Tag Archives

One Article

Posted by Redazione Rossonera on

Alessandro Orlandin (Dir. Lospallino.com) a Radio Rossonera: “Il Milan deve temere Petagna. Leao nei rossoneri il pericolo numero uno”

Alessandro Orlandin (Dir. Lospallino.com) a Radio Rossonera: “Il Milan deve temere Petagna. Leao nei rossoneri il pericolo numero uno”

ALESSANDRO ORLANDIN, MILAN-SPAL A poche ore dalla gara tra Milan e Spal, sfida valevole per la decima giornata di serie A, la redazione di Radio Rossonera ha contattato il direttore di lospallino.com, Alessandro Orlandin, per affrontare alcuni temi relativi al match che si giocherà stasera alle 20:45. Qui di seguito, l’intervista completa.

Come giudichi l’inizio di stagione della Spal e quali sono gli obiettivi stagionali?

“L’inizio di stagione della Spal è stato senza dubbio complicato, lo si sapeva lo sarebbe stato a causa della partenza di uomini chiave come Lazzari e Bonifazi nel mercato estivo e in parte per gli infortuni che hanno falcidiato la squadra perché ad agosto si è fatto male Fares, a settembre si è fatto male D’Alessandro, poi è arrivato l’infortunio di Di Francesco che è ancora da risolvere. Nei primi due casi si tratta di infortuni molto gravi che probabilmente vedranno i giocatori tornare ampiamente nell’anno nuovo e questo ha creato notevoli problemi per una squadra che si deve salvare, perché ha accorciato l’organico, ne ha diminuito la qualità e soprattutto non ha permesso di mettere in campo quelle che sono le qualità dell’organico così come era stato concepito in estate. Poi ci sono dei limiti strutturali che derivano dal mercato estivo, perché in estate probabilmente un paio di giocatori potevano arrivare, non sono arrivati perché il mercato in uscita è rimasto parzialmente bloccato, questo ha fatto sì che la Spal rimanesse un pochino incompleta e tutto questo ha reso l’inizio di stagione un po’ difficoltoso e ora la Spal si trova a rincorrere con una certa fatica”.

Cosa ne pensi del nuovo Milan di Pioli e quali suggerimenti daresti per far uscire dalla crisi la squadra rossonera?

“Il Milan di Pioli non mi sembra diversissimo da quello di Giampaolo per adesso, ma è inevitabile perché è passato troppo poco tempo da questo cambio e l’organico bene o male è quello che è. Il Milan ha problemi per quanto riguarda la rosa, ma anche per la personalità dei giocatori, una squadra un po’ incerta, un po’ timida e confusionaria, non saprei cosa suggerire a Pioli, credo che Pioli debba mettere solo un po’ d’ordine, mettere dei punti fissi, identificare un undici bene o male ad essere titolare e dare delle garanzie, e sperare in un po’ di fortuna perché i risultati in questo momento non arrivano, ma magari un paio di partite fortunate vinte in maniera un po’ sporca possono migliorare la classifica, l’umore, dare un po’ più di convinzione e di conseguenza alleviare la pressione sui giocatori che in questo momento mi sembra molto forte. Di sicuro non invidio Pioli, non vorrei essere nei suoi panni perché l’impresa mi sembra quanto meno complicata a maggior ragione se l’obiettivo è quello di rientrare in Europa o comunque conquistare una posizione di classifica di alto livello”.

Stasera Milan-Spal: quale giocatore dovrebbe temere di più il Milan e quale giocatore temi di più della squadra rossonera?

Se c’è un giocatore che il Milan deve temere è Petagna, ha già dimostrato di saper far male da ex, è una delle colonne portanti di questa squadra, è un giocatore che è cresciuto molto in termini di personalità, di qualità nelle scelte del suo gioco, ha acquisito maggiore freddezza in area di rigore; da non trascurare comunque Jasmin Kurtic, che ha fatto gol domenica contro il Napoli, è un leader nato, un giocatore molto temibile nel gioco aereo, è un altro elemento che può causare dei problemi alle squadre avversarie in qualunque circostanza. Dall’altra parte penso che il pericolo numero uno sia Leao, perché ho l’impressione che si tratti di un giocatore comunque dotato di un grande entusiasmo nonostante il brutto momento del Milan, è un giocatore imprevedibile, veloce, che vede la porta, che può tirar fuori una giocata vincente dal nulla e quindi penso che i problemi principali la Spal li avrà nel tentativo di limitarlo al minimo”.

Andrea Propato

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian