Daily Archives

3 Articles

Posted by Redazione Rossonera on

Intervista esclusiva a Filippo Galli: “Milan buona la prima e bravi i nostri giovani”

Intervista esclusiva a Filippo Galli: “Milan buona la prima e bravi i nostri giovani”

Filippo Galli, intervenuto telefonicamente durante la trasmissione Lunch Press di venerdì 18 settembre, ha toccato diversi temi, a partire dalla partita contro lo Shamrock Rovers fino alle impressioni sulla rosa attuale, passando per l’analisi di alcuni giocatori della rosa 2020/2021

“La vittoria di ieri è quello che ci si aspettava, anche se non bisogna mai dare nulla per scontato. La vittoria è stata netta, nonostante si sia rischiato qualcosina: la squadra è talmente forte e preparata rispetto agli avversari che si può dire BUONA LA PRIMA”.

Si passa poi all’analisi della prestazione e della figura di Gianluigi Donnarumma, prima sottolineando la bontà del suo operato durante il match di Europa League, evidenziando come solitamente venga messo in croce ad ogni minimo errore, nonostante non sia possibile discuterlo alla luce delle presenze accumulate tra Milan e Nazionale.
Aggiunge inoltre: “Ieri ha dimostrato di essere presente, la partita si sarebbe potuta complicare ma Gigio ha fatto il suo, così come il resto della squadra”.
Analizzando poi la scelta di consegnare al numero 99 la fascia di capitano per le scorse partite, definisce questa come una “scelta interna che potrebbe servire a responsabilizzarlo, che se presa denota come il ragazzo possa indossarla”, augurandosi poi che il percorso di Donnarumma possa continuare a lungo.

Uno dei temi principali del post partita è inevitabilmente legato alla prestazione di Gabbia, centrale difensivo rossonero che Filippo ben conosce e su cui ammette che “qualche sbavatura ci sia stata nella partita di ieri sera” ma indicando come, citando Marcelo Bielsa, la squadra possa essere tanto più forte proporzionalmente alla capacità di sostenere l’anello più debole in campo.

Incalzato con una battuta su di un eventuale suo acquisto come centrale di difesa risponde ridendo: “Direi di no, farei danni”.

Tonali invece, indicato in questi giorni come manifesto del progetto attuale, nonché tifoso che ha realizzato il sogno di vestire la maglia dei propri sogni , suscita invece un quesito:  essere un grande supporter di questi colori fin da bambino, può essere un limite oppure un valore aggiunto?
“Non so se possa essere un pro oppure un contro, sicuramente indossare una maglia che ci si sente addosso, conoscere l’atmosfera di San Siro, comprendere cosa significhi essere tifoso può aiutare, anche se risulta però difficile dare un’interpretazione univoca di comportamento. Si tratta di un classe 2000 con esperienza, in grado di rappresentare un vero e proprio valore aggiunto in mezzo al campo, di ricoprire funzioni e ruoli diversi”.

Lo step successivo è inevitabilmente quello di analizzare, insieme ad un esperto e maestro di settore giovanile come Galli, due profili che hanno brillato nel pre-campionato:
Lorenzo Colombo: “è un 2002, quindi giovanissimo, dotato di fisico e buona tecnica, che però in passato ha spesso e volentieri usato fin troppo il suo sinistro, a discapito dell’altro piede, il che può essere considerato un punto a sfavore ma il ragazzo è dotato di grandi margini di crescita. È interessante, sa fare goal, vede la porta, sa difendere palla: occorre togliergli più pressioni possibili, ma già il fatto che venga ipotizzato possa fare il vice Ibra è una bella cosa, nonostante sia una valutazione da fare tra staff e società”.

Daniel Maldini: “può diventare un giocatore importante, anche importantissimo. Ha le qualità, ho sempre detto che si tratta di un grande talento, capace di vedere gioco e linee di passaggio che altri non vedono: il suo unico problema è sempre stato costituito dalla continuità. Contro il Monza ho visto un bellissimo goal per finalizzazione e costruzione dell’azione”.

Per completare il discorso sui giovani talenti, si è parlato dell’opportunità di scegliere fra mandare ragazzi a giocare in prestito altrove oppure tenerli in rosa al fine di farli crescere attraverso gli allenamenti con la prima squadra, con una soluzione che sottolinea debba essere presa di comune accordo fra calciatore, staff tecnico, famiglia e società, dal momento che ogni soggetto è sottoposto a valutazioni ed attitudini tali da necessitare di un ragionamento accurato e delicato per questo tipo di scelte.

Si chiude poi parlando delle coppe europee, con il sogno Europa League, per cui invita ad inseguire la speranza e la possibilità di arrivare in fondo ad una competizione che manca nel palmares milanista, e l’obiettivo di qualificarsi in Champions League, per cui si dice fiducioso di tornare a vedere le partite del martedì e del mercoledì nella massima competizione europea attraverso la rossa attuale, già competitiva a suo avviso.

Emanuele Frigerio

Posted by redazionevirtuale on

Shamrock Rovers-Milan 0-2, the day after! Analisi tattica, dichiarazioni, curiosità e la giocata del match

Shamrock Rovers-Milan 0-2, the day after! Analisi tattica, dichiarazioni, curiosità e la giocata del match

LA PARTITA

Il Milan torna in campo in Europa League 644 giorni dopo l’ultima apparizione, la dolorosa sconfitta per 3-1 contro l’Olympiakos. Pioli schiera la miglior formazione disponibile ad eccezione dell’infortunato Romagnoli, che non sarà disponibile fino ad inizio Ottobre, e dello squalificato Rebic, disponibile eventualmente solo dai gironi.

La prima parte del match è caratterizzata da un buon possesso palla della squadra rossonera alla quale manca però l’ultima giocata per tramutare in azioni pericolose la superiorità territoriale. I padroni di casa cercano rapide ripartenze e al 12′ impensieriscono Donnarumma con Green. Al 22′ arriva il vantaggio rossonero con Ibrahimovic che sfrutta un delizioso assist di Calhanoglu e non si lascia sfuggire l’opportunità di realizzare la sua prima rete stagionale. Nel secondo tempo sale in cattedra il turco, che prima sfiora il goal in rovesciata colpendo la traversa, e successivamente trova la rete del 2-0 con un tiro da fuori area concretizzando al meglio un’ottima azione della squadra rossonera.

Sul finale di partita spazio per Tonali e Diaz, pochi minuti utili per trovare la condizione.

Si riparte con una vittoria. Ora testa al prossimo match contro il Bologna per la prima di campionato. Il cammino in Europa League riprenderà il Giovedì 24 Settembre a San Siro contro il Bodø/Glimt, squadra norvegese, l’eventuale spareggio per l’accesso ai gironi verrà invece giocato in trasferta contro la vincente di Besiktas-Rio Ave.

ANALISI TATTICA

Il Milan ripropone l’ormai collaudato 4-2-3-1 e porta avanti il percorso iniziato sul finire della scorsa stagione. Recupero di palla in fase avanzata, verticalizzazioni rapide e possesso di palla veloce e non fine a se stesso. La condizione fisica delle squadra ha condizionato molto il gioco della scorsa serata e molte giocate non sono andate a buon fine proprio per la poca lucidità dei rossoneri.

Sono mancati molto gli inserimenti dei centrocampisti negli spazi lasciati liberi da Ibrahimovic che spesso arretrava il suo raggio di azione per impostare la manovra. Siamo ancora lontani dalla condizione e dal gioco che hanno contraddistinto il finale della scorsa stagione. Pioli e il suo team devono essere bravi a portare la squadra nella condizione ottimale il prima possibile  permettendo alla squadra di ritrovare il giusto ritmo ed intensità.

Degna di nota l’azione del 2-0, Ibra prende palla sull’esterno attirando su di sé la difesa avversaria, scarica palla al centro area per Saelemaekers che protegge bene la palla e serve a memoria un assist a Calhanoglu per il tiro da fuori.

CURIOSITA’

Hakan nelle ultime 13 partite, ha realizzato 7 gol e fornito 9 assist e in ben 4 delle ultime 7 partite ha realizzato sia un goal che un assist, segno che il 10 rossonero sta diventando sempre di più un giocatore fondamentale per il Milan e alzando il livello delle sue prestazioni.

A fine partita Zlatan ha regalato la sua maglia all’attaccante degli irlandesi Greene che si è diretto subito a bordo campo dove ad attenderlo c’era suo figlio, raccattapalle, e di colpo il sorriso è comparso sul volto del giovane bambino. Lo Shamrock Rovers ha pubblicato le foto del gesto sui propri social.

 

LA GIOCATA

Al minuto 89 Diaz prende palla a metà campo con due avversari in pressing, finta di andare sull’esterno e con un rapido controllo di palla destro-sinistro entra in mezzo al campo e trova lo spazio per servire in profondità Castillejo che si trova solo davanti al portiere ma non riesce a fruttare la giocata del giovane spagnolo.

Le giocate decisive del match sono altre, vedi assist di Calhanoglu per Ibrahimovic, ma questa è una di quelle giocate che rimangono nella mente dei tifosi e che speriamo di rivedere spesso da lui in questo campionato.

DICHIARAZIONI

Mister Pioli: “…. Sono più le cose positive che quelle negative stasera. Sapevamo che per loro poteva essere la partita della vita, ma poteva esserlo anche per noi. Se non raggiungiamo l’Europa League quanto fatto la passata stagione andrebbe in parte vanificato…

Le dichiarazioni di Pioli combaciano con il pensiero di molti tifosi rossoneri, partire con il piede giusto in questa stagione proseguendo quanto di buono fatto nei mesi finali della scorsa permetterebbe alla squadra rossonera di acquisire ancora più consapevolezza dei propri mezzi, necessaria per crescere ulteriormente e alzare l’asticella.

Anche Calhanoglu a fine partita parla ai microfoni “… L’intesa con Zlatan Ibrahimovic? Spero di continuare così! Abbiamo un grande feeling insieme. Grazie anche alla squadra se siamo così forti. Dobbiamo continuare così..

Il giocatore turco dall’arrivo dello svedese ha cambiato marcia e il ringraziamento alla squadra fa sicuramente capire che mister Pioli ha creato un grande gruppo pronto a fare una grande stagione.

Per finire le parole di Bradley tecnico del Shamrock Rovers: “I ragazzi sono stati fantastici..sono stati coraggiosi e se Aaron (Green) avesse segnato con alla sua prima occasione, non si sa mai cosa sarebbe potuto succedere…

Dichiarazioni del tecnico irlandese che sottolineano l’importanza della parata di Donnarumma al 12′ minuto con le squadre ancora sullo 0-0. Con un goal subito a freddo avremmo sicuramente assistito ad un’altro tipo di partita e il Milan avrebbe avuto non poche difficoltà a portare a casa la vittoria.

TOP & FLOP

Prestazione positiva e sulla falsa riga delle ultime apparizioni per Donnarumma, Calhanoglu e Ibrahimovic. Menzione particolare va a T.Hernandez che dopo un pre-campionato a detta di molti sottotono, sfodera una buona prestazione segno di una ritrovata condizione fisica.

Le note negative del match non sono molte, una su tutte la prestazione di Gabbia. Con Romagnoli out ancora per qualche partita il giovane rossonero deve riuscire a trovare velocemente la condizione fisica e mentale per reggere le pressioni, e non sono poche, di stampa e tifosi.

Il mercato ci dirà se il Milan riuscirà ad aggiungere un altro tassello alla rosa dei difensori centrali per poter così avere una linea difensiva solida che trasmetta sicurezza a tutto il resto della squadra.

Cristian Claretti

Photo Credits: AcMilan.com

Posted by Redazione Rossonera on

Le pagelle di Shamrock Rovers-Milan 0-2, torna la premiata coppia Ibra-Calha!

Le pagelle di Shamrock Rovers-Milan 0-2, torna la premiata coppia Ibra-Calha!

Pagelle Shamrock Rovers-Milan 0-2 – Esordio ufficiale del Milan 20/21 firmato Stefano Pioli. L’undici titolare non vede nuovi acquisti e conferma il 4-2-3-1 che aveva infiammato la fine della scorsa stagione. Il Milan parte forte, ma la prima occasione è per gli irlandesi con Greene al 12’, respinta da un fresco Gigio Donnarumma. I rossoneri passano al 23’ con il rinnovato Ibrahimovic, su un assist di esterno-punta di Hakan Calhanoglu. Nel secondo tempo, il turco raddoppia su assist di Saelemaekers, che fissa lo 0-2 finale. Minimo sindacale per il Milan, ma contro il Bodo/Glimt potrebbe non bastare. E niente. Per dirla alla Caressa, “spiega molte cose”.

Pagelle

Donnarumma 6,5: Nel primo tempo, para più lui del suo collega. Dice di no a Greene tre volte. C’è da sperare che Raiola stesse guardando Mura-Aarhus. #Rinnovadai

Calabria 6: È il primo della stagione a fare arrabbiare Ibra. Ma questo è il rischio più grosso che corre nei 90 minuti, completando una buona prova. Gattuso l’ha provato mediano, nel pre-stagione segnava quanto Messi e questa sera ci va vicino. Fossi, che so, Giampaolo, una ventina di milioni li offrirei ad occhi chiusi. Lo consigliava pure Messi. #Jolly

Kjaer 6: Attento, preciso. Classic Kjaer. #Imperturbabile

Gabbia 5: Un primo tempo in grande difficoltà su Greene, che fa ciò che vuole. Nel secondo tempo, cresce. Ma non è abbastanza. #Rinviatoagiudizio

Theo Hernandez 6,5: A tratti si rivede il Theo della scorsa stagione. Tutti i rossoneri vengono menati. Lui viene particolarmente menato. A riprova che è temuto quasi come Ibrahimovic. #TrenoHernandez

Bennacer 6: In fase di impostazione si abbassa tra i due centrali. Qualche errore di troppo per il Bennacer a cui siamo abituati, ma nulla di clamoroso. È pur sempre agosto. Cioè, settembre. #Rodaggio

Kessie 6: Si perde Byrne qualche volta di troppo. Che poi, probabilmente pure una volta sarebbe stata troppo. Per il resto, tanta sostanza in campo. Ma con Tonali che bussa alle spalle, potrebbe non essere sufficiente. #Kranck

Castillejo 6: Cerca il gol su una gran palla di Ibra. Non trova il gol. Speriamo lo trovi, il gol. Perché è importante, fare gol, se giochi in attacco. Questo pare lo dica Pirlo, nella sua rivoluzione del calcio moderno. #Castiepuri

Calhanoglu 7: Ricomincia come aveva finito, con un assist e un gol. Verrebbe quasi da pensare che bastasse metterlo trequartista, invece che terzino sinistro. #Tupensa

Saelemaekers 6: Fa tutto bene, a parte quando deve segnare. E come dice Pirlo, segnare è importante. Ma pare dica anche che fare assist sia fondamentale. E il suo per il raddoppio è perfetto. Il mondo è fatto a scale, c’è chi scende e c’è chi #Saele

Ibrahimovic 6,5: Come Calhanoglu, anche Z. ricomincia come aveva finito, ossia segnando. Due giorni fa, pare fosse infortunato. Alla prima stagione, fa 90 minuti e segna. A 39 anni. #BenjaminButton

Krunic 6: Herausragende leistung, zukünftiger Champion. Letteralmente “prestazione eccezionale, futuro campione”, almeno secondo Google traduttore. Così, nel caso ci leggessero a Friburgo. #Venghino

Tonali SV: La cosa migliore l’ha già fatta scegliendo la parte giusta di Milano. #Tiamo

Brahim Diaz SV: Pare sia in prestito, speriamo se lo dimentichi. #AnamenaepurePioli

Federico Rosa

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian