Tag Archives

4 Articles

Posted by Redazione Rossonera on

A. Pennestri (LTA Agency) su calcio femminile e mercato: “Molte calciatrici si muoveranno, ma non si potranno fare errori”

A. Pennestri (LTA Agency) su calcio femminile e mercato: “Molte calciatrici si muoveranno, ma non si potranno fare errori”

Il mondo del calcio femminile cambia in fretta, e anche lo status delle calciatrici, sebbene tuttora ancorato al dilettantismo, assume tratti sempre più professionistici.

Tra le agenzie di consulenza, è forte il marchio della LTA Agency, attiva da oltre 10 anni e attualmente rappresentante degli interessi di oltre 100 atleti provenienti da 35 nazioni diverse. Molte calciatrici attualmente richiedono la verifica documentale alla LTA Agency, e tra queste fanno capolino diverse rossonere, italiane e non.

Abbiamo intervistato Alessandro Pennestri, responsabile per l’Italia della LTA Agency, per discutere dello stato attuale del calcio femminile italiano ed europeo, con riferimenti specifici alla Serie A e al momento del Milan Femminile.

Prima di tutto, la Serie A femminile post coronavirus: quali cambiamenti ci possiamo aspettare realisticamente? Ci sono degli aspetti in cui pensi che il calcio femminile italiano uscirà diverso da com’era prima?

«È indubbio che questo evento epocale non potrà che rappresentare un momento importante sia per il mondo dello sport come per quello politico-economico. Io ritengo sempre che le sfide che la vita ci propone dovremmo cercare di sfruttarle come occasioni di riflessione e miglioramento. È chiaro che l’impatto economico sarà importante, ma si deve continuare nella strada che si stava solcando, non si può tornare indietro. Per l’Italia, io credo che si debba coinvolgere nella crescita e nello sviluppo di un nuovo progetto l’anima del movimento sportivo: le atlete, i club, i tecnici ed i dirigenti, chi materialmente ogni giorno lottano perché questo sport cresca. Solo dall’unione di ogni componente di questo sport, si può uscire migliori da questa pandemia».

La LTA agency opera in tutta Europa e conoscete le differenze tra i vari contesti: secondo te, considerando le diverse normative e i differenti status delle calciatrici, l’interruzione dei campionati e il lockdown incideranno allo stesso modo in Italia e negli altri campionati? 

«Ogni settimana noi ci confrontiamo in agenzia con i vari responsabili in Europa, ed un po’ tutti registriamo come il Covid stia incidendo sul tessuto sociale ed economico, in molti Paesi. In alcuni si è più avanti, i campionati ancora non erano iniziati, e la pandemia li ha presi nella fase preparatoria della stagione, altri invece come in Italia erano nel pieno della stagione sportiva. Per tutti c’è la voglia di riprendere a giocare. Considerando i tempi di un vaccino, l’unica cosa oggi da fare, se non si vuole fermare tutto, è quella di trovare soluzioni che riducano i rischi, e che al contempo garantiscano l’esercizio dello sport. In fondo aldilà della passione dei fan e tifosi, c’è un mondo economico dietro al calcio, e fermarlo a tempo indeterminato, avrebbe conseguenze catastrofiche, sulla vita di molti lavoratori e delle loro famiglie».

Tra le tante giocatrici che rappresentate, non solo italiane, chi ti è rimasta maggiormente impressa per crescita o carriera?

«Ho avuto l’onore in questi anni di conoscere personalmente tante calciatrici che hanno intrapreso una parte o tutta la loro carriera con noi al loro fianco (Seger, Vero Boquete, Lindhal, Sofie Pedersen o Linda Sembrant, come tutte le italiane e non). Sono stato fortunato in questo, e ti devo dire che da ognuna di loro ho imparato molto. Ho percepito la passione che muoveva i loro sacrifici, e la risolutezza con la quale affrontavano le difficoltà che una carriera da calciatrice le riservava. Io, alla fine, rimango un sognatore, e quindi per me vedere una giovane calciatrice che si avvicina in modo positivo a questo sport, è sempre fonte di ispirazione. Ho seguito agli inizi (non ho scoperto, perché “le calciatrici – come dice un mio caro amico – si scoprono da sole”), Manuela Giugliano. Ho fatto le nottate, come molti, per vederla al mondiale in Costa Rica, lei come le sue compagne, ed ho condiviso una parte di percorso con lei, sino all’Atletico di Madrid. Non recrimino nulla sulle scelte, e lei è diventata grande oggi, ma per me rimane sempre quella giovane con la quale ci si confrontava di scelte tecniche e personali anche a tarda sera o di ritorno da un match fuori casa. Ma come lei spero ne nasceranno altre, e come dico a tutte, ci si deve ricordare che si è sempre il “riferimento” per qualcun altro, e che quindi bisogna tenerlo a mente e comportarsi di conseguenza».

Un nome (tra i vostri della LTA o anche al di fuori) per il futuro del calcio femminile italiano? E uno extra italiano?

«Per non fare torti a nessuno, propongo una calciatrice LTA che non gioca ora in Italia, ma che a mio avviso farebbe molto bene, si chiama Ajara Nchout Njoya, attaccante del Camerun (all’ultimo mondiale ha segnato uno dei 3 goal candidati al premio Puskas), seconda al pallone d’oro d’Africa dietro solo a Oshoala del Barça. Lei, perché avendola conosciuta di persona, posso confermare quanto il mondo del calcio femminile sia diverso da quello maschile, queste “stelle” sempre molto professionali dentro come fuori dal campo, e poi una calciatrice davvero per palati fini. Spero un giorno di vederla in Italia. Nel mondo per me una top player, che sa gestirsi, che sa essere un personaggio mediatico senza eccessi nè necessità alcuna di apparire, e che come calciatrice è davvero un “crack”, non può che essere Vero Boquete, che ha vinto davvero di tutto nella sua carriera. Lei che si è costruita con tanti sacrifici negli anni, ma che è sempre disponibile e ha chiaro come sia un punto di riferimento per tante piccole calciatrici in Spagna come nel resto del mondo».

Parliamo di Milan femminile: come giudichi la squadra sotto la gestione di Ganz?

«Va riconosciuto al mister di essersi calato in modo perfetto nel ruolo di allenatore di un gruppo diverso da quello che aveva allenato sino a questa stagione, ma anche di un campionato che scopriva in corso di svolgimento. Una squadra senza “prime donne” ma con tutte protagoniste dei successi. Un gruppo. Questo per chi fa calcio femminile da anni, sa che è un’arma in più. Lui ci è riuscito: chapeau

Chi per te tra le giovani del Milan femminile ha le migliori o più interessanti prospettive di crescita?

«Ho avuto modo di apprezzare la crescita di Tamborini e Longo, ma anche di molte piccoline dell’U17. Per un club come il Milan, il futuro nei piedi di tante ragazze che crescono bene, in un settore giovanile sano, è una risorsa importante».

Il mese di maggio per i milanisti è costituito da un susseguirsi di ricordi di grandi nottate di Champions, e la società ha dato prova di credere molto nel futuro del femminile: cosa manca secondo te al Milan femminile per essere a tutti gli effetti una squadra da champions?

«Se si vedono i risultati e la classifica, il Milan è li, nella posizione giusta per potersi contendere il posto Champions, quindi chi ha lavorato, ha lavorato bene. Io sono compreso nei 60 milioni di italiani commissari tecnici, e sicuramente farei qualche innesto, ma alla fine io faccio un altro ruolo è quindi giusto che sia chi ha quella posizione ad avere il peso delle scelte. Credo dalla mia esperienza, nella forza delle idee. Avere un’idea di calcio femminile, chiara e ben definita in modalità e tempi, sia secondo me la miglior strategia vincente per un team. Ed ho la convinzione motivata, che sia ben chiara la strada da perseguire, a chi oggi gestisce l’aspetto tecnico».

La finestra di “calciomercato”, per chiamarlo con termini noti dal calcio maschile, è ormai alle porte: pensi sarà un’estate di colpi di scena sul mercato?

«Sai, nel calcio femminile non esiste un “calciomercato” vero e proprio. I club si muoveranno tutti, contattando le calciatrici che riterranno funzionali, qualche volta ci si riesce, qualche volta si vince una scommessa, altre no. Io sono certo che i club che più hanno dimostrato di credere al calcio femminile, abbiano già fatto i propri movimenti, anche in relazione alle giustificate ambizioni di vittoria. Appena sarà chiaro come finirà la stagione e come o quando si ripartirà, molti saranno i movimenti di calciatrici. Certo è che se prima si faceva qualche “scommessa” in più, nel futuro, si faranno scelte molto più ponderate, analizzando bene pro e contro, e valutando i costi. Non si potrà sbagliare, quindi, e chi avrà l’onere della scelta, avrà una bella responsabilità nei confronti di tifosi e società. L’importante è che il campionato italiano cresca ogni anno di più, e presto vedremo sempre più grandi calciatrici, calcare i campi italiani, ne sono convinto».

 

Grazie ad Alessandro Pennestri e ad LTA Agency per la disponibilità

Lucia Pirola

Posted by Redazione Rossonera on

Calciomercato Milan Femminile: inizia l’era Ganz tra rinnovi, addii e nuovi acquisti

Calciomercato Milan Femminile: inizia l’era Ganz tra rinnovi, addii e nuovi acquisti

CALCIOMERCATO MILAN FEMMINILE – La nuova stagione calcistica 2019-2020 del Milan Femminile è ormai alle porte e la rosa a disposizione di mister Maurizio Ganz sembra prendere forma giorno dopo giorno, alternando importanti colpi di mercato in uscita e in possibile entrata. In previsione del 24 luglio, giorno in cui si apriranno le attività della squadra femminile con le visite mediche e i primi test fisici, ricapitoliamo le possibili evoluzioni di mercato del Milan Femminile.

Negli ultimi giorni i movimenti più discussi di mercato sono stati quelli in uscita: Thaisa Moreno è stata la prima giocatrice ad ufficializzare la sua dipartita dal Milan Femminile, seguita da Manuela Giugliano e da Camelia Ceasar, mentre la prossima giocatrice in odor di cambiamento potrebbe essere Lisa Alborghetti. Nessuna notizia certa sul futuro di Daniela Sabatino, con una possibilità di vederla il prossimo anno lontano dai colori rossoneri.

La conformazione della rosa per la prossima stagione calcistica inizia invece a prendere forma a partire dai rinnovi, tra cui spiccano nomi di alto rango: Giacinti e Fusetti sono tra le giocatrici più utilizzate nella scorsa stagione che proseguiranno la propria carriera sportiva in rossonero, affiancate da Francesca Zanzi, Raffaella Manieri e Mia Bellucci. Ancora non ufficiale ma probabilmente ben avviato è anche il rinnovo di Maria Korenciova, volta a difendere i pali del nuovo Milan Femminile.

Il reparto più scoppiettante sembra però essere quello degli arrivi in rossonero, dove numerosi sono i nomi atti a rimpolpare tutti i settori del campo. Partendo dalla retroguardia, il parco portieri del Milan Femminile potrebbe essere rinvigorito dall’arrivo di Alessia Piazza, classe ’98, in uscita dal Tavagnacco, con cui ha disputato un’ottima stagione prima dell’infortunio al crociato rimediato a novembre 2018. Nel reparto difensivo i nomi caldi sono quelli della ventottenne norvegese Stine Hovland e dell’ex Atalanta Mozzanica Francesca Vitale, trattative in entrambi i casi in stato avanzato. Tra centrocampo e reparto offensivo gli obiettivi del Milan Femminile sembrano essere diversi, alternando nomi italiani a profili internazionali: Lady Andrade è la giocatrice già nota per i passati tentativi di portarla in rossonero, e finalmente potrebbe essere la stagione giusta per portare in Italia le sue indubbie qualità; nel reparto centrale destano interesse anche i nomi di Lidija Kulis, bosniaca classe ’92, e di Refiloe Jane, centrocampista sudafricana reduce dalla Coppa del Mondo femminile con la sua nazionale. Nel reparto offensivo continua a avere rilievo il nome di Deborah Salvatori Rinaldi, attaccante classe ’91 che ha disputato l’ultima stagione con il Florentia. Da seguire nei prossimi giorni l’effettivo svolgimento finale delle trattative, per dare sempre più una solidità competitiva alla rosa a disposizione di mister Ganz.

A fronte dei movimenti di mercato, molta è stata la polemica recente legata ai trasferimenti in uscita dal Milan Femminile, certamente non di poco conto finora, specie pensando all’altissimo livello qualitativo del centrocampo rossonero nella stagione passata. I trasferimenti finora annunciati, tuttavia, sono sembrati sostanzialmente inevitabili, poiché dettati dalla netta volontà delle giocatrici stesse. Infatti, secondo le normative dei dilettanti -sotto cui ricade il calcio femminile in Italia-, ciò che ad inizio stagione viene stipulato con le giocatrici non è un vero e proprio contratto, ma un accordo economico, nella maggior parte dei casi della durata di un solo anno. Al termine della stagione, ovvero sia il 30 di giugno, l’accordo scade, e a dettare il futuro delle giocatrici è sostanzialmente la volontà di ciascuna di esse: è possibile rinnovare il contratto con il medesimo club, ma è altrettanto possibile scegliere un nuovo club di destinazione in base alle offerte ricevute. Per questo motivo non è corretto parlare di “cessioni” in ambito di calcio femminile, ma si può tuttalpiù discutere di trasferimenti. Nell’eventualità in cui una giocatrice fosse determinata a sposare un nuovo progetto, il club potrebbe provare a trattare il rinnovo, seppur senza impugnare reali vincoli: in casa Milan Femminile è stato sostanzialmente questo l’andamento della trattativa con Manuela Giugliano, giocatrice dal valore inestimabile e che ha deciso di sposare il progetto della Roma Femminile nonostante i tentativi mossi dal club rossonero.

Photo Credits: AcMilan.com

Lucia Pirola

Posted by Redazione Rossonera on

Calciomercato Milan, Ag. Kramaric: “Con i rossoneri nessun contatto, si trova benissimo all’Hoffenheim”

Calciomercato Milan, Ag. Kramaric: “Con i rossoneri nessun contatto, si trova benissimo all’Hoffenheim”

CALCIOMERCATO MILAN, AG. KRAMARIC – Impazzano i nomi dei papabili nuovi acquisti rossoneri, oggi sui media, in particolare quelli tedeschi, si parla di Andrej Kramaric. La redazione di Radio Rossonera ha contattato in esclusiva il suo agente Vincenzo Cavaliere. Ecco le sue risposte:

Partiamo dalla stagione di Kramaric: 37 partite, 22 goal. Annata da incorniciare?

Andrej è oramai alla terza stagione e mezzo da incorniciare, considerando che ha portato l’Hoffenheim alla salvezza con 8 gol dal penultimo posto. Li ha portati per la prima e seconda volta nella storia del Club in Europa League ed in Champions e quest’anno, non riuscendoci, ha comunque fatto una marea di gol e assist“.

Andrej è una seconda punta dai grandi numeri e dal grande movimento. Si sposerebbe bene con una prima punta come Piatek?

Andrej è una punta di grande movimento. Può giocare da falso 9, da seconda punta e dietro le punte. È un giocatore straordinario e completo. Non lo dico io, ma i numeri, i gol, gli assist, l’aver portato la Croazia ai mondiali con lo spareggio e l’aver fatto una parte di storia dell’Hoffenheim diventando il suo bomber più prolifico. Credo che qualsiasi punta abbia piacere di giocare con un giocatore del genere“.

Abbiamo letto che Andrej si trova molto bene all’Hoffenheim ma di fronte ad una chiamata di Boban potrebbe prender in considerazione l’ipotesi Milan, anche eventualmente senza Europa League?

Andrej si trova benissimo all’Hoffenheim che è un grande club“.

Questo contatto col Milan c’è già stato? È un qualcosa che potrebbe concretizzarsi?

Non c’è alcun contatto“.

Immagine articolo tratta da: novantesimo.com

Posted by Redazione Rossonera on

Calciomercato Milan, il sogno Morata e non solo: le mosse di Mirabelli in attesa dell’UEFA

Calciomercato Milan, il sogno Morata e non solo: le mosse di Mirabelli in attesa dell’UEFA

CALCIOMERCATO MILAN, IL SOGNO MORATA E NON SOLO – Nell’attesa del verdetto Uefa il Milan lavora assiduamente alle sue strategie di mercato. Bisogna farsi trovare pronti e preparati nonostante le notizie che arriveranno da Nyon, per questo il telefonino di Massimiliano Mirabelli è un continuo susseguirsi di messaggi e telefonate, ma non solo perché il ds rossonero è andato a visionare da vicino giocatori (Depay in Italia-Olanda) e proprio a Torino in quei giorni ha fatto incontri (tra poco ve ne parliamo).

2022 VOLTE ROMAGNOLI

Nonostante il fuggi-fuggi tanto atteso, il Milan mette il primo tassello per il futuro: Alessio Romagnoli rinnova fino al 2022. L’annuncio arriva a sorpresa, con una diretta Facebook che trasmette il museo Mondo Milan fino all’arrivo del 13 rossonero, accompagnato da Mirabelli e Fassone e proprio quest’ultimo prende parola con un messaggio chiaro: “In un momento difficile come questo siamo qui per annunciare che Alessio rimarrà con noi per 4 anni“. Pietra tombale sulle (già remote) possibilità della Juventus di portare via Romagnoli da Milano e messaggio per tutti: qui nessuno smobilita, con o senza Europa.

LA PUNTA

Il Milan punta al colpo grosso per l’attacco, la sensazione è che l’investimento importante possa essere proprio quello per il centravanti: in questo momento a quanto ci risulta Mirabelli (dopo l’ennesimo meeting con Gattuso e una cena a Corigliano Calabro, un paio di settimane fa…) ha messo nel mirino una vecchia fiamma, Alvaro Morata. È lo spagnolo il primo della lista per il ruolo di attaccante rossonero. Sai che novità direte voi e allora facciamo qualcosa di più, vi raccontiamo un episodio: il mio braccio destro per quanto riguarda il mercato Fausto Marziano mi chiama e quando lo fa è sempre perché ha una bomba in caldo. “Pietro, Morata è il vero obiettivo per l’attacco” chiosa Fausto, premessa: l’ultima volta che mi aveva parlato di una trattativa con questa sicurezza, era quando – appena nominato dalla Sino Europe Massimiliano Mirabelli, con il Closing non ancora avvenuto – mi disse che l’obiettivo sarebbe stato Pierre Aubameyang, si ok non è andata bene alla fine, ma tutti sappiamo che il Milan ha provato a chiudere per il gabonese fino all’ultimo.

Torniamo ad oggi, anzi a qualche giorno fa, Quello che ancora non sapete e che vi raccontiamo in esclusiva è che ci sarebbe stato un incontro a Torino, in grandissimo segreto, tra Mirabelli e  Alvaro Morata. Il direttore sportivo ha voluto parlare direttamente col ragazzo per capire l’eventuale volontà, il ragazzo gli ha comunicato il gradimento per la maglia rossonera (e anche che forse avrebbe dovuto accettare già lo scorso anno..) con o senza Europa League. Tutto facile? Per nulla, i problemi sono economici: il Chelsea è un osso duro, ha pagato lo spagnolo 80 milioni di euro, non noccioline e non è chiaro ancora quanto sia disposto a scendere di prezzo, il Milan ovviamente non ha budget illimitato ma Mirabelli è intenzionato a provare a portare Alvaro a Milano, operazione non facile ma al momento tutt’altro che impossibile. Se non dovesse essere lui, attenzione ancora alla situazione Dzeko, in calo le quotazioni di Belotti e Immobile al momento, ma occhio al jolly Falcao: anzi, secondo qualche voce non confermata al momento, nella giornata di ieri sarebbe stato avvistato nei pressi di Casa Milan. Allucinazioni o realtà? 

DEPAY

L’olandese piace tanto a Gattuso e a Mirabelli, ma al momento il focus dei rossoneri è sulla grande punta da portare a Milano. Nonostante questo, i colloqui con l’entourage dell’olandese e col ragazzo ci sono stati, non è complicato convincere lui quanto trattare con il Lione, da sempre bottega cara che al momento non sembra disposto a discostarsi da una richiesta di circa 40 milioni di euro, fuori portata in caso di grande spesa per l’attaccante (precedenza al momento).

La volontà è comunque quella di rinforzare il Milan nella giusta maniera, con i 3 acquisti promessi, una mezz’ala, un esterno e una punta. Magari per giocare l’Europa League, guadagnata sul campo, perché anche da quella dipenderà il peso degli acquisti del Milan. E questa volta, non bisogna illudere i tifosi, perché la differenza tra un grande nome e un attaccante funzionale, ti può costare più di quanto risparmi.

PBP

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian