solo il Real Madrid.

L’altro giorno parlavo con un mio amico, mi ha chiesto se mi manca Milano, ma in realtà al di là della città, è proprio giocare al Milan. Io faccio forse parte dell’ultima generazione che ha visto il Milan.

Come hai vissuto l’addio al Milan?

Andare via non è stato così difficile perché quando non giochi diventa pesante, ti alleni si ma tutto quello che fai lo fai per giocare. È bello però aver lasciato un ricordo positivo perché anche se giocavo poco mi impegnavo sempre.

Cosa puoi dirci su Rebic?

Ante Rebic mi piace molto, mi dispiaceva quando all’inizio la gente non parlava bene di lui ma sono contento che ora stia dimostrando il suo valore e facendo gol importanti.

Raccontaci di Gattuso allenatore …

Il mio rapporto con Gattuso era molto buono anche se non giocavo mai mi sono sempre sentito parte del gruppo, era bravo in questo, ci voleva bene, spesso urlava ma poi capivamo che lo faceva per migliorarci.

Inzaghi invece anche se faceva l’allenatore aveva ancora la fame da giocatore, giocava spesso insieme a noi. Il suo staff era molto forte, Abate, Matteucci, Fiorin, poi c’era Nava che allenava i difensori e se ero molle in allenamento mi faceva fare l’attaccante e lui da difensore mi picchiava.

Cosa manca al Milan per arrivare in Champions League?

Al Milan per arrivare in Champions forse manca un po’ di continuità, perchè quasi ogni anno cambia qualcosa, e se non cambia, sembra cambiare, quindi le persone che ci sono non possono lavorare tranquille.

A quel difensore ti ispiravi di più a Milanello?

Quando giocavo al Milan il difensore che guardavo spesso era Alex, tecnicamente e fisicamente forte, era leader, non parlava tanto ma lo era.

Secondo te finirà questa stagione?

Ovvio che il calcio deve fermarsi, il Coronavirus è una cosa seria, ora bisogna aiutare chi è in difficoltà e se tra 1 mese, massimo un mese e mezzo non si può ripartire, bisogna finire  il campionato così com’è.

Face to Face” è sul canale Instagram di Radio Rossonera. Eccovi uno stralcio della diretta video con Stefan Simic:

Posted by Redazione Rossonera on

Stefano Eranio a Radio Rossonera: “Non assegnerei lo scudetto. Al Milan serve continuità. Boban doveva aspettare, ma Gazidis…”

Stefano Eranio a Radio Rossonera: “Non assegnerei lo scudetto. Al Milan serve continuità. Boban doveva aspettare, ma Gazidis…”

STEFANO ERANIO A RADIO ROSSONERA – La nostra redazione ha contattato telefonicamente l’ex centrocampista del Milan, Stefano Eranio e abbiamo avuto il piacere di fare quattro chiacchiere con lui su diverse tematiche d’attualità.

Qui di seguito l’intervista completa:

Calcio – Coronavirus: quali saranno le ripercussioni?

“Il Coronavirus è un problema arrivato in maniera inaspettata, è una situazione di emergenza che non ricordo di aver visto prima, quindi attualmente si sta navigando a vista. Si stanno dando delle date ma per ora ovviamente non c’è nulla di certo. Quello che mi auguro è prima di tutto vincere questa battaglia, poi che si possa terminare nel miglior modo possibile le competizioni anche se non si può dire che quest’annata non sia falsata. Diventa difficile capire come gli stessi atleti possano riprendere dopo un momento così scioccante per tutto il paese”.

Il mondo del calcio poteva gestire meglio l’organizzazione nella fase iniziale di questa situazione?

“È difficile dare delle colpe. Già a livello medico le informazioni erano diverse all’inizio, si diceva fosse poco più di un’influenza e quando arrivano notizie del genere la vita poi continua in maniera normale. Il problema era in Cina, a tanti km da noi, nessuno pensava si arrivasse a una situazione del genere. Parlare da fuori è molto più semplice ma prendere delle decisioni senza sapere di cosa stai parlando non lo era. L’importante in questo momento è essere uniti e gestirla nel miglior modo possibile, anche se siamo di fronte a qualcosa che ci farà navigare nel dubbio finché non uscirà un vaccino e sarà debellato del tutto”.

La Uefa ha provato a stabilire il 24-27 giugno le finali delle coppe europee, per lei è uno scenario credibile razionalmente visto che il virus sta avendo tempistiche diverse nei vari paesi?

“Stanno cercando di dare certezze perchè è giusto provare, nel caso dovesse risolversi tutto. Ci sono di mezzo tante società dove bisogna curare bilanci, ma non solo nel calcio. Il calcio è importante per gli introiti che muove, è giusto salvaguardarlo ma la salute deve essere messa davanti a tutto. Nei momenti di difficoltà questo paese ha sempre dimostrato di sapere emergere, l’Italia ha tutto per farlo”.

Stefano Eranio tradizionalista o progressista: favorevole eventualmente a final four Champions e playoff Scudetto?

“Cercherei di far giocare il più possibile anche se non è una cosa normale, perchè bisognerebbe cercare di incrociare il tutto per le squadre che sono coinvolte nelle competizioni europee perciò sarà difficile. Piuttosto che fare qualcosa di così diverso però cercherei di finirla qua: lo scudetto non lo assegnerei a nessuno, le prime 4 le manderei in Champions League, le successive, come al solito, in Europa League, poi farei salire dalla B le prime due qualificate per la Serie A, senza nessuna retrocessione. Il successivo campionato quindi sarebbe a 22 squadre per poi l’anno dopo farne retrocedere di più, in modo da rendere giustizia a quelle squadre che comunque avevano fatto una buona stagione fino ad ora”.

Il Milan per tornare grande necessita assolutamente di un contatto diretto col passato glorioso o di una strategia totalmente opposta e priva di radici?

“È sempre bello vedere qualcuno che per anni ha vestito la maglia del Milan ai vertici di una società così storica, Maldini così come Baresi sono icone. Bisogna però pianificare cosa si vuole fare. Ovvio che si vorrebbe vincere tutto con pochi soldi ma il Milan storicamente ha vinto quando Silvio Berlusconi ha deciso di investire tanto. Poi l’Atalanta ci insegna che si possono anche fare grandi cose non spendendo tanto, però si contano sulle dita di una mano le società di questo tipo.

Innanzitutto bisogna essere coesi e avere delle idee chiare ma anche se sono sei anni che si dicono queste cose non si sta dando continuità. Le cose diventano grandi quando pezzo per pezzo, anno per anno, costruisci un qualcosa, anche perché creare un qualcosa già è difficile dato che il calcio non è una cosa scientifica, spesso infatti pur prendendo grandi giocatori e spendendo tanto non è detto che i risultati arrivino.

Noi parliamo da fuori e non sappiamo, ma penso che Boban e Maldini stavano lavorando in una certa maniera, con delle problematiche certo, perchè non ci si improvvisa dirigenti, però stavano crescendo. Se poi si cerca di rovinare questo cambiando di nuovo tutto è ovvio che si riparta da zero e così per me non raggiungi nulla a meno che non arrivi un colpo di fortuna, ma io sono più per il miglioramento tassello dopo tassello. Tutti vorrebbero una grande squadra ricca di giovani ed è giusto partire da loro, farli giocare ma con soli giovani diventa difficile intraprendere un percorso quindi ci vuole un giusto mix di esperienza e gioventù capace”.

Lei che ha conosciuto Boban è rimasto sorpreso da quell’intervista o se lo aspettava?

“Sono arrivato al Milan insieme a Zvone, sono stati 5 anni bellissimi, lui è molto intelligente e ha grande personalità. Forse anche la poca esperienza sua da dirigente ha fatto si che potesse uscire così allo scoperto dicendo quelle cose che purtroppo, a tanti, anche se vere, hanno fatto male. Però quando occupi quelle posizioni se non c’è unità di intenti diventa dura. 

Gazidis non lo conosco, è stato chiamato per cercare di monetizzare e portare sponsor, ma purtroppo in questo momento di difficoltà è difficile anche il suo lavoro se i risultati sportivi non sono quelli adeguati. Allo stesso tempo però non si può a metà anno fare uscire certe voci, ma come ho detto, bisogna essere dentro per capire le cose, non so se erano stati avvertiti dello sfogo di Boban, ma magari si sono sentiti un po’ pugnalati alle spalle. Lo sfogo poteva anche essere giusto ma per il bene comune, se rivesti quel ruolo, devi cercare di tutelare la società fino in fondo, fino a che ti senti parte del progetto. Zvone avrebbe avuto modo di sfogare la sua rabbia dopo, forse non era il momento adatto.

Nella stessa posizione, data anche la mia di inesperienza, magari sarei esploso pure io, perchè mi sarei sentito tradito, un conto è se te lo dice la persona un conto sono le voci di corridoio che danno fastidio. Alla fine comunque sono sempre i risultati che decidono la tua posizione, da dirigente sei tu che devi far andare l’azienda, perciò certe situazioni le devi gestire diversamente, invece da calciatore la situazione è tua personale”.

Le piacerebbe tornare a lavorare al Milan? Se si in quale ruolo?

“Io sono un uomo da campo, da lì posso rendermi utile visto quello che è stato il mio percorso da giocatore e allenatore professionista, potrei dare una grande mano a livello tecnico tattico. La famiglia Milan ha sempre avuto direttive precise sull’uomo e sulla qualità, io ho avuto la fortuna di farne parte perciò mi auguro che un giorno possa tornare tutto ciò”.

Beatrice Sarti

Posted by Redazione Rossonera on

Riccardo Cucchi a Radio Rossonera – La radio, il personaggio, il calcio: “La passione della vita”

Riccardo Cucchi a Radio Rossonera – La radio, il personaggio, il calcio: “La passione della vita”

RICCARDO CUCCHI A RADIO ROSSONERA – “L’emozione non ha voce” cantava Adriano Celentano ma, non ce ne voglia il buon Adriano, permetteteci di dissentire. Certe emozioni “La voce” ce l’hanno, ce l’hanno davvero! E quando le emozioni si intrecciano, si mescolano, si confondono, con un pallone che rotolando sta per varcare una linea di una porta, beh allora quella voce non può che essere quella di Riccardo Cucchi, storico radiocronista di “Tutto il calcio minuto per minuto”. Abbiamo già avuto il piacere e l’onore di ospitarlo all’interno di qualche nostra trasmissione in passato; oggi ci proponiamo di provare a ricalcare su “carta” i contorni della sua immensa figura professionale attraverso quest… Non vogliamo usare il termine intervista, quanto piuttosto, piccolo racconto che proverà a descrivere, senza presunzione alcuna, la radio, il personaggio e il calcio…

Iniziamo facendo un piccolo, grande passo indietro. Le chiedo di tornare bambino e descriverci quando ha iniziato a sperare e volere che raccontare lo sport diventasse la sua vita?

Nel giorno in cui ho acceso la radio, che peraltro ascoltavo sempre, e ho sentito per la prima volta “Tutto il calcio minuto per minuto”. C’erano le voci di Carosio, di Ameri, di tanti colleghi della prima generazione; con Roberto Bortoluzzi in studio, Ciotti arrivò più tardi così come anche Provenzali… Ero un bambino e chiuso nella mia stanza, evidentemente grazie alla radio, riuscivo a vedere le maglie colorate e il prato verde. Ho imparato ad amare il calcio ascoltando la radio e in quel preciso momento ho sognato di poter fare quel mestiere“.

Per molti, lei è una delle storiche voci di “Tutto il calcio minuto per minuto” ma si è mai chiesto cosa avrebbe fatto nella vita qualora non fosse esistito il calcio? Da ragazzo che altre passioni aveva?

Il mio primo sogno è sempre stato quello di fare il radiocronista ma il mio secondo sogno era fare il musicista. Amo la musica, suonavo il violino, cominciai a suonarlo da ragazzo. Se non avessi fatto altre scelte, chissà, sarei potuto diventare un musicista ma non so quanto bravo. La musica la seguo, è una mia grande passione. Ascolto musica classica e lirica ma amo tutta la musica che dopo il calcio è la mia seconda passione“.

C’è mai stato un momento in cui avrebbe potuto dedicarsi alle telecronache e non alle radiocronache? Se sì, cosa l’ha spinta a rimanere sempre fedele al mezzo radiofonico?

C’è stato un momento in cui mi è stato chiesto. In quell’occasione ho accettato di farlo per esigenze aziendali e per 2 anni, senza però lasciare la radio: ho lavorato in televisione e ho raccontato l’atletica leggera alle Olimpiadi di Barcellona nel 1992. Ho proseguito fino al 1993 con altre telecronache di atletica leggera ma senza mai abbandonare la radio perché la domenica ero al mio posto in “Tutto il calcio minuto per minuto”. Durante la settimana e soprattutto durante l’estate facevo telecronache di atletica leggera. Quando mi fu chiesto di lasciare la radio e continuare a fare telecronache in televisione  risposi di no e tornai a fare la radio perché la radio è la mia vera passione. Credo che soltanto attraverso questo mezzo io sia stato in grado di esprimermi al massimo delle mie possibilità“.

Cos’è che rende unica la radio rispetto agli altri mass media?

La parola! Perché alla radio la parola è tutto. Mentre in televisione c’è l’immagine e la parola diventa in fondo una “didascalia”, in radio è la parola stessa ad essere immagine. Questo è il grande gioco che mi sono permesso di trasformare in lavoro, che ho avuto la fortuna di trasformare in lavoro: giocare con le parole per raccontare la realtà è qualcosa di affascinante, paragonabile soltanto alla scrittura o alla lettura di un libro. Credo che la radio sia il mezzo che più si avvicina alla letteratura, sono entrambe forme di comunicazione che giocano sulla parola. Attraverso la parola creano immagini in coloro che ascoltano o che leggono e ritengo che tutto ciò sia qualcosa di straordinario“.

La porto a fare un breve ma enorme viaggio tra i ricordi. Lei ha raccontato le principali imprese dell’Italia del pallone (sia come Nazionale che come squadre di club) ma anche quelle olimpiche. C’è un evento sportivo che è accaduto e non ci ha raccontato oppure che non è mai accaduto e che le sarebbe piaciuto raccontare?

Nella mia carriera sono stato molto fortunato. Ho raccontato 8 Olimpiadi e vittorie straordinarie come quelle dei fratelli Abbagnale nel canottaggio, le medaglie d’oro della scherma italiana, Dorina Vaccaroni, Cerioni… Sono tutti personaggi di sport che io ho amato tantissimo come la scherma che dopo il calcio è il mio sport preferito. Con il calcio, e grazie ad esso, ho vissuto emozioni incredibili raccontando 7 Mondiali, Europei, finali di Champions League, decine e di decine di Scudetti. Sì, sono stato molto fortunato e non ho un rammarico se non fosse quello di non aver potuto fare una radiocronaca di calcio femminile: avrei davvero vissuto con piacere quest’emozione ma purtroppo quando ho lasciato la radio il calcio femminile non era ancora esploso in tutta la sua forza così come avvenuto negli ultimi tempi. Mi sarebbe piaciuto davvero tanto raccontare una partita giocata dalle ragazze che, tra l’altro, stanno crescendo tantissimo a livello tecnico, a livello di club ma anche soprattutto a livello di Nazionale“.

A proposito di calcio femminile, secondo lei finalmente in Italia si cominciano ad abbattere certi pregiudizi su questo sport? L’attuale “boom” del calcio femminile può essere considerato figlio di un singolo momento oppure nel nostro paese siamo sulla strada giusta per continuare a seguirlo con passione nel tempo?

Non credo che questo boom sia casuale. Nello sport, specie nel calcio, nulla è mai casuale. In Italia sul calcio femminile, anche se in ritardo magari rispetto ad altre nazioni, si è fatto un gran lavoro. Apro una piccola parentesi sugli Stati Uniti: quando nel 1994, eravamo al seguito della nazionale italiana ai Mondiali, gli azzurri si allenavano in un college alle porte di New York e vi posso assicurare che nei tanti campi da calcio attorno ai quali si allenava la nostra Nazionale c’erano soltanto ragazze. Perché in America, in quegli anni, il calcio era fondamentalmente uno sport femminile. In Italia siamo un po’ in ritardo ma quello che è avvenuto in questi ultimi mesi, e il grande seguito delle azzurre nell’ultimo Mondiale l’ha dimostrato, è frutto di un grande lavoro della federazione italiana gioco calcio e delle società che hanno cercato di dare un impulso a tutto il movimento femminile. Resto convinto che quest’impulso continuerà nel tempo soprattutto se la federazione continuerà a dare attenzione al mondo del calcio femminile; la stessa attenzione che grandi club stanno dando: penso alla Juventus, al Milan, all’Inter, alla Fiorentina… Se tale processo non si fermerà e se ci sarà la giusta organizzazione, le ragazze diventeranno ancora più protagoniste di quanto non lo siano già oggi“.

Anno 2017, Inter-Empoli 2-0, la sua ultima radiocronaca per “Tutto il calcio minuto per minuto”: quali sono le emozioni che le riaffiorano pensando a quella partita?

In quel giorno ho cercato soprattutto di non far vincere le emozioni rispetto a quello che era il mio lavoro: raccontare la partita. Ho cercato di contenere tutto il mio “vulcano” emotivo ma indubbiamente c’è stato un momento nel quale mi sono tremate le ginocchia ovvero quando la curva nord dell’Inter ha mostrato uno striscione di ringraziamento e di saluto nei miei confronti. Striscione che però ho voluto immaginare come un omaggio non solo nei miei riguardi ma anche nei riguardi di chi attraverso la radio ha raccontato nel passato e continua a raccontare anche nel presente il calcio. Sono convinto che i tifosi vivano con maggiore simpatia il racconto di natura radiofonica e dunque anche di chi ne è narratore perché un radiocronista è un po’ come tutti i tifosi presenti allo stadio: usa i suoi occhi per raccontare ciò che vede, esattamente come un qualunque spettatore. Probabilmente da questo punto di vista il radiocronista è più “vicino” al pubblico dello stadio rispetto a quanto può esserlo un telecronista“.

A prescindere dal mezzo utilizzato, che consiglio si sentirebbe di dare ai giovani giornalisti?

Il mio consiglio è di essere leali! Leali con loro stessi e con i loro lettori, ascoltatori, telespettatori etc… Leali significa sinceri. Cito una bellissima definizione data dal grandissimo giornalista Enzo Biagi che definiva il nostro mestiere come l’essere testimoni della realtà. I giornalisti devono essere testimoni della realtà, devono essere leali, non dobbiamo leggere la realtà con gli occhi di chi ha un’idea preconcetta, non dobbiamo essere parziali, dobbiamo essere capaci di far sì che le persone si facciano un’opinione sulla base di una descrizione reale delle cose che vediamo. Sono contrario al giornalismo di parte, che si tratti di politica o di calcio o di qualsiasi altra natura; il giornalista deve rimanere “terzo”, essere un imparziale mediatore tra la realtà e tra coloro che ascoltano, leggono e/o vedono“.

Cosa ha significato e continua a significare il calcio per lei?

Il calcio è la passione della mia vita. Fin da quando a 6/7/8 anni iniziavo a sentire la radio, nei momenti in cui mio papà mi accompagnò all’interno di uno stadio e vidi per la prima volta quel meraviglioso campo verde che catturò il mio sguardo. Una passione che per 40 anni è stata un’emozione da vivere davanti a un microfono ma che è assolutamente tale ancora oggi. La mia vita si è identificata con il calcio e lo stadio per me è un luogo naturale dove vivere. Ancora oggi mi piace entrare in uno stadio, salire i gradini, fermarmi a guardare l’erba del campo, godermi la partita, i gesti tecnici, vivere il tifo delle persone che sono allo stadio. Al termine della mia carriera da radiocronista ho dichiarato il mio essere tifoso della Lazio, mi sono concesso più di una volta il privilegio di andare a vedere la squadra biancoceleste in mezzo ai tifosi. Essere tifoso tra i tifosi dopo tanti anni in cui da ruolo ero obiettivo e terzo. Adesso posso permettermi di essere anche un po’ tifoso ma fondamentalmente come diceva Eduardo Galeano, grande scrittore sudamericano innamorato del calcio, mi sento un “mendicante” quando entro in uno stadio: un mendicante di bellezza, di poesia di gesti tecnici e di passioni. Questo per me è il calcio”.

Chiudiamo con uno piccolo spaccato d’attualità sui prossimi scenari futuri riguardanti le competizioni nazionali ed europee: Le eventuali “final four” per le coppe europee o i “Playoff e Playout” per i campionati possono essere dei cambiamenti che potrebbero risultare formule vincenti per le prossime stagioni o lei è più un “tradizionalista” in merito?

Sono assolutamente un tradizionalista. Non ritengo che il calcio sia uno sport adatto per i Playoff, lo dico con estrema sincerità: a me non piacciono neanche quelli della Serie B. I Playoff vanno bene per il basket, che naturalmente ha un’altra dinamica, un’altra tradizione e un’altra storia rispetto al calcio, ma non credo siano adatti al calcio. Al momento non esistono regole scritte rispetto ad una situazione come quella che stiamo vivendo. Non è mai sostanzialmente successo, nemmeno durante la prima e la seconda guerra mondiale, che un campionato venisse interrotto. Successe nel 1915 e solo dopo qualche anno, 4/5 se non ricordo male, la federazione decise di assegnare lo scudetto al Genoa malgrado non si fosse mai disputata la finale di quel campionato. Nel 1943 il campionato si concluse regolarmente con la vittoria del Torino prima dello scoppio della guerra. Innanzitutto credo che allo stato attuale delle cose sia importante scrivere delle regole. Sarebbe davvero importante scriverle adesso, ovvero prima di sapere se si potrà o no chiudere il campionato. Mi auguro come tutti che si possano giocare le ultime 12 giornate, perché naturalmente significherebbe che siamo usciti da questa grande emergenza che ci circonda tutti, ma se ciò non fosse possibile a causa di quest’emergenza sanitaria, sarebbe importante che nel momento in cui ci fosse questa certezza ci siano già delle regole scritte per evitare polemiche, dietrologie e sospetti; vorrei davvero che ciò non avvenisse“.

*Si ringrazia Riccardo Cucchi per la grande disponibilità e gentilezza.

Donato Boccadifuoco

Posted by Redazione Rossonera on

Giorgio Perinetti a Radio Rossonera: “Ibrahimovic mossa giusta, Rebic è cresciuto molto. Mi piacerebbe continuare a lavorare nel calcio”

Giorgio Perinetti a Radio Rossonera: “Ibrahimovic mossa giusta, Rebic è cresciuto molto. Mi piacerebbe continuare a lavorare nel calcio”

GIORGIO PERINETTI A RADIO ROSSONERA (ESCLUSIVA) – In vista del prossimo match di campionato tra Milan e Genoa, Radio Rossonera ha contattato l’ex Direttore Sportivo del grifone, Giorgio Perinetti. Qui di seguito, l’intervista completa:

In vista del prossimo match di campionato tra Milan e Genoa, Radio Rossonera ha contattato l’ex Direttore Sportivo del grifone, Giorgio Perinetti. Qui di seguito, l’intervista completa:

Partiamo dal Milan e partiamo da un giocatore che lei ben conosce: Piatek. Al Genoa, voi lo avete scovato, è esploso, l’avete venduto e dopo un periodo buono è crollato. Qual è secondo lei il vero valore calcistico di Piatek e cosa può essergli successo?

Ho sempre parlato di Piatek come di un giocatore dalle qualità importanti, qualità che il Genoa ha valorizzato. Appena arrivato al Milan ha avuto un buonissimo impatto ma alla lunga è un giocatore che fa fatica quando gli allenatori gli chiedono di fare cose diverse in campo. Ad esempio, quando il Genoa è passato da Ballardini a Juric riuscì a segnare solo 1 goal su rigore in 8 partite. Piatek è un terminale offensivo con buona coordinazione e ottime capacità realizzative ma si spende poco per la squadra e non si sa muovere benissimo all’interno di un collettivo che prova a sviluppare gioco

Come si scova un “Piatek”?

Tutte le società hanno una rete di scouting alla quale prestano molta attenzione. Nel caso specifico di Piatek è stata un’intuizione del presidente Preziosi, lui spesso ama fare questo tipo di colpi di mercato”.

Il Milan ha venduto Piatek e ha ingaggiato Ibrahimovic. Mossa giusta per provare a dare una scossa?

Sì! Ibrahimovic è un giocatore straordinario, di spessore e grande personalità. Il Milan aveva bisogno esattamente di questo tipo di giocatore. Lo svedese ha la capacità di centuplicare le forze dei compagni che gli stanno intorno. Complimenti davvero a Boban, Maldini e Massara che lo hanno riportato in rossonero”.

Le sta piacendo il Milan che Boban, Maldini e Massara stanno costruendo?

Sì, ma tutte le cose buone nascono gradualmente. Pensiamo alla Lazio: squadra che ora lotta per lo Scudetto ma che è stata costruita negli anni. Nel Milan degli ultimi anni si sono avvicendate tante persone e certamente la poca continuità non aiuta. Spero che Boban, Maldini e Massara abbiano tempo per lavorare ancora”.

In una sua intervista lei ha augurato a Braida di poter ritornare al Milan

Braida è un amico, ci conosciamo da tantissimi anni ed è una persona che ha dato un contributo enorme nel Milan di Berlusconi. So quanto è legato al Milan e quanto ama il Milan ma il mio era un semplice augurio di natura affettiva”.

Si sarebbe aspettato l’esplosione di Ante Rebic in questa seconda parte di stagione?

All’epoca delle sue prime esperienze in Italia era un giocatore un po’ anarchico e discontinuo, adesso invece l’ho trovato cresciuto sia come calciatore sia come persona. Ha colpi importanti e li sta facendo vedere”.

Cos’è successo secondo lei al Genoa in questa stagione? Col mercato estivo forse era lecito attendersi di più

Il Genoa è una società che non dà molta continuità anche se ovviamente cambia per provare a migliorarsi. Forse nell’ansia di non ripetere la scorsa stagione qualcosa non è andata nel verso giusto. Adesso per con Nicola sembra che la squadra abbia trovato un certo equilibrio. L’euforia di inizio campionato non ha sicuramente portato benefici”.

C’è un giocatore per il quale farebbe follie sul mercato?

Esistono tanti giocatori bravi. L’anno scorso però parlai con Juric di un giocatore che militava in Serie B e che mi sarebbe piaciuto avere: Castrovilli. Centrocampista completo e futuro del nostro calcio”.

Infine, quale sarà il futuro di Giorgio Perinetti?

Mi ritengo un dirigente maturo ma con idee giovani. Mi piacerebbe lavorare ancora nel calcio italiano e poter dare il mio contributo”.

Posted by Redazione Rossonera on

Dejan Savicevic a Radio Rossonera: “Ricordo il derby del 5-0, Ibra ha portato fiducia. Domenica può decidere un calcio piazzato”

Dejan Savicevic a Radio Rossonera: “Ricordo il derby del 5-0, Ibra ha portato fiducia. Domenica può decidere un calcio piazzato”

DEJAN SAVICEVIC A RADIO ROSSONERA – In vista del Derby della Madonnina, la nostra redazione ha contattato uno dei grandissimi protagonisti dell’epopea del Milan degli anni ’90: il “Genio”, Dejan Savicevic. Qui di seguito, l’intervista completa:

Se parliamo di derby: qual è il tuo primo ricordo?

Ho giocato tanti derby, sicuramente mi ricordo le vittorie, come il 5-0 in Coppa Italia contro l’Inter di Ronaldo, ma era sempre dura giocare contro di loro.

Che effetto ti fa vedere Maldini e Boban come dirigenti?

Non pensavo che Berlusconi avrebbe venduto il Milan poi però quando se ne sono andati sia lui che Galliani e Braida, mi ha fatto piacere rivedere Maldini e Boban, i giocatori della mia generazione. Sono contento per loro ma sarà dura far ritornare il Milan a quei livelli. Eravamo una grandissima squadra.

Ti aspettavi che Ibrahimovic fosse così decisivo a 38 anni?

Non mi aspettavo che a 38 anni potesse dare tutto quello che ha dato fino ad ora. Ha dato più fiducia ai giocatori che scendono in campo da quando è tornato. Per ora sta facendo molto bene, speriamo continui così. È stato un rischio, ma il Milan ha fatto bene a riportarlo a Milanello.

Il tuo soprannome era “il genio, il Milan ha tanti giocatori giovani, c’è qualcuno nel quale rivedi una genialità alla Savicevic?

Fino ad ora nessuno ha fatto molto bene, tutti ci aspettavamo di più da Suso, ma giocava 2-3 partite bene poi si spegneva, Leao è sicuramente un giocatore che può crescere.

Dove vedrai il derby? Come lo vivi?

Lo vedrò con gli amici o a casa. Farò certamente il tifo per il Milan.

Chi può essere l’uomo a sorpresa?

Difficile fare pronostici, per me è importante che non giochi Lautaro, perché in questo momento è uno dei migliori giocatori in Italia, spero che Ibrahimovic giocherà. Il derby è una partita che si potrebbe decidere anche da calcio piazzato, è vero l’inter ha molti più punti del Milan in questo momento ma non significa nulla. Spero che il Milan possa fare risultato.

Photo Credits: AcMilan.com

Posted by Redazione Rossonera on

Alberto Zaccheroni a Radio Rossonera: “Dare certezze ai giocatori è fondamentale, così come il dialogo”

Alberto Zaccheroni a Radio Rossonera: “Dare certezze ai giocatori è fondamentale, così come il dialogo”

ALBERTO ZACCHERONI A RADIO ROSSONERA – Alberto Zaccheroni, ex allenatore rossonero vincitore dello Scudetto del 1999, ha rilasciato ai nostri microfoni una lunga intervista sul momento attuale dei rossoneri confrontandolo a volte con il “suo” Milan vincente. Tra aneddoti e analisi sull’attualità ecco le parole del mister di Cesenatico partendo dal commento sull’esonero di Giampaolo:

Credo che la fiducia verso l’allenatore sia diminuita da entrambe le parti, sia dal lato dei calciatori che da quello dei dirigenti. Sono rimasto sorpreso anche io, certo non aveva mai allenato una grande ma Giampaolo i giocatori in campo li sa mettere. Io ad esempio ho avuto giocatori di Giampaolo in passato e i più grandi sponsor di Giampaolo sono sempre stati i giocatori stessi“.

Il mister nelle ultime stagioni aveva fatto sempre bene, valorizzando giocatori che in passato non erano nemmeno appetibili sul mercato: un esempio Quagliarella del quale l’Udinese donò metà cartellino alla Samp. Il Milan ha iniziato il campionato senza una identità precisa, si è lavorato per 100 giorni per fare il rombo con Suso dietro le punte: a vio avviso invece Suso ci deve andare dietro le linee, partendo dall’esterno, non deve trovarsi già lì spalle alla porta perchè è un giocatore che toccando tanto la palla perde il tempo della giocata. Sono anche contrario ad avere un sistema di gioco preciso, sono un allenatore che si adatta ai giocatori ma al di là questo ora tutti i rossoneri sono sotto il livello medio delle loro prestazioni, c’è quindi qualcosa che non va“.

Per “catturare” i giocatori serve dar loro certezze ma questo non è possibile, perché non si può dire ad un ragazzo: “così si vince”. Al contrario attraverso il rapporto e il contatto diretto bisogna dar loro sicurezze che possano far fare bella figura, perché prima di tutto un giocatore è individualista. Questo fa capire l’importanza del dialogo fin dal ritiro dove spesso si riesce ad instaurare un rapporto diretto. L’allenatore ora deve pensare a mettere in campo sì tutti i giocatori di maggior qualità ma anche quelli funzionali come i “miei” Guly, Helveg, Sala, ragazzi che davano equilibrio e facevano il lavoro sporco. Questo è l’equilibrio che bisogna trovare nel Milan di adesso. Al giocatore che deve fare questo lavoro sporco e di equilibrio direi: “hai l’occasione della vita, io ti do la maglia del Milan, sfruttala“.

Non so se i senatori di questo Milan hanno la personalità dei miei, non conosco il loro carattere però sottolineo un aspetto: la maglia del Milan pesa. Entrare con la maglia rossonera a San Siro è diverso, ho avuto nazionali che avevano già vinto in passato che ho dovuto spingere sulla schiena nel sottopassaggio per farli entrare in campo. L’allenatore deve cercare di costruire uno zoccolo duro con i più seri, determinati, con personalità e non è detto siano anche i più bravi. Io avevo Maldini, Costacurta e Albertini ed erano loro tre a dar equilibrio allo spogliatoio. Il lavoro sporco lo facevano loro, lontano dai miei occhi e non venivano certo a riferire cosa facevano con il gruppo. Ad esempio andavano a spiegare ai giovani cosa era il Milan e come ci si doveva comportare, ai nuovi dicevano cosa era consentito e cosa no. Billy Costacurta la prima sera prese Shevchenko che aveva ancora i bagagli chiusi in hotel e lo portò a cena con Albertini per fare ciòOra bisogna individuare quelle due-tre persone che facciano questo lavoro perché l’allenatore non riesce a stare dietro a tutto”.

I giocatori del Milan non devono pensare alla qualificazione alla Champions League. Non si deve parlare di questo perché si darebbero loro pesi e responsabilità che non possono reggere per ora. Bisogna far fare cose semplici con tranquillità e non dar loro alibi come il cambio allenatore o il giocare in un ruolo non abituale. Non bisogna gridare o responsabilizzare ma piuttosto sdrammatizzare, una pacca in un più sulle spalle, anche i tifosi spero che non contestino la squadra. Una chiave è rimettere i giocatori al loro posto, anche qualche faccia pulita in più come nel 1999 feci con Abbiati e Aliyu“.

Ora bisogna trovare equilibri perché la qualità c’è. Ad esempio, Suso: se critichiamo lo spagnolo… Suso è il giocatore di maggior qualità, bisogna far leva su di lui perché ha tante giocate, deve esser il primo punto fermo, forse è criticato dai tifosi perchè in passato l’hanno visto giocare meglio, non so, bisogna metter vicino a lui altri giocatori per aiutarlo come ad esempio un terzino che gli si sovrappone alle spalle“.

Leao non mi sembra un centravanti, gli piace ricevere palla sui piedi e davanti alla porta non mi ha dato l’idea del cecchino. Piatek invece ha altri limiti ma non certo la finalizzazione. Piatek i gol li ha fatti con una certa continuità. Leao ora deve recuperare, perché quando le cose non vanno bene tutti sono contagiati da questo strano virus“.

Pioli sul piano tattico ha dimostrato in tante piazze di saper conoscere il suo mestiere, quello che mi sorprende è che invece solitamente i problemi li ha sempre avuti sul lungo periodo non ad inizio esperienza. Penso però sia solo questione di tempo. Ha la fortuna di avere Paolo Maldini, che ama sì il milan ma è molto razionale, freddo nell’analisi, è un gran vantaggio avere un dirigente così“.

Posted by Redazione Rossonera on

Vincent Candela a Radio Rossonera: “Il Milan è un patrimonio del calcio mondiale. Roma-Milan? Mi preoccupa Suso”

Vincent Candela a Radio Rossonera: “Il Milan è un patrimonio del calcio mondiale. Roma-Milan? Mi preoccupa Suso”

VINCENT CANDELA A RADIO ROSSONERA – A due giorni da Roma-Milan, sfida valida per la nona giornata di Serie A, Radio Rossonera ha intervistato l’ex terzino giallorosso, Vincent Candela, per affrontare i principali temi dell’imminente sfida dell’Olimpico. Qui di seguito, tutte le sue dichiarazioni:

Vincent, tu ne hai giocate tante di partite contro il Milan. Com’era giocare contro quel Milan e quanto è diverso quel Milan da quello di oggi?

Sì, contro il Milan ho giocato tantissime partite. Il Milan è sempre una grande squadra anche se ultimamente sono un po’ in difficoltà. Io ho giocato contro il Milan di Capello ma poi il Milan ha continuato a vincere comunque. Ultimamente è un po’ cambiato il calcio ed è triste non vedere il Milan in lotta per lo Scudetto perché il club rossonero è un patrimonio del calcio mondiale“.

In questo momento Totti e De Rossi sono lontani da Roma. Che ne pensi?

Per quanto riguarda Totti che abbiano perso tutti: la società, Totti stesso ed i tifosi. Ovvio, io non ero lì per capire cosa è successo ma credo che il tutto sia stato gestito male a cominciare dai tempi di Spalletti in panchina. De Rossi?L’esperienza in argentina gli farà bene a livello di crescita personale“.

Torniamo al Milan. Ti aspettavi l’esonero di Giampaolo? Pioli può essere la scelta giusta per ripartire?

Non lo conosco personalmente ma non sono un grande estimatore di Giampaolo. Guardando la sua carriera non è che abbia raggiunto grandi risultati. La scelta di metterlo sulla panchina del Milan è stata un po’ rischiosa anche se l’anno scorso ha fatto bene con la Sampdoria ma al Milan è necessario un altro tipo di gestione. Certo un esonero dopo una vittoria è strano ma magari c’è qualcosa che non so. Pioli? Anche lui non è che abbia fatto tantissime esperienze in grande squadra, non è certamente Mourinho, Capello o Guardiola. Gattuso invece ha fatto benissimo: un miracolo con la squadra che aveva a disposizione“.

Come arriva la Roma a questa sfida anche considerando quanto visto ieri in Europa League?

La Roma ieri ha fatto squadra tirando in porta più del solito e mostrando un’ottima fase difensiva. Vero che il rigore non c’era ma noi siamo la Roma e non ci dobbiamo lamentare, bensì guardare sempre avanti“.

Domenica rivedremo Mancini a centrocampo?

Non credo. Vero che ieri ha cominciato la gara lì ma poi si è spostato indietro formando una difesa a 3. Magari domenica a centrocampo giocherà Pastore in modo di avere più soluzioni offensive“.

Da terzino a terzino: cosa pensi di Theo Hernandez?

Bel giocatore! Bravo tecnicamente e con la testa alta: crossa e fa su e giù sulla fascia. Inoltre ha ampi margini di crescita“.

Domenica chi potrà fare la differenza per le due squadre?

“Per la Roma dico Dzeko, Smalling e Mancini; per il Milan dico Kessié, Biglia e soprattutto Suso: un giocatore che ha tanta fantasia e un bel piede sinistro.

Infine, esiste un Candela nel calcio di oggi?

C’è un tempo per tutti. In questo momento mi rivedo solo in Marcelo: io tecnicamente ero più forte ma lui si muove un po’ di più (scherza n.d.r.)“.

Immagine articolo tratta da: giallorossi.net

Posted by Redazione Rossonera on

Simone Tiribocchi a Radio Rossonera: “Piatek ha grandi qualità ma al Milan la pressione è alta. Pioli mi piace molto”

Simone Tiribocchi a Radio Rossonera: “Piatek ha grandi qualità ma al Milan la pressione è alta. Pioli mi piace molto”

SIMONE TIRIBOCCHI A RADIO ROSSONERA – A 2 giorni da Milan-Lecce, l’ex attaccante dei giallorossi (e non solo) Simone Tiribocchi è intervenuto ai microfoni di Radio Rossonera (all’interno della trasmissione Radio Rossonera Talk) per presentare la sfida di domenica sera a San Siro e per soffermarsi su alcuni temi relativi alla gara ed al presente di casa rossonera. Qui di seguito, l’intervista completa:

Con la maglia del Lecce hai giocato contro un Milan campione d’Europa in carica: che ricordi hai di quelle sfide?

Quello era un Milan straordinario fatto di giocatori straordinari. A quei tempi sapevi di giocare contro una squadra fortissima e sapevi che il risultato finale in qualche modo dipendeva sempre da loro, perché se volevano vincere la partita la vincevano. Poi è normale che squadre di quel livello non possono preparare 60 partite stagionali al massimo delle loro possibilità mentali e di fatti a volte riuscivi a strappare un pareggio magari. Il mio goal al Milan con la maglia del Chievo? Lo ricordo bene: ho saltato Nesta e fatto goal a Dida, niente male (sorride n.d.r). Ogni tanto riguardo quel video e mi chiedo se fossi stato veramente io a fare quella rete“.

Parliamo di Piatek. Cosa può succedere a volte nella testa di un attaccante?

Su Piatek credo che la verità stia un po’ nel mezzo: non credo che sia quel giocatore che si è visto al Genoa l’anno scorso ma nemmeno quello visto in queste prime giornate con il Milan. È un attaccante che ha grande qualità e forza fisica però quando vai al Milan è chiaro che ci sono altre pressioni e che il pubblico possa fischiarti anche al primo passaggio sbagliato“.

Può esserci stato un problema a livello empatico con Giampaolo per Piatek?

Credo che si possa parlare più di incomprensioni a livello tecnico piuttosto che empatico. Ai giocatori capita di cambiare rendimento dal club alla nazionale o magari da un allenatore ad un altro o anche da una stagione ad un’altra. Probabilmente il gioco di Giampaolo non si sposava con le sue caratteristiche“.

Ai tempi della Pistoiese tu e Stefano Pioli vi siete solamente sfiorati, ora Pioli è il nuovo allenatore del Milan. Scelta giusta per i rossoneri?

Pioli è un allenatore che mi piace molto. Purtroppo è stato molto criticato ma per un discorso legato ad alte aspettative. Conosco Stefano personalmente, è una persona in gamba senza scheletri nell’armadio e sicuramente sa il fatto suo. Negli ultimi anni non ha fatto per nulla male e dico che un allenatore così mancava nella Serie A italiana“.

Parliamo di Lecce. Ti piace la squadra di Liverani? È attrezzata per raggiungere una salvezza tranquilla?

Il Lecce di Liverani è una squadra che ha sorpreso tutti positivamente nello scorso campionato di Serie B. In estate ha acquistato rinforzi importanti ma per via dei tanti infortunati, Liverani ha avuto un po’ di difficoltà nelle rotazioni. Ho seguito Atalanta-Lecce e posso confermarvi che Liverani ama far giocare le proprie squadre a calcio anche partendo dal basso; in Italia non siamo molto abituati a squadre che devono salvarsi e giocano così a viso aperto. Forse però manca un po’ di fisicità a centrocampo“.

Due nomi: un giovane italiano che pensi possa presto sfondare e un attaccante in cui ti rivedi

Per quanto riguarda il giovane dico Scamacca: sta finalmente capendo l’importanza del suo ruolo e ha grandissime qualità tecniche. Il “Tir” di adesso? Mi rivedo un po’ in Immobile anche se lui a livello di movimenti è più completo“.

Come sta procedendo la tua avventura al Monza?

“La proprietà, che conoscete bene, ha fatto una squadra per vincere il campionato di Serie C, una squadra molto forte. Al Monza si lavora bene e vogliono che ad emergere siano anche i giocatori del settore giovanile”

Infine, dove ti vedremo tra 10 anni?

Bella domanda, me lo chiedo spesso anch’io. A me piace stare sul campo ma so che al momento non sarei pronto mentalmente per un incarico in prima squadra. Il mio obiettivo è quello di far crescere i ragazzi ed insegnargli quello che ho imparato sul campo. Più avanti comunque sono sicuro che allenerò“.

Immagine articolo tratta da: Illeccese.it

Posted by Redazione Rossonera on

Milan Femminile, Ganz “Vittoria emozionante, ma dobbiamo migliorare. Auguro a Pioli tutto il bene del mondo”

Milan Femminile, Ganz “Vittoria emozionante, ma dobbiamo migliorare. Auguro a Pioli tutto il bene del mondo”

MILAN FEMMINILE – Se il Milan maschile per ora non brilla ci pensa quello femminile a far tornare il sorriso ai tifosi rossoneri. Domenica, allo stadio Breda di Sesto San Giovanni, nel primo, storico, derby milanese al femminile il Milan ha trionfato sull’Inter per 3 a 1 (doppietta di Conc e e rete di Rinaldi a rimontare il momentaneo 1 a 1 nerazzurro di Marinelli). Abbiamo avuto il piacere di intervistare in esclusiva a Radio Rossonera, all’interno della trasmissione Il Diavolo Veste Rosa condotta da Lucia Pirola, il mister rossonero Maurizio Ganz

Che cosa le è piaciuto del derby?

La preparazione che è stata molto buona. Sapevamo di incontrare una squadra tosta che arriva dalla serie B e quindi ha le motivazioni a mille. Ma noi sapevamo cosa potevamo dare, mi sono piaciute la voglia e la determinazione che le ragazze ci hanno messo e il vedere il gruppo sempre unito, anche quando l’Inter ha pareggiato.

Come avete preparato la partita? Cosa ha visto eseguito bene e cosa no?

Entrambe le squadre sono entrate in campo molto tese e noi non abbiamo giocato benissimo. O perlomeno non bene come abbiamo fatto a Roma o, per larghi tratti, contro l’Orobica. Però siamo entrate in campo con la voglia di vincere, la stessa che dobbiamo avere sempre. Poi chiaro bisogna ancora migliorare nella gestione della palla e nel tenere sempre l’intensità alta durante tutti i novanta minuti.

Il fattore Rinaldi dalla panchina sembra funzionare alla grande…

Ci sta facendo fare il salto di qualità, ha molta voglia e cattiveria. Credo che la vedremo presto in campo dal primo minuto.

Che cosa ha detto alla squadra nell’intervallo (con il risultato 1 a 0 per il Milan)?

Sono entrato negli spogliatoi arrabbiato perché non stavamo giocando bene. Avevamo troppa fretta e troppa tensione… continuavamo a fare lanci lunghi che erano una facile preda per le avversarie. Ho chiesto di giocare di più palla a terra e le ragazze mi hanno seguito alla perfezione.

Si sarebbe aspettato un compleanno così?

Vivere un derby da allenatore è quasi più emozionante che viverlo da giocatore. Ringrazierò tutta la vita queste ragazze per le emozioni che mi hanno regalato.

Fa un in bocca al lupo al suo collega Stefano Pioli che sta muovendo i primi passi sulla panchina del Milan maschile?

Stefano è stato mio allenatore a Modena nel 2005/2006, gli faccio un grande in bocca al lupo ma sono sicuro che farà bene, è molto preparato e pignolo. Gli auguro tutto il bene del mondo.

Photo Credits: AcMilan.com 

Posted by Redazione Rossonera on

Gianluca Sartori (Dir. Toronews.net) a Radio Rossonera: “Del Milan temo la voglia di riscatto. La squadra di Giampaolo dovrebbe prestare attenzione a Verdi”

Gianluca Sartori (Dir. Toronews.net) a Radio Rossonera: “Del Milan temo la voglia di riscatto. La squadra di Giampaolo dovrebbe prestare attenzione a Verdi”

GIANLUCA SARTORI A RADIO ROSSONERA – A un giorno dalla gara tra Torino-Milan, sfida valevole per la quinta giornata di serie A, la redazione di Radio Rossonera ha contattato il direttore di Toronews.net, Gianluca Sartori, per affrontare alcuni temi relativi al match che si giocherà domani sera alle 21. Qui di seguito, l’intervista completa.

Un buon inizio di campionato, in seguito una piccola crisi con due sconfitte. Come giudichi l’inizio di stagione del Torino e quali pensi siano gli obiettivi stagionali?

“Considerando il calendario, il Torino avrebbe dovuto avere qualche punto in più perché tutto sembrava andare bene, dopo la vittoria in casa dell’Atalanta a Parma si era generato grande entusiasmo nell’ambiente, invece poi sono arrivati questi due passi falsi inaspettati nell’arco di una settimana contro Lecce e Sampdoria. Poi si sa, gli ambienti calcistici sono volubili per definizione, quelli del Torino forse in particolare, si passa dalle stelle alle stalle nell’arco di poco. Adesso c’è un po’ di scoramento, ma la squadra ha tutte le capacità per riprendersi e ci sono tutti i presupposti per farlo. Sicuramente Mazzarri deve trovare le contromosse giuste per dare uno scossone e raddrizzare un po’ la barca”.

Come giudichi la rosa a disposizione di Mazzarri? Si poteva far di più sul mercato? Quali i punti di forza e di debolezza?

La rosa a disposizione la giudico bene, a mio parere è una rosa completa, forse ci poteva stare un’alternativa in più a centrocampo, ma comunque Berenguer e Ansaldi si possono adattare; credo che la rosa sia completa e dia tutte le garanzie del caso considerando anche Nkoulou pienamente arruolato come mi aspetto torni ad essere entro breve tempo. Sul mercato forse si poteva agire prima, credo che sarebbe stato meglio per tutti, Laxalt e Verdi sono arrivati nell’ultima settimana di mercato, Verdi addirittura all’ultimo secondo; evidentemente le condizioni del mercato erano quelle lì, ma sicuramente sulle tempistiche qualcosa da migliorare ci poteva essere, anche perché hai affrontato il play-off col Wolverhampton senza acquisti e questo un po’ ha attirato delle critiche. Il mercato comunque non è mai facile da leggere, io credo che comunque i rinforzi siano arrivati ed è meglio averli tardi che mai. Tra i punti di forza, fino a due settimane fa, c’era la difesa, adesso non lo è più, è chiaro che le cose sono cambiate rispetto al panorama che c’era ad inizio settembre. Credo comunque che la rosa sia completa da tutti i punti di vista, ci sono alternative da tutte le parti, credo che per la dimensione del Torino vere debolezze non ce ne sono. Semmai a centrocampo si è dato fiducia a chi c’era già in rosa e magari un’alternativa in più ci poteva stare”.

Domani Torino-Milan: chi temi di più della squadra rossonera e a chi dovrebbe prestare maggiore attenzione la squadra di Giampaolo?

Del Milan temo in generale la voglia di riscatto, il Milan non può permettersi la mediocrità, mi aspetto una squadra che scenda in campo per vincere, non c’è tanto un giocatore da temere per il Torino, quanto piuttosto la voglia di reazione che il Milan deve avere dopo la sconfitta netta nel derby. La squadra di Giampaolo dovrebbe prestare maggiore attenzione a Simone Verdi, perché il Torino punterà tanto su di lui per oliare quel raccordo tra centrocampo e attacco che è stato fin qui un po’ il punto critico della gestione Mazzarri, cioè la poca qualità negli ultimi trenta metri. Verdi è stato preso per sopperire a questa lacuna e credo giocherà titolare per la prima volta; credo sia il giocatore da tenere d’occhio con più attenzione, oltre ovviamente a Belotti che, tolta la partita con la Sampdoria in cui ha deluso anche lui, ha avuto un ottimo rendimento nella fine dell’estate, ha fatto nove gol tra Torino e nazionale”.

Andrea Propato

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian